DIRETTA / Presentazione Giro d’Italia 2019: tutte le tappe, il percorso. Gavia e Mortirolo, arrivo a Verona

- Michela Colombo

Diretta presentazione Giro d’Italia 2019, streaming video Rai: mercoledì 31 ottobre verranno svelate le 21 tappe della corsa rosa, il campione in carica è Chris Froome.

chris_froome_rosa_giro_lapresse_2018
Classifica Giro d'Italia 2019: l'anno scorso vinse Froome (LaPresse)

Terminata la presentazione del Giro d’Italia 2019, adesso conosciamo il percorso completo della prossima edizione del Giro d’Italia. Dopo il primo giorno di riposo ci saranno due tappe pianeggianti: Ravenna-Modena di 147 chilometri e Carpi-Novi Ligure di 206 chilometri, che non lasceranno il segno. Poi però la seconda settimana diventerà terribile, a cominciare dalla Cuneo-Pinerolo di 146 chilometri, un omaggio a Fausto Coppi nel centenario della nascita del Campionissimo. La tredicesima tappa sarà invece la Pinerolo-Ceresole Reale di 188 km: Cole del Lys, Pian del Lupo e arrivo in salita durissimo al Lago Serrù per aprire un trittico notevolissimo. La quattordicesima tappa sarà la Saint Vincent-Courmayeur, di solo 131 km ma con cinque GPM e dislivello di 4000 metri, infine alla domenica ecco la Ivrea-Como di 237 km e il finale del Giro di Lombardia con Ghisallo, Sormano, Civiglio e San Fermo della Battaglia. Tutto questo quando mancherà ancora una intera settimana, che naturalmente non sarà da meno della precedente. In particolare, subito dopo il secondo riposo, ecco martedì 28 il tappone con Presolana, Gavia (che sarà Cima Coppi) e Mortirolo nella Lovere-Ponte di Legno di 226 km. Il giorno seguente Commezzadura-Anterselva di 180 km, meno dura ma pur sempre con arrivo in salita. Un giorno di respiro in pianura con la Valdaora-Santa Maria di Sala di 220 km, poi al venerdì ecco la Treviso-San Martino di Castrozza, 151 km con un altro arrivo in salita. Sabato la ventesima tappa Feltre-Croce d’Aune sarà l’altro tappone di alta montagna: Passo Rolle, Passo Manghen, Cima Campo e micidiale salita finale al termine di 193 km. Se poi ancora tutto questo non bastasse, ecco che l’ultimo giorno non sarà una passerella: cronometro di 15,6 km con partenza ed arrivo a Verona, per incoronare il vincitore all’interno dell’Arena. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE PRIME NOVE TAPPE

In corso la presentazione del Giro d’Italia 2019: sapevamo già della prima tappa con la cronometro a Bologna che presenterà un difficile arrivo in salita sul San Luca. A seguire la seconda tappa Bologna-Fucecchio di 200 km e il grande chilometraggio sarà una costante delle tappe della prima parte del prossimo Giro d’Italia. La terza tappa sarà infatti la Vinci-Orbetello di 219 km, mentre la quarta tappa Orbetello-Frascati toccherà i 228 km. Una sorta di mini “riposo” si avrà nella quinta tappa Frascati-Terracina, che misurerà 140 km, poi ecco la lunghissima Cassino-San Giovanni Rotondo di 233 km come sesta tappa. Il giorno seguente, sarà doveroso l’omaggio al terremoto di dieci anni fa nella Vasto-L’Aquila di 180 km, così come la già citata partenza da Vinci della terza tappa servirà a celebrare il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci. L’ottava tappa sarà la Tortoreto Lido-Pesaro di 235 km, che precederà una frazione che era già stata presentata, cioè la cronometro Riccione-San Marino di 34,7 km nella nona tappa. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SI COMINCIA

Sta per avere inizio la tanto attesa presentazione del Giro d’Italia 2019: manca quindi pochissimo perchè protagonisti e appassionati conoscano nel dettaglio le tappe e il percorso previsto in questa 102 edizione. Tra i primi dati noti, come abbiamo prima riferito, oltre le date di partenza come di termine della corsa rosa vi è pure la prima frazione che si svolgerà a Bologna. Sarà quindi una cronometro individuale ben impegnativa a dare la prima forma alle varie classifiche oltre che a consegnare la prima maglia rosa. La tappa, benché sia solo la prima, non sarà affatto una passerella: il percorso da 8.2 km dal centro città fino a San Luca presenta asperità interessanti specie all’arrivo dove è prevista una salita da 2.1 km con la pendenza media di 9.7, ma con lunghi tratti che prevedono punte di 10, 12 e pure il 16%, questo proprio in corrispondenza con l’ultimo km. Se il via sarà sfavillante ovviamente il resto della corsa non sarà da meno: diamo il via alla presentazione del Giro d’Italia 2019!

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PRESENTAZIONE DEL GIRO D’ITALIA 2019

Per scoprire tutto sul percorso, la presentazione Giro d’Italia 2019 sarà visibile in diretta tv su Rai Due a partire naturalmente dalle ore 16.45 con la conduzione di Alessandra De Stefano e Alessandro Fabretti, di conseguenza si potrà seguirla anche in diretta streaming video tramite il sito www.raiplay.it/dirette/rai2. Aggiornamenti in tempo reale saranno naturalmente garantiti anche dai social network ufficiali della Corsa Rosa: ricordiamo dunque per essere informati in tempo reale anche la pagina Facebook Giro d’Italia e l’account Twitter @giroditalia.

PRESENTAZIONE GIRO D’ITALIA 2019, DIRETTA STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

LA SCORSA EDIZIONE

In attesa di conoscere percorso e tappe del Giro d’Italia 2019, facciamo un passo indietro e in vista della presentazione ufficiale di questo pomeriggio andiamo con la memoria alla precedente edizione della corsa rosa, vinta da uno stradivario Chris Froome, alfiere del Team Sky. La centunesima edizione della classica d’Italia infatti fu anche la prima che mise in programma una partenza extraeuropea con il via a Gerusalemme: l’arrivo fu glorioso e pur difficile (tanti i problemi per via dell’instabilità del manto stradale, la frazione venne di fatto neutralizzata) a Roma nella città eterna, seguendo un lungo filo rosso tra storia e tradizione. La gara fu più che mai avvincente con il lungo duello per la vetta della classifica generale e quindi la maglia rosa tra Yates e Froome, con il ciclista del Team sky alla fine primatista dopo la storica impresa compiuta alla salita del Colle delle Finestre dove il britannico strabiliò tutti con una incredibile fuga a più di 80 km dal traguardo finale. Dalla 19^ tappa il dominio di Froome fu totale: fu lui quindi ad alzare le braccia al cielo tra i sampietrini romani.

PRESENTAZIONE GIRO D’ITALIA 2019

Avverrà oggi, mercoledi 31 ottobre 2018, la tanto attesa presentazione Giro d’Italia 2019: la corsa rosa quest’anno toccherà la sua 102 edizione e vi è chiaramente tanta emozione e attesa per scoprire quali saranno le tappe previste e il percorso già tracciato dal comitato organizzativo, per una delle classiche di sempre e più famose al mondo del ciclismo. L’evento è previsto quindi per oggi alle Officine del Volo di Milano (gli stessi studi anche per programma della tv nazionale “Che tempo che fa”) per il tardo pomeriggio. Ufficialmente la presentazione del Giro d’Italia 2019 avrà luogo alle ore 16.45 e l’appuntamento sarà visibile anche in diretta tv sulla tv nazionale. Ovviamente presenti a tale evento, tra i più attesi in vista della prossima stagione del ciclismo mondiale, tanti big, dal vincitore in carica Chris Froome al campione italiano Elia Viviani fino a tante stelle del ciclismo del passato come Moser e Saronni, per la consueta parata di nomi eccellenti, impazienti di conoscere come si comporrà l’edizione numero 102 della Corsa Rosa. Tra poco dunque saremo pronti a vivere la presentazione del Giro d’Italia 2019.

GIRO D’ITALIA 2019: LE TAPPE NOTE

Ovviamente solo la presentazione ufficiale prevista questo pomeriggio ci svelerà tutti i segreti del Giro d’Italia 2019: nel frattempo però tutti gli appassionati come i protagonisti della strada hanno già avuto modo di conoscere qualche dettaglio importante, trapelato in questi ultimi giorni sul percorso e le tappe su questa edizione della corsa rosa. Come previsto la prossima edizione della classica italiana avrà luuogo dal sabato 11 maggio fino a domenica 2 giugno e la grande partenza è già stata prevista a Bologna in Reggio Emilia. La prima prova sarà una cronometro individuale davvero selettiva, lunga 8,2 km e che porterà i ciclisti iscritti dal centro della città emiliana fino a San Luca. Ricordiamo poi che sempre il giorno seguente la corsa transiterà nella Regione, per poi sconfinare e farvi ritorno solo nella decima e undicesima frazione con le tappe Riccione-San Marino e Ravenna Modena, quest’ultima terreno fertile per le ruote veloci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA