Risultati Serie C / Classifica aggiornata, diretta gol live score: Pisa, che beffa! (girone A 10 marzo)

- Claudio Franceschini

Risultati Serie C: classifica aggiornata, diretta gol live score del girone A. Calendario ancora imparziale a causa dei tanti rinvii per il maltempo, il Siena comanda la graduatoria

Siena esultanza Serie C
Diretta Siena Albinoleffe (Foto repertorio LaPresse)

Due pareggi sono arrivati dalle partite delle ore 16.30 della ventinovesima giornata di Serie C, tutte valide per il girone A. Il derby toscano Lucchese-Gavorrano ha partorito uno 0-0 che nulla cambia nella classifica e nella stagione di queste due società, mentre decisamente più interessante è stata Pisa-Alessandria (1-1). Il Pisa infatti era in vantaggio fino al 95, quando è arrivato il gol del pareggio dellAlessandria che potrebbe avere effetti molto importanti nelleconomia di questo girone. Infatti questi due punti potrebbero pesare molto nella lotta al vertice, soprattutto se si considera che Livorno e Siena hanno giocato meno partite rispetto al Pisa e sono comunque già davanti ai nerazzurri. Per lAlessandria continua la risalita: i piemontesi saranno avversario scomodo per chiunque ai playoff. Alle ore 18.30 invece è cominciata Prato Pro Piacenza: ancora parola ai campi! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

RISULTATI E CLASSIFICA SERIE C (GIRONE A)

FESTIVAL DELLA TOSCANA

Festival della Toscana nelle prime tre partite del sabato della ventinovesima giornata di Serie C, tutte valide per il girone A. Ai vertici della classifica è decisamente importante il successo ottenuto per 0-2 dal Livorno sul campo della Giana Erminio, che permette ai labronici di tornare al comando di una classifica comunque condizionata da posticipi, recuperi e turni di riposo. In questo momento però Livorno e Siena hanno lo stesso numero di partite giocate, dunque questo è un sorpasso molto indicativo. Festeggia anche la Carrarese, che è andata a vincere per 1-3 sul campo dellArzachena consolidando la propria posizione in zona playoff. Pareggio per 0-0 invece fra Cuneo e Olbia, un punticino che non modifica la situazione in classifica di queste due squadre. La Serie C però prosegue senza soste: alle ore 16.30 si giocano altre due partite molto interessanti, Lucchese-Gavorrano e Pisa-Alessandria. Parola ai campi! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SI COMINCIA

Siamo giunti al via delle partite di Serie C: nel girone A chi continua a sperare in un posto nei playoff è lArzachena, il cui campionato continua a essere di livello. Spinta dai gol di Alessio Curcio (11), Andrea Sanna (8) e Michele Vano (7), autori del 66,7% delle reti totali della squadra, la compagine sarda ha ripreso quota grazie al successo di misura sul Gavorrano (1-0), riuscendo a superare la sconfitta interna maturata contro il Pisa al termine di una partita pirotecnica (3-4). UnArzachena che dà anche la sensazione di essere passata oltre il periodo più difficile della sua stagione: tra metà novembre e metà gennaio ha vinto soltanto una partita su nove (contro lArezzo) e ne ha perse ben sei, ottenendo appena 5 punti e non riuscendo a confermarsi tra le prime dieci della classifica. Certamente in pochi attendevano da una neopromossa un campionato ampiamente in zona playoff o comunque con una corsa concreta fino al termine; lArzachena è andata oltre i propri limiti ma adesso, contro una Carrarese che non perde da cinque partite ed è sesta in classifica, vuole il salto di qualità definitivo. Riuscirà a prendersi altri tre punti? Stiamo per scoprirlo, e stiamo anche per dare la parola ai tre campi sui quali si giocano le prime partite del giorno: finalmente la ventinovesima giornata del girone A nel campionato di Serie C comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

LA CAPOLISTA

Il Siena di Michele Mignani si presenta a questa giornata di Serie C da capolista del girone A: finalmente i bianconeri, anche in virtù della partita non giocata dal Livorno contro lArezzo, sono riusciti a prendersi la vetta che hanno a lungo inseguito. La Robur non gioca dal 25 febbraio e dovrà recuperare la partita del Garilli contro la Pro Piacenza; intanto però ha prolungato la striscia positiva a 10 partite (6 vittorie e 4 pareggi), lultima sconfitta rimane quella del 20 dicembre contro il Cuneo. Le ultime due partite sono state vinte 1-0: a Gorgonzola, sul campo della Giana Erminio, ha deciso il gol di Alessandro Marotta dopo 16 minuti mentre in casa contro lOlbia il gol decisivo è stato firmato da Claudio Santini al 77, dopo che lo stesso Marotta si era fatto parare un calcio di rigore da Simone Aresti. Il Siena non è una squadra che segna tanto: in 26 partite ha trovato la via della rete in appena 33 occasioni, e infatti nelle ultime sette uscite ha segnato solo una volta due gol e in due occasioni non ha realizzato. Si salva con la difesa, che ha incassato appena 21 reti: limbattibilità di Pasquale Pane dura da 282 minuti, cioè dal gol con cui Pablo Gonzalez ha pareggiato per lAlessandria la sfida del 4 febbraio. Basterà questa solidità nel reparto arretrato per garantire la vittoria della lunga volata con il Livorno e spingere la Robur in Serie B? Intanto, oggi bisogna battere la Viterbese e non sarà affatto semplice (anche se allandata il Siena si era imposto per 3-1 al Rocchi). (agg. di Claudio Franceschini)

IL BIG-MATCH

La grande sfida della ventinovesima giornata nel girone A della Serie C si gioca allArena Garibaldi: una delle due almeno, visto che anche Siena-Viterbese merita certamente le prime pagine. Il Pisa, terzo in classifica, ha sprecato almeno tre grandi occasioni per avvicinare la vetta della classifica, se non addirittura per prendersela: nel corso della stagione ha battuto il Livorno e per due volte (sempre 0-0) ha pareggiato contro il Siena, ma quando i labronici sono entrati in crisi e hanno smesso di vincere i nerazzurri, rivali storici, si sono sciolti. Prima un 2-2 a Prato, sul campo dellultima in classifica; poi le due sconfitte consecutive contro Lucchese e Gavorrano, entrambe per 0-1. Diciamo che il Pisa avrebbe potuto, senza troppi problemi, ottenere 9 punti in queste tre gare: oggi ne avrebbe 56 e sarebbe a +4 sul Siena, e dunque anche contando la partita in più giocata rispetto alla Robur sarebbe saldamente al comando. LAlessandria era in zona playout ancora a metà dicembre, ma ha saputo trasformarsi: non perde da fine novembre (a Piacenza) e ha messo insieme 8 vittorie e due pareggi nelle ultime dieci giornate. Non riuscirà a prendersi il primo posto che significherebbe promozione diretta, ma ha dimostrato due cose: che lo shock per il clamoroso flop dello scorso anno è stato superato, e che la rosa è sicuramente attrezzata per correre per la promozione, anche attraverso i playoff. (agg. di Claudio Franceschini)

IL CASO AREZZO

E davvero difficile parlare di un campionato regolare: la Serie C sta quasi diventando una corsa ad eliminazione. Prima il Modena, radiato dal girone B per non aver potuto giocare le partite interne vista limpossibilità di pagare laffitto dello stadio Braglia; poi il Vicenza, già fallito ufficialmente ma in campo grazie ad un curatore; ora lArezzo, la cui situazione potrebbe ricalcare quella dei veneti. Succede che a fine febbraio i calciatori amaranto hanno diramato un comunicato nel quale si sono detti pronti a scioperare visti gli stipendi arretrati non corrisposti; la Lega Pro è intervenuta disponendo il rinvio della partita contro il Livorno, ma poi lo ha fatto anche per la trasferta di Olbia e ora, per la terza volta consecutiva, lArezzo non giocherà (avrebbe dovuto farlo contro il Monza). Di fatto, la Lega ha deciso di aspettare la decisione sullistanza di fallimento: se lArezzo troverà un esercente provvisorio potrà continuare il campionato, altrimenti dovrà sparire come il Modena. Intanto, da più parti si parla appunto di campionato falsato: non solo perchè tante squadre saranno costrette a giocare più gare la settimana per recuperare, quando e soprattutto perchè il regolamento prevederebbe che se una squadra non scende in campo debba perdere a tavolino. Così non è successo allArezzo: cè un precedente che risale al Pisa, che allepoca era stato salvato ma non aveva comunque evitato la retrocessione. (agg. di Claudio Franceschini)

SERIE C, 29^ GIORNATA

La Serie C 2017-2018 torna in campo sabato 10 marzo per la sua ventinovesima giornata: oggi vedremo le gare del girone A. Tecnicamente siamo alla decima di ritorno ma tra squadre squalificate (il Modena), turni di riposo e gare rinviate per neve ci sono appena due squadre che hanno giocato 27 partite, mentre ne abbiamo ben sei con appena 25 gare. Ad ogni modo, andiamo a vedere il programma del giorno: si parte alle ore 14:30 con Arzachena-Carrarese, Cuneo-Olbia e Giana Erminio-Livorno, alle ore 16:30 avremo Lucchese-Gavorrano e Pisa-Alessandria, quindi alle ore 18:30 Prato-Pro Piacenza per poi chiudere alle ore 20:30 con Pistoiese-Pontedera e Siena-Viterbese. In programma ci sarebbe stata anche Arezzo-Monza, ma viste le difficoltà economiche della società toscana, e provvedimenti ancora da prendere circa un eventuale fallimento, la Lega Pro ha disposto il rinvio della partita.

LA SITUAZIONE

In tutto questo bailamme dettato dalle condizioni atmosferiche, il Livorno ha ancora una partita in meno del Siena e un punto di svantaggio: sarà davvero interessante capire quale sarà la squadra che avrà risentito meno della sosta forzata e prolungata. Oggi il calendario sorride sulla carta alla Robur, che gioca sì contro la Viterbese – quarta forza del girone A – ma lo fa in casa, mentre il Livorno deve andare sul campo di una Giana Erminio che non vince da tempo ma rimane comunque temibile, e in più i labronici non hanno ancora vinto una partita nel 2018. Il Pisa, avendo perso le ultime due partite, sembra ormai tagliato fuori dalla corsa: è appunto una delle due squadre che hanno giocato 27 partite e ha sprecato alcuni bonus che le avrebbero consentito di serrare i ranghi. La Viterbese magari ha qualche chance in più, il rientro dellAlessandria è straordinario ma la distanza dal Siena (sia pure con una partita in meno) è ancora di 14 punti, decisamente troppi per sperare di riprendersi quanto perso lo scorso anno. Interessante anche la corsa ai playoff e alla salvezza: Pontedera e Lucchese sperano ancora nella post season ma allo stesso tempo devono ancora guardarsi le spalle, visto che il Cuneo e la Pro Piacenza sono assolutamente combattive. Il Gavorrano non molla ma deve recuperare tanto terreno, il Prato è ormai condannato agli spareggi. Sulla classifica nelle zone basse rischia però di incidere non poco il futuro dellArezzo e dunque non possiamo ancora tracciare bilanci troppo netti e definiti.

RISULTATI E CLASSIFICA SERIE C GIRONE A

FINALE Arzachena-Carrarese 1-3

FINALE Cuneo-Olbia 0-0

FINALE Giana Erminio-Livorno 0-2

FINALE Lucchese-Gavorrano 0-0

FINALE Pisa-Alessandria 1-1

FINALE Prato-Pro Piacenza 1-0

ore 20:30 Pistoiese-Pontedera 0-0

ore 20:30 Siena-Viterbese 0-0

 

CLASSIFICA GIRONE A

Livorno 54

Siena 52

Pisa 48

Viterbese 46

Carrarese 40

Alessandria 39

Giana Erminio, Monza, Olbia 36

Piacenza 35

Arzachena 34

Pistoiese 32

Pontedera, Pro Piacenza, Lucchese 31

Arezzo (-3) 28

Cuneo 27

Gavorrano 22

Prato 19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori