Milan, Gattuso/ Ancelotti fa il tifo per Ringhio: E lanima dei rossoneri, è un condottiero

Milan, parla Bonucci: Gattuso è impressionante per la carica che trasmette, mai visto uno come lui. Il commento del capitano rossonero, che incensa il proprio allenatore

20.02.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
Gattuso_allenatore_indicazioni_lapresse_2017
Diretta Milan Sassuolo - La Presse

Continuano a piovere i complimenti nei confronti di Gennaro Gattuso. Il tecnico del Milan ha ridato un gioco e unidentità alla squadra rossonera, che a poco a poco ha scalato la classifica riportandosi in corsa per un posto in Champions League, obiettivo che ora dista solo otto lunghezze. Fra coloro che si sono uniti agli elogi nei confronti del tecnico calabrese, anche uno che lo conosce molto bene come Carlo Ancelotti. Intervistato stamane dai microfoni de La Gazzetta dello Sport, lex Bayern ha ammesso: «Gattuso si è reso più che credibile. lo vedo come un autentico condottiero. Ha in pugno il gruppo, i ragazzi andrebbero nel fuoco per lui, è lanima del Milan. Ha impiegato poco tempo a creare lalchimia giusta. A volte servono mesi, anni. Rino, invece, ci ha messo un mesetto. Gattuso tecnico come Gattuso giocatore? Tuttaltro, e Ancelotti spiega il perché: «Rino ha studiato, ha fatto la gavetta, ha sudato, ha conosciuto le amarezze e le difficoltà. E adesso, siccome ha il materiale umano che glielo consente, propone il calcio che piace a lui. Un calcio di possesso, sempre equilibrato, con lobiettivo di farsi apprezzare dalla gente. Ancelotti ammette di rivedere i concetti del calcio di Gattuso nel suo vecchio Milan, anche se ovviamente gli interpreti sono diversi. E come dicevamo prima, la Champions non è più un miraggio: «Però non mettiamo troppa pressione, ragioniamo partita per partita chiosa il tecnico di Reggiolo – Visto da dove è partito, comunque, è già un grande risultato essere qui a parlare di Champions.

GLI ELOGI DI BONUCCI

E un Milan che sembra finalmente aver trovato la retta via. La vittoria contro la Sampdoria di domenica sera, ha mostrato finalmente una squadra in forma, sia dal punto di vista atletico, quanto da quello mentale e del gioco. Merito di Gennaro Gattuso, che in poco meno di tre mesi ha rivoltato come un calzino il povero Diavolo, facendolo appunto diventare una squadra con una sua identità. Difficile capire dove arriverà questo Milan, se in Champions League, se in finale di Coppa Italia o di Europa League, fatto sta che ora come ora i rossoneri sembrano potersela giocare (quasi) con tutti. E nelle scorse ore il capitano dei meneghini, Leonardo Bonucci, ha voluto incensare proprio il tecnico calabrese. Uscendo allo scoperto ha infatti ammesso: « il primo ad allenarsi a Milanello. Impressiona per quanta carica trasmette. Credo di non aver mai visto nulla di simile in nessun altro allenatore.

UN BONUCCI RITROVATO

Sono 21 i punti totalizzati dal Milan nelle undici partite guidate da Gattuso, ma è soprattutto nelle ultime uscite che la compagine milanese ha impressionato, visto che nel 2018 è la squadra che ha fatto più punti dietro solo a Juventus e Napoli, irraggiungibili da qualsiasi altra formazione. Merito anche di un Bonucci tornato finalmente ai livelli della Juventus: «Ci abbiamo messo un po di tempo per conoscerci e ha proseguito il difensore della nazionale italiana – anche in questo, Gattuso è stato fondamentale. Nelle prime partite non ci aiutavamo tra di noi. Proprio come è accaduto durante la finale tra Juventus e Real Madrid. A proposito di quella gara: Cristiano Ronaldo è il più forte calciatore contro cui ho giocato. Ogni volta che ci siamo incontrati, ha sempre fatto gol. Insieme a Messi, sono i due fuoriclasse per eccellenza. Rubano il tempo al difensore in ogni occasione. Ed ora arrivano due partite verità per il Milan: prima la trasferta a Roma contro i giallorossi, e poi il derby con lInter. Dopo questi 180 minuti si capirà dove può veramente arrivare il Diavolo di Gattuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori