Var, moviola Serie A/ La tecnologia stavolta non sbaglia: salvata la Fiorentina, rigore al Milan

- Matteo Fantozzi

Var, moviola Serie A: la tecnologia stavolta non sbaglia. La Fiorentina viene salvata negli ultimi minuti, rigore assegnato nel recupero anche al Milan ma Kessié se lo divora.

Var_Banti_Genoa_Juventus_lapresse_2017
Var, moviola Serie A - La Presse

La Var torna protagonista in Serie A e diventa decisiva per diverse situazioni. Il Milan alla fine è sicuramente la squadra sulla quale ci sono stati più interventi. Prima è stato convalidato il gol di Patrick Cutrone che inizialmente aveva annullato il guardalinee per un fuorigioco inesistente, poi è stato fischiato un calcio di rigore sul finale per un fallo di mano di Tomovic che era sfuggito all’arbitro tiro però sbagliato dagli undici metri da Franck Kessié. Nel mezzo l’intervento che ha portato l’arbitro, molto intelligente in questo caso, a rivedersi una dura entrata di Stepinski prima ammonito e poi meritevole di un approfondimento che però non ha cambiato la scelta del direttore di gara. Torino-Firenze viene decisa da un calcio di rigore realizzato da Thereau nei minuti finali, anche questo episodio non è stato visto sul campo ma ha visto il var risolvere tutto. E ora c’è ancora qualcuno che si lamenterà?

CAMBIO DEL PUNTO DI VISTA DOPO L’EUROPA LEAGUE

Il punto di vista degli italiani nei confronti del Var è totalmente cambiato dopo le recenti esperienze in Europa dove ricordiamo non c’è la tecnologia. Il rigore clamoroso negato alla Juventus col Tottenham per il fallo di Vertonghen su Douglas Costa e quello assurdo fischiato per il non-fallo di Ricardo Rodriguez su Danny Welbeck hanno scatenato delle polemiche lunghe giorni. così che è stato rivalutato quello strumento tanto criticato fin da inizio stagione. palese infatti che se fosse stato utilizzato nei due casi in questione sarebbero state prese decisioni diverse rispetto poi alle direzioni prese. Intanto in Europa stanno lavorando per cercare di capire se introdurlo anche in Champions ed Europa League con tutte le difficoltà del caso visto che saranno diversi gli stadi dove non sarà poi così facile andare a inserire ciò che serve per rendere il tutto più tecnologico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori