CLASSIFICA TOUR DE FRANCE 2017/ Maglia gialla ancora a Chris Froome, Barguil leader delle montagne (9^ tappa)

- Mauro Mantegazza

Classifica Tour de France 2017: la maglia gialla sulle spalle di Chris Froome e le altre graduatorie in vista della 9^ tappa della Grande Boucle da Nantua a Chambery.

bardet_froome_quintana_podio_tour2016_lapresse
La Presse

Una 9^ tappa del Tour de France 2017 davvero movimentata con tante cadute (non ultima quella di Geraint Thomas e Richie Porte) e uscite di scena di uomini classifica e con una non pronosticata vittoria al fotofinish di Rigorberto Uran.  Controllando la classifica generale però notiamo che con il terzo piazzamento al traguardo finale di Chambery è Chris Froome il leader della graduatoria generale: il britannico della Team Sky mantiene così a sorpresa sulle sue spalle la maglia gialla, ma dietro di lui rimane molto vicino Fabio Aru ora a 18 secondi di distacco. Terzo gradino della lista per uno dei grandi protagonisti di questa frazione ovvero Romain Bardet ora a 51 secondi di distanza, mentre al quarto posto troviamo Rigoberto Uran vincitore della tappa di oggi, con Fulsgang quinto, a un minuto e 37 secondi. Per quanto riguarda  la maglia  pois, protagonista oggi visti i 7 Gpm previsti (di cui 3 Hors Catégorie) ricordiamo che il nuovo leader è Warren Berguil a 60 punti e seguito nella graduatoria degli scalatori da Roglic a 30 punti e da Vuillermoz a 27 punti, segnaliamo inoltre che Yates è ancora leader della classifica giovani mentre in quella a punti rimane in testa Marcel Kittel. (agg Michela colombo)

Passato anche il secondo Gran Premio della Montagna fuori categoria di questa intensissima 9^ tappa del Tour de France 2017 la classifica dedicata agli scalatori si è di nuovo modificata come da previsione: in vista del traguardo volante di Massigneu de Rives distante ancora qualche decina di km facciamo il punto sulla graduatoria caratterizzata dalla maglia a pois. In testa alla graduatoria dopo il successo a Grande Colombier troviamo l’alfiere della Sunweb Warren Barguil che or a+ a 40 punti e viene seguito da Primo Roglic a 30 punti e da Alexis Vuillermoz fermo a quota 27 punti. Facendo qualche rapido calcolo e tenendo conto che manca ancora un Gpm di 4^ categoria del Côte de Jongieux (3.9 km per 4.2%)  e un Gran Premio della Montagna fuori categoria del Mont du Chat (8.7 km per 10.23%9 già visto nell’ultima edizione del Giro del Delfinato 2017). Dei 70 punti messi in palio per gli scalatori oggi in questa ^ tappa del Tour de France 2017 già la maggior parte sono stati distribuiti e secondo la matematica appare chiaro che uno dei tre primatisti citati prima sarà il nuovo leader  con la maglia a pois a Chambery salvo sorprese. (agg Michela colombo)

Siamo ormai in vista del secondo Gran Premio della Montagna di fuori categoria della 9^ tappa del Tour de France 2017 e già dopo il Col de la Biche la classifica riservata agli scalatori ha subito le prime grandi modifiche in cima. Dopo il primo Gpm d’Hors Catégorie andato a Roglic, proprio il corridore della Lotto Jumbo è per il momento virtuale leader della graduatoria e quindi possessore sempre in maniera virtuale dell’iconica maglia a pois, che è stata strappata dalle spalle del francese Lilian Calmejan. Alle sue spalle a pari merito con 20 punti  e a 3 di distacco troviamo per il momento Warren Barguil  della Sunweb: terzo radino del podio a  17 punti per Thibaut Pinot della Fdj, mentre quarto è Alexis Vuillermoz a quota 15. Questa classifica però presto subirò nuove modifiche importanti:  si avvicina infatti il Gpm de Grand Colombier, anche questo Fuori categoria, il secondo di tre per la 9^ tappa del Tour de France 2017. (ag Michela colombo)

Siamo in vista del primo Gran Premio di Montagna d’Hors Catégorie, ovvero una cima fuori categoria per il Tour de France 2017, ovvero Col de la Biche: in attesa di conoscere chi sarà il ciclista che oggi si accaparrerà i primi 25 punti per questo tipo di alture in questa 9^ tappa facciamo un breve riepilogo sulla graduatoria riservata alle squadre. Come è noto per questa classifica il Tour de France 2017 prevede che si assommano i punti ottenuti dai primi tre ciclisti di ogni team al termine di ogni frazione. Al momento questa particolare graduatoria che concede alla sua squadra leader la possibilità di vestire la casacca con il proprio numero su fondo giallo, vede in testa il Team Sky con il crono generale di 99H 58′ 32”, seguiti dalla Bmc a 1 minuto e 59 secondi e dalla Ag2r La Mondiale, che invece dista ancora 3 minuti e 21 secondi. Gap importanti quindi ma che potrebbero venir capovolti anche oggi la termine della frazione al traguardo finale di Chambery. (agg Michela Colombo)

Siamo finalmente entrati nel vivo della 9^ tappa del Tour de France e come previsto è proprio la classifica riservata agli scalatori quella che oggi subirà i maggiori spostamenti: la corsa infatti ha già affrontato il primo Gran Premio della Montagna  della Cote des Neyrolles dove per primo è passato Thibaut Pinot e che così ha ottenuto quindi i primi 5 punti validi per la Grande Boucle 2017 come previsto per le alture della seconda categoria. Per il momento questo piccolo traguardo non permette al ciclista francese di risalire la graduatoria riservata agli scalatori ovviamente ma si stratta di un primo punto importante. Va però precisato che i punti per la classifica degli scalatori messi in palio oggi sono davvero tanti e quindi saranno frequentissimi i colpi di scena. già tra pochi km infatti è previsto il secondo Gpm della giornata del Col de Berentin di terza categoria. (agg Michela Colombo)

Sta per avere inizio tra pochi minuti la 9^ tappa del Tour de France 2017, tra le più impegnative di questa edizione e con un percorso che metterà in evidenza le doti degli scalatori e di conseguenza anche la classifica associata. Non va però dimenticato che il tracciato di questa frazione mettere in luca anche moltissimi giovani, impazienti di certo di mettersi alla prova con i 7 Gran Premi di Montagna in programma: vediamo quindi ora nel dettaglio come si configura prima del via di Nantua la graduatoria degli Under 25 della Grande Boucle. La maglia bianca disposta per il leader della graduatoria sarà vestita anche oggi dal ciclista della Orica Scott Simon Yates, davanti a tutti con il crono generale di 33H 19′ 53”: dietro di lui però rimane vicino il francese Pierre Roger Latour distante appena 24 secondi. Appena più lontano invece il terzo della classifica giovani ovvero il sudafricano della Uae team Emirates Louis Meintjes a 41 secondi e il tedesco Buchmann quarto a 46 secondi: dietro i primi 4 però poi il divario rimane consistente con il quinto classificato Martin della Wanty fermo a  1’40”. (agg Michela Colombo)

Con sette gran Premi della montagna in programma nella 9^ tappa del Tour de France 2017 di cui ben due saranno fuori categoria (i cosiddetti Gpm Hors Catégorie) è chiaro che sarà la classifica riservata agli scalatori quella che oggi le maggiori modifiche. Al momento ricordiamo che l’iconica maglia a pois dopo la frazione di ieri è sulle spalle del giovane della Direct Energie Lilian Calmejane, ma difficilmente il francese che ora ha a bilancio appena 11 punti, riuscirà a conservarla fino al traguardo di Chambery. Alle sue spalle infatti la concorrenza dei grandi scalatori è davvero forte a partire dal nostro Fabio Aru, ex maglia a pois e distante nella graduatoria della montagna di appena un punto dal leader attuale: dietro all’alfiere della Astana vi è però Daniel Martin della Quick Step a 8 punti oltre a Robert Gesink (Lotto Jumbo) e Barguil (Sunweb) rispettivamente fermi a 8 e 7 punti. Le distanze sono poche quindi nella graduatoria e visti i punti messi oggi in palio non sarà impossibile che anche uomini fuori classifica oggi raggiungano piazzamenti importanti. (agg Michela colombo)

Oggi sarà una delle giornate più importanti per la classifica del Tour de France 2017, che al momento continua a vedere al comando Chris Froome, il quale indosserà la maglia gialla ancora una volta, con un vantaggio di 12” sul compagno di squadra Geraint Thomas e 14” sul nostro Fabio Aru. La frazione odierna però è una delle più attese dell’intero Tour de France e dovrebbe far sentire in modo significativo i propri effetti sulla classifica generale. In totale ci attendono 4.600 metri di dislivello, dato degno dei tapponi del Giro o della Vuelta, solitamente più montagnosi rispetto alla Grande Boucle. Basterebbe forse dire che ci saranno ben tre Gpm Hors Catégorie (i più difficili) per capire l’importanza di questa nona tappa Nantua-Chambery.

Le incognite sono tante: due di queste durissime salite sono poste già nella prima metà della tappa, se qualcuno dei big attaccasse fin da subito potrebbe saltare il banco. Chi starà bene avrà il dovere di imporre quanto meno un ritmo molto alto fin da subito, anche se per gli attacchi decisivi l’appuntamento sarà sicuramente sul Mont du Chat, salita lunga e durissima, seguita da una discesa anch’essa degna di grande rispetto. La speranza è che Fabio Aru confermi la condizione mostrata mercoledì a La Planche des Belles Filles, dove senza dubbio il sardo era stato il più forte di tutti in salita: l’occasione di questa tappa, che nel suo complesso è la più difficile di tutto il Tour de France, va colta anche se non ci sarà l’arrivo in salita, fatto che imporrà anche grande attenzione anche alle strategie, perché l’apporto delle squadre sarà fondamentale – ad esempio nel tratto fra il Grand Colombier e il Mont du Chat.

Di certo ci saranno novità per quanto riguarda la maglia a pois, che ieri è finita sulle spalle dell’eroe di giornata Lilian Calmejane. Oggi però di fatto è come se si ripartisse da zero, perché con i tre Gpm Hors Catégorie (più altri quattro Gpm minori) è verosimile ipotizzare che questa sera diventerà leader della classifica degli scalatori chi conquisterà più punti lungo il percorso della frazione odierna. Un’altra graduatoria che oggi potrebbe subire una scossa è la classifica dei giovani, che vede in maglia bianca sempre il britannico Simon Yates della Orica-Scott e distacchi piuttosto ridotti fra i primi: oggi però tutto può succedere. Nulla invece dovrebbe cambiare per la classifica a punti, che è quella riservata soprattutto ai velocisti e che di conseguenza subisce modifiche soprattutto nelle tappe con arrivo allo sprint: venerdì Marcel Kittel ha conquistato la maglia verde, oggi per il tedesco e per tutti gli altri velocisti del gruppo l’unico obiettivo sarà invece quello di arrivare al traguardo entro il tempo massimo.

1. Chris Froome (Gbr, Sky)

2. Fabio Aru (Ita, Astana) a 18″

3. Romain Bardet (Fra, Ag2r LA Mondiale) a 51”

4.0Rigoberto Uran (Col, Cannondale ) a 55”

5. Jakob Fulsgang (Den, Astana) a 1’37”

6. Daniel Martin (Irl,Quick Step Floors) a 1’44”

7. Simon Yates (Grb, Orica Scott) a 2’ 02”

8. Nairo Quintana (Col, Movistar) a 2’31”

9. Mikel Landa (Spa, Team Sky) a 3’06”

10 George Bennet (Aus, Lotto Jumbo) a 3’53”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori