Lite Conte Mourinho/ Video, l’ex Juve: “E’ un piccolo uomo”

- Carmine Massimo Balsamo

Lite Conte Mourinho, è guerra in Premier League tra i manager di Chelsea e Manchester United: accuse pesanti e frecciatine, dal calcioscommesse in poi

Mourinho Tottenham
José Mourinho (Foto LaPresse)

Lite Conte Mourinho, tra Chelsea e Manchester United è guerra in Premier League dentro ma anche fuori dal campo. I due manager non si sono mai stati simpatici a vicenda e negli ultimi giorni la sfida si è accesa, con reciproche accuse e frecciatine. Ex allenatori rispettivamente di Juventus e Inter, Antonio Conte e Josè Mourinho si conoscono da diversi anni e il loro rapporto è arrivato al punto di non ritorno: è battaglia senza esclusione di colpi. Tutto è iniziato il 5 gennaio 2018, con Antonio Conte che, alla vigilia della sfida di FA Cup contro il Norwich City, ha risposto per le rime a Josè Mourinho, che lo aveva accusato di comportarsi da pagliaccio in panchina: Mourinho dovrebbe pensare solamente a sé stesso. Magari stava parlando del suo passato: a volte qualcuno dimentica cosa ha detto o cosa ha fatto tempo prima – conclude in conferenza stampa – si chiama demenza senile. E lo Special One non ha tardato nel far recapitare la sua risposta allex commissario tecnico della Nazionale italiana

LITE CONTE MOURINHO

Il giorno successivo, al termine della vittoria del suo Manchester United in FA Cup contro il Derby County, Josè Mourinho ha lanciato una frecciatina molto pesante: Nel corso della mia carriera ho commesso molti errori, ma non mi è mai successo di essere squalificato per calcioscommesse, riferendosi alla sanzione subita da Conte anni prima, quando era sulla panchina del Siena. Clima rovente sullasse Londra-Manchester, con un duello a distanza che si è evoluto nel personale. Penso che quando ci sono commenti di questo genere, si tenta di offendere la persona e non si conosce la verità, allora sei un piccolo uomo. Forse è stato un ometto nel passato, un ometto nel presente e forsè lo sarà anche in futuro, la replica tagliente del manager italiano. Conte ha poi commentato: Ha usato delle parole gravi, che non dimenticherò. Ormai non si tratta più di un problema di rivalità sportiva: è un problema tra me e lui. Mi fermo qui. E le eventuali scuse dello Special One non verrebbero accettate: Vi sembra che abbia la faccia di una persona con dei rimorsi? Non credo proprio. Penso che entrambi ci siamo detti delle cose: vedremo cosa accadrà in futuro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori