AVVERSARIO JUVENTUS E’ L’ATLETICO MADRID/ Champions League, sorteggio ottavi: bianconeri contro Simeone

Avversaria Juventus: è l’Atletico Madrid la squadra che affronterà i bianconeri negli ottavi di Champions League, uno dei sorteggi più tosti per Allegri e i suoi giocatori.

17.12.2018, agg. alle 12:34 - Carmine Massimo Balsamo
Juventus_gol_Villar_Perosa_lapresse_2018
Probabili formazioni Juventus Parma (Foto LaPresse)

L’avversario della Juventus sarà l’Atletico Madrid: sicuramente per i bianconeri l’accoppiamento negli ottavi di Champions League è uno dei peggiori che si potessero immaginare. Affrontati nella fase a gironi del 2014, la Juventus aveva perso 1-0 al Vicente Calderon per poi pareggiare 0-0 a Torino, con passaggio del turno già archiviato. Quella era un’altra Juventus: affidata a Massimiliano Allegri per il primo anno dopo i triennio di Antonio Conte, non aveva ancora la personalità europea di oggi ma era riuscita comunque a spingersi fino alla finale, poi persa contro il Barcellona. Anche l’Atletico Madrid però ha saputo evolvere nel corso della storia: nel 2016 ha giocato un’altra finale (persa contro il Real Madrid, come quella di due anni prima). La curiosità è legata al fatto che nell’incrocio del 2014 Mario Mandzukic giocava con la maglia dell’Atletico, che poi lo aveva venduto proprio ai bianconeri; si giocherà tra febbraio e marzo, dunque al momento ogni tipo di discorso legato alle condizioni e alla rosa è ovviamente prematuro, perchè tante cose potrebbero cambiare. Di sicuro, l’avversario della Juventus è tostissimo. Ricordiamo che la prima partita verrà giocata al Wanda Metropolitano, il ritorno all’Allianz Stadium. (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIA IL SORTEGGIO

Eccoci al via del sorteggio di Champions League: l’avversario della Juventus negli ottavi sta per essere reso noto. Ricordiamo che i bianconeri non potranno giocare contro la Roma o il Manchester United: sono arrivate seconde, ma una rappresenterebbe un derby e l’altra è l’avversaria del girone, dunque le regole Uefa vietano questi accoppiamenti agli ottavi. Tra le altre papabili avversarie, molte sono state incrociate di recente: abbiamo già detto del Tottenham, poi l’Atletico Madrid (girone 2014), il Liverpool nei quarti del 2005 con Fabio Capello in panchina (i Reds avrebbero vinto la Champions League), il Lione nei quarti di Europa League 2014 (c’era Antonio Conte) ma anche nel girone del 2016 (sempre la stagione della finale di Champions League). L’Ajax ovviamente ricorda la Champions League vinta nel 1996, e fu poi sfidata ai sedicesimi di Europa League da Alberto Zaccheroni e la sua truppa (quando ci giocava Luis Suarez); con lo Schalke 04 figura invece una partita di Coppa delle Alpi, datata giugno 1968. A Gelsenkirchen la Juventus di Heriberto Herrera fu sconfitta per 3-1: inutile il gol di Leoncini. Adesso però è tempo di conoscere l’avversario negli ottavi di Champions League… (agg. di Claudio Franceschini)

AVVERSARIO JUVENTUS: IL TOTTENHAM AFFRONTATO LO SCORSO ANNO

Chi sarà l’avversario della Juventus per gli ottavi di finale della Champions League? Tra le indiziate che potrebbero incrociare i bianconeri nel primo turno ad eliminazione diretta figura anche il Tottenham, secondo nel gruppo B grazie alla doppia sfida diretta a favore con l’Inter: gli Spurs sarebbero un dejà vu risalente alla scorsa stagione, quando la squadra di Massimiliano Allegri era giunta seconda nel girone – alle spalle del Barcellona – e aveva incrociato la formazione inglese che era stata capace di vincere il suo gruppo facendo 4 punti contro il Real Madrid. La prima partita si era perciò giocata all’Allianz Stadium: Juventus sul 2-0 con la doppietta di Gonzalo Higuain, ma poi il Pipita aveva centrato la traversa su rigore ed era arrivata la rimonta del Tottenham, firmata da Harry Kane e Christian Eriksen. Al ritorno, a Wembley, i bianconeri erano costretti a vincere o pareggiare con almeno tre gol; si era messa male perchè Son Heung-Min aveva portato in vantaggio gli Spurs, ma la reazione della Juventus era arrivata negli unici cinque minuti davvero brillanti. Prima Higuain, poi Paulo Dybala: 1-2 e bianconeri che si erano qualificati ai quarti. Avrebbero pescato il Real Madrid campione nelle ultime due edizioni, storia triste che ben conosciamo… (agg. di Claudio Franceschini)

AVVERSARIO JUVENTUS, OTTAVI CHAMPIONS LEAGUE

Grande attesa per l’avversaria della Juventus che uscirà dal sorteggio degli ottavi di finale di Champions League 2018/2019: oggi a Nyon, lunedì 17 dicembre 2018, verrà sancita la squadra che affronterà la formazione di Massimiliano Allegri nel primo turno della fase ad eliminazione diretta. I bianconeri faranno parte dell’urna delle teste di serie dopo aver vinto il proprio girone e, come da regolamento, non potrà affrontare né il Manchester United di Josè Mourinho, perché già incontrato nella fase a gruppi, né la Roma di Eusebio Di Francesco, perché proveniente dallo stesso campionato. Sono sei le possibili avversarie della Vecchia Signora: Ajax, Atletico Madrid, Liverpool, Lione, Schalke 04 e Tottenham Hotspur. Tra insidie e squadre abbordabili, i bianconeri conosceranno oggi l’undici da affrontare: dopo le due finali perse negli ultimi tre anni, la società di Andrea Agnelli ha affermato a più riprese che la Champions è l’obiettivo numero uno, come testimoniato del resto dal colpo del secolo Cristiano Ronaldo.

AVVERSARIA JUVENTUS CHAMPIONS LEAGUE: I PERICOLI

Come storicamente affermato da ogni allenatore o calciatore, prima o poi si dovranno affrontare tutti i top club ma certamente la speranza è quella di incrociare agli ottavi di finale squadre abbordabili. E non mancano i pericoli per la Juventus: i bianconeri infatti potrebbero dover affrontare club di altissimo livello come Liverpool, Atletico Madrid e Tottenham. I Reds di Jurgen Klopp hanno eliminato il Napoli nella fase a gironi e volano in Premier League: tra le squadre a giocare il più bel calcio in Europa, Mohamed Salah e compagni sono considerati lo spauracchio numero uno. Stesso discorso per Colchoneros e Spurs: la formazione di Diego Simeone è la più “tosta” in Europa, incarnando lo spirito battagliero del Cholo, mentre i londinesi guidati dall’argentino Mauricio Pochettino hanno spedito in Europa League l’Inter e hanno dimostrato di potersela giocare alla pari anche contro il Barcellona.

AVVERSARIA JUVENTUS CHAMPIONS LEAGUE: LE SPERANZE

Se le tre sopra citate rappresentano un pericolo per la Vecchia Signora, le restanti tre non impensieriscono in egual misura i bianconeri: Ajax, Lione e Schalke 04 sarebbero dei sorteggi favorevoli al team di Massimiliano Allegri. Nonostante la grande tradizione europea e le ottime prestazioni sfoderate in questa prima parte di stagione, la compagine olandese è composta da giovani di belle speranze ma ancora poco esperti per il terreno europeo e c’è un grande gap tecnico con Paulo Dybala e soci. Il Lione, che ha sorpreso tutti nella fase a gironi espugnando il City of Manchester, vive di fiammate ma ha carenze difensive notevoli, fattore che in Europa pesa tantissimo. Infine, l’undici dell’italiano Tedesco: una squadra interessante ma su livelli tecnici non all’altezza.

JUVENTUS, CHAMPIONS OBIETTIVO NUMERO UNO

Prima in Serie A con 15 vittorie e un pareggio, ruolino di marcia che ha abbattuto diversi record in Europa, la Juventus vuole recitare un ruolo da protagonista in Champions League, cercando di riscattare le sette finali perse e di regalare a i tifosi una gioia che manca ora da troppo tempo. «Sarà un anno difficile, sarà un anno dove dal sogno credo che dobbiamo passare all’obiettivo, l’obiettivo deve essere la Champions League quest’anno, deve essere la Champions League, deve essere lo Scudetto, deve essere la Coppa Italia. Noi quest’anno dobbiamo veramente porci l’obiettivo di vincere tutto» aveva dichiarato in estate il presidente Andrea Agnelli, come riporta Fox Sport, con Massimiliano Allegri sulla stessa linea d’onda: «L’obiettivo è cercare di vincere l’ottavo scudetto e poi questa benedetta Champions, vediamo se avremo un pizzico di fortuna dalla nostra parte. L’importante è capire in che condizioni arriveremo a marzo. Il livello si è alzato, e noi dovremmo essere bravi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA