Simeone/ Fiorentina-Juventus sarà come Waterloo per i bianconeri

- Davide Giancristofaro Alberti

Simeone: Fiorentina-Juventus sarà come Waterloo per i bianconeri. Intervista al gioiello dattacco della Viola, Simeone Junior, in vista del big match di questa sera dellArtemio Franchi

Simeone_Benassi_Veretout_Fiorentina_lapresse_2017
Diretta Fiorentina Roma (LaPresse)

Simeone Junior sarà in campo questa sera, dalle ore 20:45, per giocarsi lanticipo della 24esima giornata. AllArtemio Franchi, sbarcherà non una rivale qualsiasi per la Fiorentina, bensì la Juventus. E lattaccante argentino sa come si affrontano i campioni dItalia in carica, visto che circa un anno e mezzo fa, il 27 novembre 2016, esplose definitivamente proprio contro i bianconeri, siglando una storica doppietta allepoca con la maglia del Genoa: «E’ stato il giorno più bello della mia vita ricorda oggi lattaccante della Viola, in unintervista esclusiva concessa ai microfoni di Tuttosport lo dissi allora e lo ripeto ora. Lemozione per quella doppietta resterà per sempre nei miei ricordi, da raccontare e tramandare un domani ai miei figli quando li avrò e saranno grandi. Simeone punta ovviamente a ripetersi, e parlando del big match di questoggi, usa un paragone artistico.

LE PAROLE SU HIGUAIN

«Paragonerei questa partita a un quadro che raffigura la battaglia di Waterloo dice il figlio del tecnico dellAtletico di Madrid – questa Fiorentina può fermare questa Juve. Una sfida ovviamente sentitissima nel capoluogo toscano, a conferma di una rivalità storica nata tantissimi anni fa, e poi accentuatasi con la storica cessione di Roberto Baggio: «Cè unattesa incredibile prosegue largentino – laltro giorno ero al supermercato e non cè stata persona che riconoscendomi non mi abbia detto: mi raccomando, segna a Buffon, battete la Juve. Prima di altre partite non era mai successo. Infine un commento sul connazionale Gonzalo Higuain, che Simeone incensa con tali parole: «Un attaccante pazzesco, favoloso, uno dei più forti al mondo, un giocatore straordinario, di quelli che tutte le squadre vorrebbero avere. LArgentina non può andare ai Mondiali senza di lui. E chissà che entrambi i bomber argentini non possano segnare questa sera, magari mandando un messaggio al commissario tecnico della Seleccion, Sampaoli, che sembra intenzionato a voler escludere entrambi in vista dei campionati del mondo della prossima estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori