Bayern Monaco, Hoeness boccia Cristiano Ronaldo/ “100 milioni per un 33enne non li avrei mai spesi”

Il presidente del Bayern Monaco, Uli Hoeness, attacca la Juventus e Cristiano Ronaldo: “Non avrei mai speso 100 milioni di euro per un 33enne”

05.12.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
punizioni juventus
Cristiano Ronaldo (Foto LaPresse)

Snobba Cristiano Ronaldo il presidente del Bayern Monaco, Uli Hoeness. Oggi il numero uno del club bavarese è stato intervistato dai microfoni della Bild, noto quotidiano tedesco, e nell’occasione ha parlato così dell’operazione dello scorso calciomercato estivo che ha portato CR7 al trasferimento alla Juventus: «Ha 33 anni, ci sarebbe costato 100 milioni di euro, un’operazione che non avremmo mai fatto, se avesse avuto 24 anni, invece, sarebbe stato un affare da portare a termine a occhi chiusi». Condannata quindi la mossa mercantile della Vecchia Signora per una semplice questione anagrafica, anche se a detta di molti, alla luce anche delle cifre circolanti negli ultimi anni, (si pensi ad esempio ai soldi spesi dal Barcellona per Coutinho e Dembelè, più di 300 milioni di euro), i campioni d’Italia in carica hanno fatto l’affare. Del resto, dopo un breve periodo di ambientamento, il nazionale portoghese ha segnato undici gol, distribuendo sette assist in 18 partite stagionali, numeri senza dubbio importanti a conferma delle eccezionali qualità di Cristiano Ronaldo, tra l’altro per la prima volta alle prese con un campionato complicato come appunto la Serie A.

HOENESS VS CRISTIANO RONALDO: “TROPPI 100 MLN

Dichiarazioni che ovviamente Cristiano Ronaldo non si dimenticherà, soprattutto se mai il Bayern Monaco dovesse trovarsi di fronte la Juventus dagli ottavi di Champions League in avanti. Nelle ultime edizioni, infatti, la compagine bavarese ha dovuto fare i conti con CR7 e forse anche per questo Hoeness ha il dente avvelenato nei confronti della stella lusitana. La cosa certa è che Ronaldo non sta passando un momento brillantissimo fuori dal campo, visto che le accuse di stupro da parte di Kathryn Mayorga non si placano, e tenendo conto anche dello smacco della vittoria del Pallone d’Oro da parte di Luka Modric, con la sorella del portoghese che ha twittato veleno nelle scorse ore, tirando in ballo anche la mafia e Dio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA