VIDEO/ Torino-Juventus (0-1): Mazzarri, “c’erano due rigori”. Gol e highlights (Serie A, 16^ giornata)

Video Torino-Juventus (0-1): highlights e gol del derby della Mole per la 16^ giornata di Serie A. L’ha decisa Cristiano Ronaldo con un calcio di rigore procurato da Mandzukic.

16.12.2018, agg. alle 12:06 - Stefano Belli
Allegri_urlo_Juventus_lapresse
Pagelle Bologna Juventus (Foto LaPresse)

Polemiche dopo Torino-Juventus, il derby della Mole vinto dai bianconeri grazie al calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo. A recriminare sono i granata, con Walter Mazzarri che nel post-partita si sfoga:”Potevano esserci uno o due rigori, ma ho promesso di non parlarne più. Belotti è stato spinto mentre stava colpendo a rete, e se avesse potuto prendere in pieno la palla probabilmente avrebbe segnato. Per me era netto. Si dice che ci lamentiamo, però sinceramente se in riunione si era detto che la Var si sarebbe usata in tutti i casi importanti, qui forse era uno di quelli, dato che poi tutti i nostri avevano protestato…”. A rincarare la dose c’ha pensato anche il presidente granata, come riportato da Sky Sport: “Un rigore non dato su Zaza? Si, ce n’era anche uno su Belotti. Ho visto una squadra compatta, certo, ma quando perdi non è che ci sia la voglia di fare tanti discorsi. Il gol loro? Un “gollonzo”…Difficile commentare questa partita, oltre a dire che abbiamo fatto una buona gara non si può dire molto altro”. (agg. di Dario D’Angelo)

TORINO-JUVENTUS, GOL E HIGHLIGHTS DELLA PARTITA

Diamo un’occhiata a quanto accaduto nel derby della Mole Torino-Juventus 0-1 con il video degli highlights e dei gol, uno dei match più attesi della sedicesima giornata di Serie A 2018-19 ha visto i bianconeri regolare i cugini granata con un calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo, all’undicesimo gol in campionato. Il portoghese aggancia Piatek in testa alla classifica dei marcatori, ma è apparso piuttosto stanco e in leggero calo: anche i campionissimi come lui possono accusare delle flessioni fisiologiche, del resto non va dimenticato che da agosto CR7 ha saltato una sola partita, in Champions League contro lo Young Boys, a causa della discussa espulsione rimediata nella gara del Mestalla contro il Valencia. E lo stesso Allegri ha anticipato che probabilmente entro fine anno Ronaldo osserverà un turno di riposo, magari non contro la Roma che seppur a -25 resta sempre un avversario insidioso da affrontare in una partita secca, ma contro Atalanta o Sampdoria è probabile che il fuoriclasse si accomoderà in panchina.

Anche perché le alternative non mancano: Mandzukic, Dybala, Douglas Costa e Bernardeschi bastano e avanzano per strappare i tre punti sia agli orobici che ai blucerchiati, che sulla carta non hanno assolutamente i mezzi per poter anche solo rallentare la corsa sfrenata della vecchia Signora verso quota 100, un obiettivo molto più alla portata di questa Juventus che di tanti lavoratori ormai prossimi alla pensione. Il Torino ce l’ha messa tutta per dare fastidio ai campioni d’Italia, nel primo tempo gli uomini di Mazzarri hanno saputo tenere testa agli avversari per poi calare alla distanza, con il grave errore di Zaza che ha spianato poi la strada al successo bianconero. Con Mandzukic a un passo dalla porta, Ichazo lo ha dovuto abbattere e concedere il penalty che ha poi deciso la contesa. i granata sono usciti dal campo a mani vuote, pur con la consapevolezza di poter lottare per un posto nelle coppe europee. A patto che Belotti in futuro abbia sempre nei dintorni di Iago Falque, un partner cento volte più affidabile di Zaza che, al di là del retropassaggio da censura, non ha mai rappresentato un serio pericolo per Perin. Ed è stato facilmente arginato da Bonucci e Chiellini, che lo conoscono bene avendoci giocato assieme sia nella Juve che in nazionale e sapevano esattamente come fermarlo e tenerlo il più lontano possibile dalla loro area di rigore.

Clicca qui per il video della partita

LE DICHIARAZIONI

Il commento di Massimiliano Allegri ai microfoni di DAZN: “È stata una gara molto impegnativa visto che si trattava di un derby, giocavamo a tre giorni di distanza dalla Champions e abbiamo affrontato una squadra come il Torino che proveniva da un ottimo momento e che nel primo tempo ha corso e pressato moltissimo. Il campo inoltre era abbastanza insidioso per colpa del freddo e questo ci ha creato delle difficoltà. Nella ripresa i miei ragazzi hanno interpretato al meglio la gara non concedendo nulla, trovando il gol e sfiorando il raddoppio per chiudere la partita prima del novantesimo. In ogni caso è un bel risultato che ci consente di fare un ulteriore passo in avanti”.

L’intervento a caldo di Cristiano Ronaldo subito dopo il triplice fischio: “Confermo che è stata una partita molto complicata, il freddo si faceva sentire, il terreno di gioco non era in ottime condizioni, in ogni caso abbiamo giocato meglio degli avversari e meritavamo la vittoria. Sono contento di aver segnato il gol numero 5000 nella storia della Juventus ma la cosa più importante, ovviamente, è aiutare la squadra e condurla alla vittoria. Ichazo? È stato bravo, me l’aveva quasi parato ma fortunatamente ho battuto il rigore con la giusta potenza e sono riuscito a buttarla dentro”.

Questo, invece, il controcanto di Walter Mazzarri: “Devo fare i complimenti ai ragazzi che mi stanno dando grandissime soddisfazioni, in pochi sono riusciti a giocare alla pari contro questa corazzata. Purtroppo gli episodi ci hanno danneggiato, privandoci di un portiere importante come Sirigu anche se Ichazo si è comportato benissimo. Peccato non aver strappato almeno il pareggio che sarebbe stato il risultato più giusto per come si è sviluppata la gara. A fine gara ai miei giocatori ho solo detto che erano stati bravissimi, non avevo nulla da rimproverare loro, avevamo di fronte una squadra di fuoriclasse non solo in attacco ma anche in difesa. L’unico rimpianto è non aver avuto episodi a nostro favore, oltre alla trattenuta su Zaza in area che secondo me è sfuggita all’arbitro e dai suoi assistenti”.

IL TABELLINO

TORINO-JUVENTUS 0-1 (0-0)

TORINO (3-5-2): Sirigu (21′ Ichazo); Izzo, Nkoulou, Djidji; Ola Aina (85′ Berenguer), Meité, Rincon, Baselli, Ansaldi (76′ Parigini); Zaza, Belotti. All. Walter Mazzarri.

JUVENTUS (4-3-3): Perin; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo. All. Massimiliano Allegri.

ARBITRO: Marco Guida.

AMMONITI: Zaza (T), Pjanic (J), Emre Can (J), Cristiano Ronaldo (J), Ansaldi (T), Perin (J).

RECUPERO: 4′ pt, 5′ st.

MARCATORI: 70′ rig. Cristiano Ronaldo (J).

IL VIDEO DELLA PARTITA



© RIPRODUZIONE RISERVATA