Fabregas al Milan? “Voglio giocare”/ Ultime notizie calciomercato: trattativa in corso, Ibrahimovic attende

Cesc Fabregas ha il contratto in scadenza nel 2019 e vorrebbe giocare di più: il Milan la sua prossima meta? Intanto Ibrahimovic attende una chiamata di Leonardo

30.11.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
Cesc Fabregas, Chelsea
Calciomercato Milan, Cesc Fabregas (Instagram)

Torna a circolare in casa Milan il nome di Fabregas. Il centrocampista della nazionale spagnola, di proprietà del Chelsea, potrebbe trasferirsi in Serie A in vista del 2019. Dopo essere stato accostato al Napoli in estate, ora sarebbe il Diavolo a farsi nuovamente sotto per il 31enne di casa Barcellona, che a Londra, sotto la guida di Maurizio Sarri, sta trovando poco spazio. I londinesi e i meneghini stanno parlando da giorni per trattare il cartellino del 22enne difensore Christensen, che l’ex allenatore del Napoli sta utilizzando solo in Europea League. Il Milan lo accoglierebbe in prestito per sei mesi e nel contempo ha allargato le mira anche a Fabregas. L’ex Arsenal è uscito allo scoperto nelle scorse ore, e su un suo possibile addio ha ammesso: «Non ho parlato con nessuno. È ovvio che se non avrò firmato il rinnovo, da gennaio posso accordarmi con chiunque e questo probabilmente attirerà tanti club. Resterò fino a fine stagione? Per adesso posso dire di sì».

FABREGAS AL MLAN?

Come anticipato dallo stesso calciatore, il contratto scadrà al 30 giugno del 2019, fra esattamente sette mesi, e se il Chelsea non dovesse rinnovargli il contratto, dovrà obbligatoriamente cederlo a gennaio se vorrà portare a casa qualcosa. A spaventare il Milan è però l’ingaggio, pari a 8 milioni di euro netti annui, ma in via Aldo Rossi potrebbero decidere di spalmarlo con un contratto da tre anni, facendo così felice lo stesso calciatore. Fabregas potrebbe non essere l’unico colpo del Milan per il mercato di riparazione. Continua infatti ad essere caldissimo il nome di Zlatan Ibrahimovic, che starebbe spingendo per il grande ritorno: pronto un prestito di sei mesi, eventualmente rinnovabile nel caso in cui da gennaio a maggio dovesse strabiliare, come il suo solito. La palla è nelle mani di Leonardo che aspetta la definitiva sentenza dell’Uefa in merito al fair play finanziario, in arrivo nel giro di un paio di settimane.



© RIPRODUZIONE RISERVATA