LITE MAROTTA-LOTITO, LEGA CALCIO SERIE A/ I due quasi alle mani, Preziosi e Perinetti li fermano in tempo

- Niccolò Magnani

Lite Beppe Marotta e Claudio Lotito in Lega Calcio Serie A: i due dirigenti quasi alle mani, intervento di Preziosi e Perinetti evitano il peggio. I motivi e il caos nel calcio italiano

lotito_marotta_lega_figc_calcio_seriea_lapresse_2018
Claudio Lotito compleanno amaro - La Presse

Clamoroso quanto successo nelle ultime ore di trattative in Lega Calcio della Serie A dove da tempo si cerca un nuovo vertice (come del resto sta avvenendo in Figc, a testimonianza del caos più totale che regna sul calcio italiano): ebbene, secondo quanto raccontato ieri da Repubblica, pare che durante lassemblea dei club di Serie A non solo non si sono trovati nomi concordi sul fronte presidenza, ma Claudio Lotito (Presidente Lazio) e Beppe Marotta (Ad della Juventus) sarebbero quasi venuti alle mani dopo un violentissimo scontro dialettico. «E successo di tutto ieri in Lega: una discussione accesissima fra Lotito e Marotta, che da tempo si detestano, è sfociata in lite. Il patron della Lazio si è avvicinato all’ad della Juve e non certo con intenzioni pacifiche: la rissa è stata scongiurata in extemis dall’intervento di Preziosi e Perinetti (e il presidente del Genoa si è fatto male ad un dito). Una bruttissima scena. La scontro era stato generato da questioni di politica sportiva, non di diritti tv, spiega il quotidiano diretto da Mario Calabresi. Pare dunque che solo lintervento del presidente del Genoa in un primo momento e quello risolutivo di Perinetti in un secondo hanno impedito lo scontro fisico clamoroso. Preziosi si sarebbe poi chiuso in una stanza insieme a loro, uscendo un po’ più tranquilli.

LA VERSIONE DI MAROTTA E LA SCURE DI MALAG

Resta lincredibile stato comatoso del calcio italiano, con i suoi vertici che non fanno che litigare e provare a venir fuori da gangli e dinamiche di potere continui. Non è chiaro il motivo dello scontro tra i dirigenti di Lazio e Juventus ma i precedenti recenti di polemiche dopo Supercoppa e Campionato, e le voci sempre più insistenti che vorrebbero Lotito protagonista sia in Lega che in Figc potrebbero spiegare molto di quanto visto ieri in Lega Calcio. «Cè stato uno scontro acceso, come spesso accade. Ovviamente solo dialettico e non fisico. Non rientra nella mia natura, ha raccontato Marotta, mentre Lotito per ora non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali. Ad accendere la scintilla pare però, vi siano piccole questioni organizzative e non invece le ingenti vicende di diritti tv che aiutano ad alzare negli ultimi giorni gli animi in Lega tra i vari club della Serie A. Intanto, sul piano Figc, il presidente del Coni Giovanni Malagò prepara la scure da far calare a breve – se non cambiano le situazioni attuali – sulla Federcalcio: sarebbe infatti pronto a commissariare la Figc per la 12esima volta in 120 anni di vita. Un bel record, non cè che dire..



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori