VIDEO ITALIA SERBIA, RISULTATO 2-3/ Highlights finale Mondiale volley: Mazzanti, “mancate nei dettagli”

- Davide Giancristofaro Alberti

Video Italia-Serbia risultato 2-3: finale mondiale volley femminile: gli highlights della partita. Le pallavoliste azzurre cadono in finale contro le serbe dopo un grande match

italia volley femminile
Diretta Italia Russia (Foto LaPresse)

Resta lucido Davide Mazzanti, forse il principale artefice (insieme alle giocatrici) dell’impresa del movimento pallavolistico italiano: perché una sconfitta al tie-break nella finale contro la Serbia non può cancellare quanto di straordinario fatto fino ad oggi. Il commissario tecnico, come riportato da La Repubblica, ha analizzato così la sconfitta:”Siamo mancate nei dettagli, nelle cose che di solito ci riescono bene, siamo stati più irregolari, fallose, e comunque siamo arrivate a giocarcela al tie break. Non abbiamo rimpianti, è la partita che sognavamo di giocare e l’abbiamo giocata fino in fondo. Stanchezza? No, non credo, è vero, abbiamo giocato 10 set in ventiquattr’ore ma questo non ha inciso sul risultato finale. Brave tutte. L’abbiamo sognato, se siamo arrivati fin qui è perché l’abbiamo sognato”. Ma Mazzanti guarda già al futuro:”La delusione non deve farci dimenticare come l’abbiamo ottenuto. Sarà importante anche come gestiremo questo momento, il futuro e il movimento. La cosa che non avrei immaginato è che saremmo arrivati così in alto così presto. L’argento è la chiusura di due anni bellissimi, mi sono anche preso tanti rischi. Hanno avuto il merito di non abbattersi quando hanno vacillato in questi mesi. Il salto di qualità è arrivato nel momento più difficile”. (agg. di Dario D’Angelo)

L’ITALIA CEDE ALLA SERBIA AL TIE-BREAK

Niente da fare, alla fine la nazionale italiana femminile di volley non è riuscita a laurearsi campione del mondo. Nella finalissima contro la Serbia di Yokohama (Giappone), le azzurre di volley cadono sotto i colpi delle temute avversarie, ma solo al tie break. Un vero e proprio peccato visto che il match si era subito incanalato sui giusti binari per le nostre pallavoliste, con la vittoria del primo set, quindi il pareggio serbo nel secondo set, e di nuovo le azzurre avanti sul due a uno. La Serbia però non muore mai, e trova un grande quarto tempo in cui riequilibra l’incontro, portandolo in perfetta parità, due a due. Si va quindi all’ultimo e decisivo set, il tie break, con le azzurre che alla fine sono costrette a cedere sotto i colpi delle serbe, forse galvanizzate anche grazie alla vittoria nel set precedente.

I PRIMI TRE SET

Dicevamo, grande inizio di gara per le azzurre, che scendono in campo con lo solita formazione e che nel primo quarto di gara annichiliscono senza troppi problemi le avversarie. La squadra di Mazzanti, a sorpresa visto quanto mostrato poco prima, soccombe nella seconda frazione di gioco, grazie anche a molteplici errori in ricezione, e con Malinov mai incisiva. Il commissario tecnico cerca la scossa con qualche cambio, ma il set va alle serbe, che pareggiano così la serie 1 a 1. La terza frazione di gara vede invece nuovamente le italiane grintose come a inizio gara, e nonostante un parziale nel finale di 1 a 6 in favore delle serbe, alla fine la compagine tricolore si aggiudica il set grazie al punto finale di Paola Egonu, che fissa il risultato sul 25 a 23.

IL QUARTO SET E IL TIE BREAK

Inizia così la quarta ripresa, fotocopia della seconda: la Serbia scende in campo arrabbiata dopo aver perso il set numero tre, e con grinta, determinazione e potenza, porta a casa un set importantissimo, che prolunga la finalissima mondiale di volley femminile fino al tie break. Si arriva così all’ultimo decisivo “faccia a faccia”. Le azzurre iniziano bene, con un parziale di tre a uno, ma le serbe replicano subito dopo, riportando il match in parità, sul 4 a 4. Grazie a Sylla la squadra di Mazzanti si porta avanti 7 a 6, ma il tie break prosegue sempre punto a punto, una sfida ormai solo di nervi più che di qualità. Si va avanti così fino all’11 a 10 per le serbe, che poi allungano 13 a 11 grazie ad un diagonale incredibile della Boskovic, quindi il 14-12 e il definitivo 15-12 a seguito di un fallo della Sylla che fa invasione di campo. Si infrange sul più bello il sogno azzurro, ma le nostre ragazze escono non a testa alta, di più. Di seguito il video con gli highlights dell’incontro







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori