Attentato contro Deniz Naki/ News, spari contro il calciatore: aveva criticato il regime di Erdogan

- Claudio Franceschini

Attentato al calciatore tedesco di origine turca Deniz Naki: lo ha raccontato lui stesso, uscitone illeso. Aveva criticato il regime di Erdogan ed era stato condannato a 18 mesi di carcere

pallone europa league
Europa League (Foto LaPresse)

Spari contro un calciatore di origine turca: è successo nel corso di una folle notte nella quale Deniz Naki, come ha raccontato alla Welt, ha rischiato di morire. Stava viaggiando in auto lungo lautostrada quando ha sentito degli spari: Istintivamente mi sono spostato sulla corsia di destra ha detto, ed evidentemente la sua reazione gli ha salvato la vita. Unauto lo ha affiancato e dallauto è stato aperto il fuoco: due proiettili hanno colpito il Suv sul quale viaggiava Naki ma il calciatore è rimasto illeso. Un attentato politico? Presto per dirlo, ma è stato lo stesso Naki a ventilare lipotesi: in tempi non sospetti ha pubblicamente espresso il suo dissenso per il regime di Recep Erdogan e per molti connazionali è considerato un nemico di stato, tanto che nellaprile di un anno fa era stato condannato a 18 mesi di carcere (con la condizionale) per aver sostenuto il Pkk, partito filocurdo. Da allora, come ha raccontato, la vita di Naki è cambiata: tanti gli amici che si sono allontanati da lui, tante anche le minacce di morte ricevute fino a che non si è passati ai fatti. Recentemente un altro sportivo turco, il cestista Enes Kanter che gioca in NBA con i New York Knicks, ha avuto tanti problemi: avendo dato a Erdogan lappellativo di Hitler del nostro secolo, il centro venticinquenne è stato rinviato a giudizio con la richiesta di 4 anni di carcere, in più il suo passaporto è stato ritirato e il padre ha dichiarato di non voler avere niente a che fare con lui. 

LA CARRIERA DI NAKI

Deniz Naki è un tedesco di origine turca: classe 89, è una seconda punta cresciuta nel florido vivaio del Bayer Leverkusen. Nella sua carriera non ha mai trovato fortuna in grandi squadre: dopo un prestito al Rot Weiss Ahlen è andato a giocare nello storico club tedesco del St. Pauli, centrando subito la promozione e dunque giocando una delle tre stagioni in Bundesliga dove ha avuto solo sei apparizioni come titolare e ha segnato soltanto un gol (contro il Wolfsburg). Da qui è arrivato al Paderborn, in Zweite Bundesliga, collezionando 23 presenze e due gol; nel 2013 per la prima volta è arrivato in Turchia per giocare con il Genclebirligi. Un solo gol in due anni giocando poco, quindi il passaggio allAmed Sportif-Faaliyetler dove gioca attualmente: nel suo primo anno, nella Seconda Divisione turca, ha segnato 4 gol in campionato aggiungendone tre in Coppa di Turchia. Lesplosione lo scorso anno: 18 gol totali in 32 partite (14 in campionato), questanno invece ha segnato 8 volte in 12 partite. Nel corso della sua carriera Naki ha giocato anche con le nazionali giovanili tedesche: 9 gol in 15 partite con lUnder 19, 3 in 6 apparizioni con lUnder 20 e anche due partite in Under 21, entrambe da titolare e segnando anche un gol contro San Marino. Essendo un classe 89 fa parte della generazione doro di Mats Hummels e Jerome Boateng, Manuel Neuer e Toni Kroos, Mesut Ozil e Sebastian Rudy. Tuttavia non è stato convocato per lEuropeo del 2009, che la Germania ha vinto nel 2009 per poi trapiantare quasi tutta la rosa nella nazionale maggiore che cinque anni più tardi avrebbe vinto il Mondiale con Joachim Loew come Commissario Tecnico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori