Dzeko resta alla Roma?/ Calciomercato, Fogliamanzillo: “Non finirà la carriera nella Capitale!” (Esclusiva)

- int. Mario Fogliamanzillo

Edin Dzeko resterà alla Roma anche la prossima stagione? Per parlare di tutto questo abbiamo sentito il procuratore Mario Fogliamanzillo.

Dzeko Roma
Edin Dzeko (Foto LaPresse)

Edin Dzeko resta alla Roma anche la prossima stagione? Un attaccante che in questa prima parte d’annata sta facendo fatica, ma che ha sempre dimostrato di valere moltissimo. Ora quello che è importante capire è se Dzeko lascerà la Roma in futuro. Il suo contratto con la società giallorossa scadrà il 30 giugno 2020, sarà un Edin Dzeko a vita… Per parlare di tutto questo abbiamo sentito il procuratore Mario Fogliamanzillo. Eccolo in questa intervista a ilsussidiario.net.

Cosa sta succedendo a Edin Dzeko?

E’ una cosa che può capitare a tutti gli attaccanti, il rendimento di Dzeko è comprensibile. Non sempre un attaccante riesce sempre a mantenere standard qualitativi molto alti.

Potrebbe anche partire a fine stagione?

E’ troppo presto per dire come andranno le cose, bisogna vedere cosa farà la Roma questa stagione. Aspettiamo a vedere come si comporterà la formazione giallorossa.

Crede che possa invece finire la carriera alla Roma?

No penso che fra due anni massimo Dzeko possa lasciare la formazione di Di Francesco. Non credo che possa finire la carriera alla Roma, questa cosa non mi sorprende per niente.

Lo ritiene tecnicamente ancora importante per la Roma?

Dzeko è un grande attaccante, un finalizzatore di eccellenti qualità tecniche, che partecipa anche alla manovra di gioco della squadra. Il suo talento nonostante l’età non si discute.

Chi vedrebbe bene al suo fianco in futuro, magari anche Balotelli…

Balotelli ormai ha 28 anni, non è mai esploso definitivamente, nel campionato italiano non lo vedo più. La Roma poi col 4–3-3 ha trovato il suo assetto tattico offensivo ideale. C’é Dzeko accanto a lui un El Shaarawy che sta facendo molto bene, magari Perotti e poi c’è Kluivert. Tre giocatori importanti per il 4–3–3 della formazione di Di Francesco.

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA