MARTIN CASTROGIOVANNI/ Accuse al rugby e Gattuso sui giovani: qualche schiaffone non guasterebbe

- Emanuela Longo

Martin Castrogiovanni, nuovo volto di Alpha: critiche al mondo del rugby. Le dichiarazioni forti di Gattuso sui giovani di oggi e sulla disciplina che manca.

martin_castrogiovanni_video_corriere
Martin Castrogiovanni

Martin Castrogiovanni e Gennaro Gattuso sono solo alcuni dei nomi scelti come testimonial del nuovo canale televisivo di DeAgostini, Alpha, destinato al pubblico maschile ma naturalmente anche alle donne. Ed è proprio nel corso della conferenza stampa di presentazione che i due personaggi del mondo dello sport hanno rilasciato alcune dichiarazioni piuttosto forti. Castrogiovanni e Gattuso, tra l’altro, saranno i primi nomi a raccontarsi nel programma “Campi di battaglia” in onda nel 2018 sul nuovo canale 59 del digitale terrestre. Entrambi, nella vita, hanno ricevuto tanti schiaffi non solo metaforici e anche di questo parleranno nel corso della trasmissione, naturalmente insieme al successo, ai fallimenti, alla malattia ed alle loro passioni odierne. “Penso che oggi come oggi il vero uomo Alpha è quello che comanda a casa”, ha dichiarato lex rugbista microfoni di CorriereTv.

MARTIN CASTROGIOVANNI E LE ACCUSE AL SUO EX MONDO

Lui lo aveva sempre detto: avrebbe continuato a giocare a rugby solo fino a quando si sarebbe divertito. Quando ha smesso di provare divertimento in ciò che faceva, Martin Castrogiovanni ha deciso di smettere. “Non mi divertivo più per tante cose”, ha ammesso, “Per cose politiche ma anche per una questione fisica perché venivo da un tumore e da vari infortuni che non mi permettevano più di essere il giocatore di un tempo”. Ma dichiarazioni piuttosto forti le ha rilasciate anche in merito al suo sport ed al cambiamento a cui è andato incontro rispetto agli inizi: “Cè gente che mi giudica ma era quella che si drogava e non venivano fatti i test antidoping, gente che dava calci in testa a chi era per terra”, dice, denunciando la falsità e il favoritismo dietro le squadre più grandi. “Molto meglio lavorare in televisione, che sarà anche finta, ma almeno lo so in partenza”, ha quindi chiosato. Una situazione che, ha tenuto a sottolineare, ha riguardato non solo il contesto italiano ma quello mondiale in generale.

GATTUSO: PRIMA CERANO GLI SCHIAFFI, OGGI I RAGAZZI CHIAMANO TELEFONO AZZURRO

Dichiarazioni destinate invece a far parlare tante sono state quelle rilasciate in conferenza da Gennaro Gattuso, per la prima volta alle prese con i ragazzi. “E’ un mondo nuovo”, ha commentato, per poi dire la sua sui giovani di oggi. “Non capiscono la fortuna che hanno: sembra gli sia tutto dovuto e vogliono prendere le decisioni da soli, ma le decisioni le prendono a casa loro, non negli spogliatoi”, ha commentato. Negli spogliatoi, infatti, sono richiesti disciplina e rispetto, principi difficili, a detta di Gattuso, da trasmettere. “Un tempo se si sbagliava si prendevano schiaffoni. Ora non si può più perché cè il Telefono Azzurro”, ha ironizzato lallenatore della Primavera del Milan. Dopo tanto lavoro e tanta strada fatta senza che nessuno gli regalasse mai nulla, finalmente oggi si sente realizzato e crede di aver raggiunto obiettivi inaspettati anche per lui. Da oggi, dunque, inizia per entrambi i volti dello sport la loro grande esperienza televisiva su Alpha.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori