VIDEO / Inter Bologna (2-1): highlights e gol. L’agente di Karamoh: “Spero abbia più spazio”

- Alessandro Rinoldi

Video Inter Bologna (risultato finale 2-1): highlights e gol della partita valida nella 24^ giornata. Karamoh: primo gol in Serie A e tre punti pesanti per Spalletti.

eder_inter_lapresse_2017
Eder, attaccante Inter - LaPresse

L’Inter si sta godendo Yann Karamoh, protagonista del ritorno alla vittoria dei nerazzurri in campionato, nel successo interno contro il Bologna. L’agente del calciatore, Oscar Damiani, intervistato da Radio Sportiva, si è complimentato con l’allenatore dell’Inter, Luciano Spalletti e, al tempo stesso, non ha nascosto la speranza di vedere maggiormente in campo il suo assistito: “Devo dare atto a Spalletti di essere stato due volte ad Appiano e Luciano personalmente per un’ora è stato lì con Karamoh a tirare di sinistro. Speriamo che con questa partita abbia più spazio”. Parlando delle qualità del giocatore, Oscar Damiani ha anche aggiunto che Karamoh deve migliorare in fase difensiva e che dovrebbe prendere ispirazione soprattutto dal suo compagno di squadra, Candreva. Queste sono state le dichiarazioni dell’agente rilasciate a riguardo: “Sapevo che fosse bravo… Poi ovviamente quando arrivi in Italia non è semplice. Ha grandi qualità ma deve migliorare, la fase difensiva ancora non lo fa e per gli allenatori italiani è importante”. (Aggiornamento di Fabio Morasca)

INTER – BOLOGNA DECISA DA KARAMOH

La gara Inter Bologna è terminata col risultato di 2-1, decisa da un gol del giovane Yann Karamoh. Il calciatore francese ha dimostrato di essere un ragazzo dotato di grandissima qualità, rapidità e tecnica. L’esterno d’attacco è arrivato in estate dal Caen con molti nasi storti visto che il ragazzo non era molto conosciuto nel nostro paese. Fino a ieri Karamoh aveva giocato veramente molto poco, senza riuscire a trovare continuità e rimanendo tra le ultime scelte di Luciano Spalletti. Ieri però il tecnico, dopo una serie di risultati negativi, ha schierato titolare proprio il ragazzo lasciando fuori un calciatore in difficoltà come Antoniio Candreva. Sicuramente c’è ancora tempo per crescere e dimostrare il suo talento, ma Yann Karamoh ha cambiato molto il modo di vedere degli altri nei suoi confronti e quei nasi storti si sono trasformati in grandi sorrisi soprattutto tra i tifosi dell’Inter. (agg. di Matteo Fantozzi)  CLICCA QUI PER IL VIDEO DI INTER BOLOGNA – CLICCA QUI PER IL VIDEO DEL GOL DI KARAMOH

ARIA NUOVA A SAN SIRO?

I tre protagonisti nerazzurri di Inter Bologna 2-1, partita che ha visto il ritorno alla vittoria della squadra di Luciano Spalletti dopo due mesi, sono stati senza dubbio Eder, Karamoh e Rafinha. Litalo-brasiliano ha dimostrato di essere una riserva più che affidabile, una garanzia in caso di assenza di Icardi: il capitano ha salto due partite ed Eder ha segnato in entrambe. In copertina però inevitabilmente ci vanno i due volti nuovi: Yann Karamoh è arrivato allInter in estate, ma ad appena 19 anni ha avuto bisogno di apprendistato al calcio italiano e alle richieste di Luciano Spalletti, ieri ha vissuto la prima partita da titolare e lha festeggiata con lo splendido gol della vittoria; Rafinha invece oggi festeggia il compleanno e ieri si è fatto un regalo anticipato (ma soprattutto lha fatto ai tifosi dellInter) cambiando la partita quando è entrato in campo al posto del contestatissimo Brozovic e dando qualità alla manovra, ciò di cui lInter ha estremo bisogno. Ecco dunque perché sui social Rafinha ha festeggiato postando limmagine dellesultanza che lo ritrae proprio insieme a Karamoh dopo il gol del 2-1. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza) CLICCA QUI PER IL POST DI RAFINHA

SPALLETTI PARLA DI KARAMOH E RAFINHA

Al termine del match tra Inter e Bologna, Luciano Spalletti ha poi focalizzato la sua attenzione su i due protagonisti della partita nerazzurra ovvero Karamoh (autore del gol della vittoria) e Rafinha, il volto nuovo del mercato di gennaio. Ai microfoni di Mediaset Premium il tecnico dellInter ha raccontato: Karamoh? Lui ha fatto davvero bene, ha strappi importanti fatti di tecnica e felicità. Poi ha delle pause in cui gli altri ci giocano dentro, per in diventa difficile se si perder lequilibrio di squadra. La nostra vittoria è senza dubbio certo di questo suo strappo. Pare invece appena meno entusiasmante invece il giudizio dello stesso tecnico su Rafinha, ieri entrato in campo a San Siro solo dalla panchina: il giocatore non ha ancora 90 minuti nelle gambe. Benchè il brasiliano non sia ancora quindi al top della condizione, in ogni caso i tifosi nerazzurri lo hanno acclamato con calore, e non vedono lora di ritrovarlo presto in campo, magari da titolare. (agg Michela colombo)  CLICCA QUI PER IL VIDEO CON L’ANALISI DI SPALLETTI (premium sport)

SPALETTI: VITTORIA MERITATA

LInter torna finalmente a vincere dopo un lungo digiuno che durava ormai fin troppe settimane: il 2-1 sofferto, trovato a danni del Bologna, rilancia quindi i nerazzurri, ora terzi nella classifica della Serie A. In conferenza stampa, al termine della patita è toccato a Lucina spalti parlare della prestazione dei suoi a Sn Siro: noi dobbiamo continuare a vincere per i nostri obbiettivi: quali dietro di noi arrivano forti, a cui non dobbiamo dare spazio se non ci rimontano in fretta. Noi dobbiamo vincerle tutte, magari anche in maniera non facile come quella di oggi, però assolutamente meritata. Il tecnico dellinter ha poi continuato: è vero ci sono delle cose da mettere a posto: anche oggi abbiamo perso lo stesso numero di pallone banali, le stesse interpretazioni un po superficiali in alcuni momenti. Bisognava di certo andare a pressarli di più quando erano in inferiorità numerica e non labbiamo fatto, però vianon abbiamo concesso moltissimo oggi. Poi si ci siamo presi qualche rischio qualche brivido ma non abbiamo concesso tante cose. (agg Michela Colombo)

 

IL MATCH A SAN SIRO

Allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano ritrova la vittoria dopo 8 giornate superando per 2 a 1 il Bologna. La rete realizzata in apertura da Eder, precisamente al 2′ su assist di Brozovic, illude i tifosi nerazzurri constatando il calo repentino avuto inspiegabilmente dagli uomini del tecnico Spalletti da quel momento. Gli ospiti, guidati dal grande ex Palacio, ne approfittano segnando il pareggio al 25′, decisamente agevolato dalla brutta svirgolata di Miranda, sostituito durante l’intervallo. Nella ripresa i lombardi si rialzano, come sueggerisce la traversa di D’Ambrosio del 48′, ed il neo entrato Rafinha favorisce il grandissimo goal realizzato al 63′ che vale il successo finale. Poco dopo i felsinei rimangono inoltre in inferiorità numerica dal 68′ per un’ingenua doppia ammonizione rimediata da Mbaye e, nel recupero al 94′, pure Masina viene espulso, questa volta per rosso diretto, per un intervento doloroso sulla caviglia di Lisandro Lopez. I 3 punti consentono all’Inter di scavalcare in classifica la Lazio portandosi al terzo posto ed a quota 48 mentre il Bologna non si muove restando a 27 punti.

LE STATISTICHE

Analizzando le statistiche dell’incontro emerge come il match sia stato molto combattuto fino alla fine visto il 52% di possesso palla favorevole al Bologna, comunque in contraddizione con il numero di palle perse, 40 a 32 con 8 ciascuno per Di Francesco e Karamoh, oltre che di palloni riconquistati, 29 a 23 per l’Inter con 7 del solo Borja Valero e 7 a 6 nelle ripartenze da recuperi. In fase offensiva si registra la superiorità dei nerazzurri a cominciare dal 10 a 6 nel computo delle conclusioni complessive, delle quali 6 a 5 nello specchio della porta, senza dimenticare il 9 a 4 nelle occasioni da goal, con Palacio recordman per merito dei suoi 3 tentativi in entrambe le categorie. Infine, sotto l’aspetto disciplinare, l’Inter è stata la squadra più fallosa a causa del 17 15 negli interventi irregolari, 4 a testa per Brozovic e D’Ambrosio, e l’arbitro Valeri della sezione di Roma 2 ha estratto il cartellino giallo 4 volte ammonendo rispettivamente D’Ambrosio da un lato, Palacio e due volte Mbaye, con conseguente cartellino rosso, dall’altro, oltre ad avere espulso pure Masina nel recupero su segnalazione del VAR.

LE DICHIARAZIONI

Al termine dell’incontro Eder  ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Marco Barzaghi per Premium Sport : “Come dico sempre l’importante è la squadra, portare a casa la vittoria perchè stavamo attraversando un momento non così difficile come sembrava, noi in spogliatoio siamo stati e siamo sempre positivi, il mister ci dà tanta fiducia. Penso che di tutti i risultati non ci aspettavamo i pareggi con la Spal ed il Crotone perchè i pareggi con la Fiorentina, la Lazio e la Roma ci possono stare. Ora siamo lì dove a inizio anno speravamo di stare, ovvero nella zona Champions, siamo terzi in classifica con Napoli e Juventus che sappiamo che è la squadra più forte del campionato quindi siamo dove ci hanno chiesto di essere la società ed il mister e dobbiamo continuare su questa strada lavorando pechè sappiamo che tutte le partite in Serie A sono difficili come questa di oggi. Il mister ci dava fiducia tutta la settimana, è normale che dall’esterno arrivino delle critiche ma dentro lo spogliatoio siamo uniti, ci siamo allenati sempre come prima e poi i risultati arrivano: noi siamo terzi! Lo so che non è bello pareggiare così tanto ma con alcune squadre ci possono stare dei pareggi, non ce lo aspettavamo con altre però siamo lì, siamo terzi in classifica e abbiamo fiducia in noi stessi, siamo un gruppo unito ed andiamo avanti così. Speravo di giocare di più anche se torna Icardi? No sappiamo l’importanza che Mauro ha in questa squadra e spero possa recuperare al più presto possibile e che sia a disposizione della squadra perchè sappiamo che lui per noi è importantissimo.

INTER BOLOGNA, GOL E HIGHLIGHTS: IL VIDEO DELLA PARTITA



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori