Infortunio Kalinic/ Niente Spal per lattaccante del Milan: pronto il baby Cutrone

- Davide Giancristofaro Alberti

Infortunio Kalinic, niente Spal per lattaccante del Milan: pronto il baby Cutrone. Il nazionale croato non prenderà parte alla partita di domani pomeriggio dei rossoneri

Kalinic_Milan_Udinese_gol_lapresse_2017
Kalinic escluso dal Mondiale? - La Presse

Il Milan volerà a Ferrara, per la sfida contro la Spal di domani pomeriggio, senza Nikola Kalinic. Lattaccante della nazionale croata si è infatti infortunato negli scorsi giorni, complice uninfiammazione alla regione adduttoria, che lo ha obbligato a saltare le recenti sedute di allenamento. Visto che il dolore persisteva, i medici del club rossonero hanno deciso di fermare lex attaccante della Fiorentina, spedendolo in infermeria. Per la partita di domani delle ore 15:00, è quindi molto probabile che si riveda fra i titolari il baby Patrick Cutrone. Il gioiello proveniente dalla Primavera non è sceso in campo domenica scorsa contro lUdinese per la trasferta del Friuli, mentre aveva giocato il finale di gara nella sfida di Coppa Italia contro la Lazio a San Siro. Andiamo quindi a vedere lelenco dei convocati ufficiali, diramato poco fa da mister Gattuso.

I CONVOCATI PER FERRARA E IL PROBABILE 11

In porta ci saranno A. Donnarumma, G. Donnarumma, e Guarnone, vista lassenza anche di Sturari. Fermo ai box ancora Conti, insieme allo squalificato Calabria, mentre recupera il nazionale svizzero Ricardo Rodriguez, convocato insieme ad Abate, Antonelli, Bellanova, Bonucci, Gomez, Musacchio, Romagnoli e Zapata. A centrocampo ci saranno Biglia, Bonaventura, Calhanoglu, Kessie, Locatelli, Mauri, Montolivo. Infine lattacco, dove troveremo Borini, Cutrone, André Silva, Suso. E molto probabile che Ringhio scelga un undici composto da Donnarumma in porta, difesa a quattro formata da Abate a destra, Bonucci e Romagnoli in mezzo, con Antonelli a sinistra. A centrocampo, solito trio Kessie, Biglia e Bonaventura, e infine davanti spazio a Suso, Cutrone e Calhanoglu.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori