Inter, Kondogbia/ Nerazzurri società caotica, pagherei io i 25 milioni per restare a Valencia

Inter, parla Kondogbia: Nerazzurri società caotica, pagherei io i 25 milioni per restare a Valencia. Il centrocampista di proprietà dei nerazzurri ha parlato della sua vecchia squadra

kondogbia_valencia_2017
Kondogbia, centrocampista dell'Inter in prestito al Valencia - Instagram

Dopo De Boer arrivano altre bordate allindirizzo dellInter, e dei vertici societari. A parlare, questoggi, è Jeffrey Kondogbia, centrocampista di proprietà dei nerazzurri, ma attualmente a Valencia. Il calciatore nel giro della nazionale francese è stato ceduto in Spagna durante lo scorso calciomercato estivo con la formula del prestito con diritto di riscatto a 25 milioni di euro: «Qui sono felice racconta lex calciatore del Monaco, ai microfoni dellemittente radiofonica spagnola Cadena Ser pagherei i 25 milioni necessari per il mio cartellino. Io e Marcelino (l’allenatore del Valencia) abbiamo iniziato un discorso sportivo: lui conta su di me. Venivo da una stagione complicata e poco soddisfacente: avevo bisogno di ritrovare fiducia. Il mister mi ha dato minuti di gioco. Kondogbia sta vivendo senza dubbio una buona stagione, con 20 partite disputate, tre gol e un assist.

LATTACCO ALLA SOCIETA NERAZZURRA

Un giocatore completamente diverso rispetto a quello che si è visto a Milano, presentato in pompa magna dopo averlo strappato ai cugini del Milan, ma risultato spesso e volentieri impalpabile, spaesato e confusionario. Secondo lo stesso centrocampista, la colpa va ricercata soprattutto nellInter, e nei vertici di corso Vittorio Emanuele: «l problema di cui soffre lInter è principalmente uno: lo squilibrio prosegue il transalpino – in due anni ho avuto 4-5 allenatori e compagni di squadra che cambiavano continuamente. La situazione era un po caotica. Un calciatore, specialmente se giovane, trova grande difficoltà a integrarsi in queste condizioni. Un club ha bisogno di stabilità, di proseguire sulla linea scelta anche se le cose, inizialmente, non vanno bene: è difficile avere un buon rendimento se c’è una rivoluzione continua. Ed in effetti Kondogbia ha vissuto senza dubbio uno dei periodo più caotici della storia interista, con laddio di Mancini nellestate del 2016, larrivo di De Boer, quindi lo sbarco di Poli e il nuovo arrivo di Vecchi. Difficile, leggendo anche tali dichiarazioni, che Kondogbia torni ad Appiano Gentile, mentre bisognerà capire se Cancelo, che ha compiuto il percorso inverno, verrà riscattato o meno dai nerazzurri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori