RAFINHA ALL’INTER / Calciomercato news: ecco cosa c’entra Mauro Icardi nell’affare col Barcellona

Rafinha all’Inter, calciomercato news: visite mediche per il centrocampista brasiliano ex Barcellona, domani in tribuna a San Siro per vedere Inter Roma

20.01.2018 - Mauro Mantegazza
Rafinha_Alcantara_Barcellona_lapresse_2018
Rafinha è nerazzurro (foto LaPresse)

Mauro Icardi diventa protagonista dell’accordo che ha portato Rafinha all’Inter dal Barcellona in questa sessione di calciomercato. Secondo quanto riportato da El Gol Digital pare che il Barcellona abbia chiesto all’Inter un gentleman agreement in merito proprio a Mauro Icardi. L’attaccante argentino cresciuto proprio nella cantera blaugrana sembra destinato a vestire la camiseta blanca del Real Madrid in futuro. Al Barca questa possibilità proprio non piace e pare, sempre secondo il portale spagnolo, che in caso l’Inter decidesse di cedere il calciatore il club blaugrana sarebbe avvisato e gli sarebbe permesso di raggiungere l’offerta della controparte per convincere Icardi a tornare a Barcellona. Questo ”obbligo” da parte dell’Inter nei confronti del club allenato da Ernesto Valverde scadrebbe nel momento del riscatto ufficiale di Rafinha. (agg. di Matteo Fantozzi)

IL COMMENTO DI LUCIANO SPALLETTI

Torna il campionato, torna la Serie A e l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti parla ai microfoni dei media, commentando le ultime mossse di calciomercato dei nerazzurri, soffermandosi sull’operazione Rafinha: “E’ un giocatore che conosciamo molto bene, ha avuto questo periodo di stop cè da aspettare ancora un pò di tempo”. Affidabile e utile alla causa, Spalletti crede che il centrocampista del Barcellona possa rendersi utile. In attesa di un pieno recupero arriveranno altri giocatori? Per il tecnico dell’Inter la squadra è a posto così: Abbiamo due direttori, di qualità. Sono arrivati giocatori forti, Lisandro ha grande forza e per il suo ruolo è molto importante, Rafinha ha bisogno di tempo ma abbiamo recuperato Miranda, forse recuperiamo DAmbrosio”. Infine anche una battuta su Cancelo, blindato dal mister nerazzurro: “Resta allInter anche perchè lui ci vuole restare. Ogni tanto i calciatori si lasciano turbare dalle telefonate che ricevono. Il lavoro dei procuratori va in contrasto con quello degli allenatori, ma sui giocatori comandano la società, sono i direttori che decidono. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

IL PADRE SPIEGA LA SCELTA NERAZZURRA

Rafinha è un nuovo giocatore dell’Inter, pronto a cominciare la sua avventura milanese. Nel week end sosterrà le visite mediche, dopodichè raggiungerà i compagni e il mister per integrarsi alla squadra. Intanto,il portale Globoesport riporta le parole del padre del centrocampista del Barcellona, Mazinho, che ha così spiegato la scelta interista:  Lobiettivo di Rafinha, per il quale è andato allInter in prestito con diritto di riscatto, è quello di giocare. Nel Barcellona è molto difficile trovare un posto da titolare. Ci sono tantissimi campioni e lui ha avuto la sfortuna anche di dover combattere con gli infortuni in questi due anni. Vuole giocare ed essere felice, facendo quello che ama in un grande club come lInter. L’obiettivo del giocatore, dunque è il mondiale. Un traguardo che il padre non nasconde: Vogliamo che Rafinha, in questi tre-quattro mesi che mancano al Mondiale, lotti per un posto tra i convocati. Sfrutterà al massimo loccasione che gli dà lInter, il suo obiettivo è essere felice giocando. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

RAFINHA PORTERA’ ANCHE I GOL?

Rafinha potrà dare allInter gol e idee. Questo è il contributo che Luciano Spalletti si attende dal centrocampista brasiliano ex Barcellona, nelle cui giovanili è entrato quando aveva solamente 13 anni. Rafinha infatti vede la porta e questa qualità sarà particolarmente preziosa allInter, finora troppo dipendente dai gol di Mauro Icardi e Ivan Perisic, visto che lunico centrocampista nella rosa nerazzurra ad avere buona confidenza con il gol era Marcelo Brozovic. I numeri di Rafinha in tal senso sono abbastanza incoraggianti: lanno scorso 6 gol nella Liga nonostante sole 18 presenze. Rafinha può contare anche su buona velocità e dribbling e, tutto questo considerato, potrebbe essere un ottimo candidato al ruolo di trequartista centrale, fra Perisic e Candreva alle spalle di Icardi, con cui giocò nelle giovanili del Barcellona. Le incognite sono legate invece soprattutto alla lunga inattività, dal momento che Rafinha è stato oltre nove mesi senza giocare: servirà forse inizialmente un po di pazienza per ammirare il miglior Rafinha, i tifosi naturalmente sperano che i tempi non si allunghino troppo. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

RAFINHA ALL’INTER: I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Rafinha è ormai un giocatore dellInter: non ci sono naturalmente i tempi tecnici per vederlo in campo già domani sera, ma il centrocampista brasiliano ex Barcellona sarà comunque a San Siro per assistere a Inter Roma dalla tribuna e tifare per i suoi nuovi compagni di squadra, poi da lunedì comincerà ad allenarsi agli ordini di Luciano Spalletti e potremo dunque dire che lavventura di Rafinha allInter sarà davvero iniziata. Nellimmediato le incognite sono legate soprattutto alle sue condizioni fisiche, dal momento che Rafinha è reduce da un grave infortunio e ha esordito nella stagione 2017-2018 proprio in settimana giocando qualche minuto nel derby di Coppa del Re contro lEspanyol, che di fatto è stato dunque per Rafinha il commiato dal Barcellona: in precedenza, il brasiliano non vedeva il campo dallo scorso mese di aprile. Ecco perché saranno particolarmente importanti le visite mediche, che il giocatore sosterrà fra oggi e domani a Milano, primo atto della sua nuova avventura nerazzurra. Quanto al numero di maglia, Rafinha indossava il 12 a Barcellona, numero che nellInter è libero: lo sceglierà anche stavolta?

RAFINHA ALLINTER: LE CIFRE DELLAFFARE

Ricordiamo dunque le cifre dellaffare che ha portato Rafinha a Milano e che si è concretizzato nella giornata di ieri grazie a una netta accelerazione. Fino al 30 giugno si tratterà di un prestito gratuito, ottima notizia per le casse dellInter che deve rispettare il fair-play finanziario della Uefa, poi il diritto di riscatto è stato fissato a 35 milioni più 3 di bonus, che scatteranno se lInter raggiungerà la Champions League e in base anche al numero di presenze che Rafinha collezionerà in maglia nerazzurra da qui a maggio. Piero Ausilio è riuscito a portare a termine unoperazione non semplice, perché pure ieri il Barcellona aveva cercato di giocare al rialzo, prima di giungere allaccordo definitivo. Resta la cautela sulle reali condizioni fisiche, tuttavia Rafinha è giocatore che potrà essere prezioso per aumentare la qualità alle spalle di Mauro Icardi, che fu suo compagno di squadra nelle giovanili del Barcellona: sarà lui finalmente a coprire la casella del trequartista?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori