Italia, Di Biagio/ Balotelli non convocato: a Super Mario non bastano 22 reti, Belotti invece

- Silvana Palazzo

Italia, Di Biagio, Balotelli non convocato: a Super Mario non bastano 22 reti, Belotti invece La strana esclusione dellattaccante del Nizza, che ha segnato tantissimo questanno

convocati italia under 21
Under 21, Luigi Di Biagio (Foto LaPresse)

Ancora una volta Mario Balotelli è stato escluso dalla lista dei convocati della nazionale italiana. Nel pomeriggio di sabato il commissario tecnico ad interim, Gigi Di Biagio, ha reso note le convocazioni per le due prestigiose amichevoli con Argentina e Inghilterra, e nellelenco non figurava appunto Super Mario. Unesclusione a dir poco discutibile, e il motivo è semplice: tolto Ciro Immobile, capocannoniere del nostro campionato, nessun altro bomber italiano ha segnato tanti gol quanti ne ha fatti lex di Liverpool, Milan e Inter. Balotelli, seppur giocando col Nizza in un campionato non proprio performante come quello francese, ha totalizzato la bellezza di 22 marcature, di cui 14 in Ligue 1, 6 in Europa League, una nei preliminari di Champions contro il Napoli, e una in Coppa di Francia. Perché non convocarlo e testarlo proprio in due partite che valgono poco come appunto le amichevoli? Perché continuare ad insistere su Belotti, quando è evidente sotto gli occhi di tutti che la stagione del Gallo sia ormai compromessa? Complice un infortunio fastidioso, il capitano del Torino è solo il lontano parente dello splendido giocatore amirato durante lo scorso campionato, e questanno ha totalizzato la miseria di nove gol, di cui sei in Serie A e 3 in Coppa Italia. La speranza è che Mario continui a segnare, per mettere davvero in crisi ct Di Biagio o chi verrà dopo di lui. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

“MI GIOCO IL FUTURO”

La Nazionale italiana si prepara in vista delle amichevoli con Argentina e Inghilterra, intanto il ct ad interim Gigi Di Biagio allontana i discorsi sul suo futuro. La conferma alla guida degli azzurri «non è importante. Il suo obiettivo è sfruttare al massimo la chance che ha ricevuto: « innegabile che mi giochi qualcosa ma non è la priorità. Il presente parla di due amichevoli, quelle con Argentina e Inghilterra, da dove l’Italia deve ripartire per rilanciarsi. In conferenza stampa oggi ha parlato anche di Mario Balotelli, che non è stato inserito nella lista dei convocati: «La non convocazione è una scelta mia, ho pensato che in questo momento fosse meglio così. Ma non è una chiusura totale e non ci sarà mai. Ho valutato questa cosa così, continuerò a seguirlo, vedremo cosa accadrà nei prossimi mesi, ma oggi ho fatto questa scelta. Al suo fianco in sala stampa il vice commissario della Figc, Alessandro Costacurta, che prima di tirare le somme vuole vedere il calcio italiano tornare ai livelli di un tempo. «Qui tutti vogliono che la Nazionale giochi bene, a prescindere dal futuro.

ITALIA, DI BIAGIO: IL DOLORE PER ASTORI E IL RUOLO DI BUFFON

Inevitabile la parentesi in conferenza stampa sulla morte di Davide Astori, una ferita impossibile da rimarginare: «C’è qualcosa di strano, ma stiamo cercando di normalizzare altrimenti diventa devastante. quello che stiamo facendo con i più anziani, riportare tutto a qualche mese fa e non è semplice, ha dichiarato il ct azzurro ad interim Gigi Di Biagio. L’allenatore della Nazionale ha parlato anche della convocazione di Gianluigi Buffon, che dopo la mancata qualificazione ai Mondiali aveva annunciato l’intenzione di non vestire più la maglia azzurra. «Gigi forse è anche qui per aggregare, ma è qui per giocare, per aiutarmi, può dare qualcosa in più, un valore aggiunto dentro e fuori dal campo. Non so poi se giocherà una o due partite, non è un problema, io devo fare quello che mi sento rispetto a quello che vedo, non quello che leggo. E sull’esclusione di Mario Balotelli precisa che non ci sono motivazioni politiche: «Dal punto di vista del comportamento lui non ha fatto nulla e continuerò a seguirlo come ho fatto finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori