VIDEO/ Real Madrid-Barcellona (2-3): ancora Asensio dopo la finale di Champions e l’Europeo (Highlights)

- Matteo Fantozzi

Video Real Madrid-Barcellona, Kovacic e Asensio rispondono a Messi e Rakitic in gol nei primi sette minuti. Nella ripresa la rete decisiva  la segna Piquè nel giorno dell’addio di Neymar.

neymar_angolo_internationalchampionscup_lapresse_2017
Real Madrid-Barcellona, l'addio di Neymar - La Presse

ANCORA ASENSIO DOPO IL GOL IN FINALE DI CHAMPIONS E L’EUROPEO D’ARGENTO

La sua squadra ha perso in Real Madrid-Barcellona, ma Marco Asensio torna subito ad essere protagonista. Il giovane talento della cantera madrilena infatti ha segnato ancora dopo che lo avevamo visto siglare una rete in finale di Champions League a suggellare il 4-1 sulla Juventus e dopo un Europeo in cui aveva raccolto la medaglia d’argento da protagonista. Asensio ha segnato un gol di grande furbizia contro il Barca in International Champions Cup, come si vede nel video, fintando di tirare sul secondo palo e colpendo poi sul primo. La rete è stata molto simile a quella di Brahim Diaz nella sfida Manchester City-Tottenham. Sarà interessante vedere che stagione sarà per Marco Asensio sul quale il Real Madrid ha dimostrato di puntare molto anche per la partenza di Alvaro Morata direzione Chelsea che gli apre ulteriore spazio. Certo ci sono ancora Cristiano Ronaldo e Christian Bale, oltre ovviamente a Karim Benzema, ma dietro di loro spunta subito questo splendido talento spagnolo.

SARA’ DAVVERO QUESTA L’ULTIMA DI NEYMAR COI BLAUGRANA? 

Neymar è rimasto all’asciutto nella sfida Real Madrid-Barcellona valida per l’International Champions Cup. Fosse stata una partita qualsiasi non ci sarebbe stato da preoccuparsi, ma questa non era una come le altre. Infatti Real Madrid-Barcellona potrebbe essere l’ultima partita del talento brasiliano al Barcellona. Sembra infatti fatta per il suo passaggio al Paris Saint German che è disposto a pagare la clausola da 222 milioni di euro, cifra che permetterebbe poi al club catalano di andare a prendere uno tra Paulo Dybala della Juventus e Antoine Griezmann dell’Atletico Madrid. Neymar non è sembrato al massimo nella gara, ancora un po’ indietro di condizione e appesantito non è riuscito a trovare continuità nelle giocate e soprattutto quel gol che poteva essere un saluto ai tifosi che lo hanno accolto a braccia aperte in Europa senza mai farlo sentire inferiore all’altra stella del Barca, Lionel Messi. Sarebbe stato quanto meno interessante vedere come il ragazzo si sarebbe comportato dopo la rete, dalle esultanze anche in amichevoli si può capire sempre qualcosa. Clicca qui per il video degli  highlights di Real Madrid-Barcellona. (agg. di Matteo Fantozzi)

REAL MADRID-BARCELLONA, IL VIDEO E GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA

Zidane effettua diversi cambi durante l’intervallo. Restano negli spogliatoi Sergio Ramos, Varane, Modric e Asensio. Al loro posto Nacho Fernandez, Vallejo, Isco e Lucas Vazquez. Tra le fila del Barcellona fuori Iniesta per Sergi Roberto. A inizio ripresa le due squadre si studiano, cercando di capire l’assetto avversario dopo i vari cambi. Al 49esimo prima chance e risultato che cambia per la quinta volta. Da calcio piazzato per i blaugrana è tutto troppo facile. Tocco sotto di Neymar per Piquè che solo solo nel cuore dell’area insacca con un piatto al volo. Carvajal e Nacho non pervenuti. Il Real sembra aver bisogno di tempo per stabilizzarsi dopo i tanti cambi. Il Barça prova ad approfittarne. Neymar viene pescato in avanti e punta due uomini, li supera ma Navas, molto bravo nell’uscita, lo chiude bene. Poco dopo ancora una chance per il brasiliano. Questa volta da posizione troppo angolata. Navas blocca sicuro. La gara si incattivisce. Al 60esimo viene ammonito Carvajal. Il Barça intanto sfiora ancora il gol. Umtiti su azione da corner centra il palo. Il Real prova ad appoggiarsi su Isco. Lo spagnolo va in area e cerca il primo palo in pochi secondi. Cilessen attentissimo. Anche Valverde cambia qualcosa. Escono Luis Suarez e Messi, al loro posto entrano Paco Alcacer e Vermaelen. La pressione del Barça sembra allentarsi e il Real prova a ricompattarsi. In avanti però le idee latitano. Manovra troppo prevedibile e compassata. Anche Valverde cambia: entrano Denis Suarez, Turan, Mascherano, Samper e Digne escono Jordi Alba, Rakitic, Piquè, Neymar e Busquets. Per il Real entra Theo Hernandez al posto di Marcelo. Il Barcellona prova ad amministrare il vantaggio. Il Real non ci sta e pressa alto. Al 76esimo i blaugrana ottengono un corner ma rischiano di subire gol in contropiede. Mascherano interrompe l’azione avversaria. Tra le fila del Real Madrid entra anche il giovane spagnolo Dani Ceballos, tra i migliori dell’Europeo Under 21. Il neo-acquisto delle merengues si mette subito in mostra. Da posizione centrale prova un tiro a giro di prima. La palla rientra all’ultimo e graffia la parte esterna del palo. Talento e coraggio. Il Real Madrid prova a gestire palla ma commette troppi errori in zona offensiva. Il Barcellona ne prova ad approfittare mantenendo a lungo il pallone. Le tradizionali ed eterne azioni del Barcellona post-guardiolista incantano le seconde linee dei blancos, poco inclini al recupero. Nel finale il Real si spinge in avanti cercando disperatamente il pari che eviterebbe la terza sconfitta su tre gare di ICC 2017. Isco sulla sinistra cerca un’idea. Trova e premia Vazquez che si gira e calcia. Nessun problema per Cilessen. 

PIQUE’ DECISIVO NELLA RIPRESA, 2-2 NEL PRIMO TEMPO

Il Barcellona scende in campo con il 4-3-3. Tra i pali Cillessen, linea difensiva composta da Aleix Vidal, Piquè, Umtiti e Jordi Alba. A centrocampo Iniesta, Busquets e Rakitic. In avanti Valverde schiera i titolarissimi Messi, Neymar e Suarez. Zidane risponde con il consueto 4-3-3. Keylor Navas in porta, Carvajal, Sergio Ramos, Varane e Marcelo i 4 difensori. In mezzo al campo spazio a Modric, con il nuovo numero 10 sulla maglia, Casemiro e Kovacic mentre in zona offensiva ci sono Asensio, Bale e Benzema. In apertura problemi per Neymar, dolorante a un piede. Dopo pochi minuti il brasiliano torna in campo. Al terzo minuto si sblocca il risultato. Palla a Messi che prova a vincere il contrasto con Ramos ma in verità la palla passa e rimbalza su Marcelo. Messi recupera palla mentre i giocatori del Real si interrogano sul da farsi, entra in area, si accentra, fa una finta, ne fa un’altra e finalmente calcia superando Navas. Barcellona subito in vantaggio. La squadra blaugrana non si ferma anzi raddoppia. Neymar dalla destra entra in area e cerca Suarez. Velo pregiato per Rakitic che con una cannonata fa secco Navas. Partenza favolosa del Barça. Il Real Madrid dopo un pessimo avvio prova a riprendersi iniziando finalmente a giocare. La qualità in zona offensiva permette ai blancos di trovare il gol al primo affondo. Kovacic rivece al limite dell’area. Controlla e mira il secondo palo e con un tiro secco rasoterra trova il gol dell’1-2. Lo sconforto abbandona le fila del Real. La squadra di Zidane prova a prendere in mano le redini del gioco. Marcelo scende sulla sinistra e offre palla in mezzo per Bale. La difesa blaugrana spazza con Umtiti. Benzema, qualche istante dopo, va vicino al gol. Il francese prende palla sulla trequarti e punta Pique’. Giunto al limite ci prova ma manda la palla fuori di poco. Ammonito Varane per fallo su Neymar. Sul calcio di punizione che segue ci prova Messi. Varane stacca di testa e manda la palla dalla barriera alla bandierina. Il Real Madrid fatica in questi minuti ad arrivare al tiro. Barcellona sempre pericoloso in contropiede. I blaugrana trovano praterie in contropiede alla mezzora mentre Marcelo e Ramos sono totalmente fuori posizione. Luis Suarez trova Neymar che ostacolato da Carvajal riesce comunque a tirare. La palla esce fuori di pochissimo. Qualche minuto dopo Messi ha un paio di ottime occasioni ma le spreca. La prima proietta “la pulce” a un tiro dalla lunetta. Troppa fretta, la palla si impenna e finisce in curva. Subito dopo tete-a-tete con Navas. Il portiere costaricense è abile a rimanere in piedi fino all’ultimo e di piede respinge il tentativo a botta sicura di Messi. Al 35esimo il Real punisce in contropiede. Il Barcellona difende male mentre prova a battere il corner. Asensio accelera e spacca in due la difesa avversaria. Palla a Kovacic che gliela restituisce mentre Benzema porta via un altro avversario. Jordi Alba prova con una sgangherata scivolata a impedire che Asensio riceva. Non è così. Asensio stoppa, si accentra e tira sul palo del portiere: è il gol del pari. Nel finale di tempo vibranti proteste dei giocatori blaugrana. Messi fa irruzione in area e punta la porta. Contatto con Casemiro ma secondo l’arbitro non c’è rigore. Decisione corretta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori