Napoli, l’agente di Younes / “Ha detto di no per colpa della camorra”, ma arriva la smentita

- Matteo Fantozzi

Napoli, l’agente di Younes: dall’Olanda arriva la voce che il calciatore avrebbe detto di no agli azzurri per colpa della camorra. Arriva però poi la smentita del suo procuratore.

amin_younes_germania_lapresse_2017
Amin Younes - La Presse

Si aggiunge un nuovo capitolo della telenovela che vede protagonista Amin Younes. Il calciatore dell’Ajax secondo De Telegraaf avrebbe rifiutato di andare al Napoli perché scioccato da un faccia a faccia con dei camorristi lo scorso gennaio. Il suo agente però ha smentito tutto contattato da Gianluca Di Marzio. Sul portale dell’esperto di calciomercato Nicola Innocentin ha dichiarato: “Quanto è stato scritto è assolutamente falso. La città di Napoli, la sua gente, la società non meritano queste cose. Chi scrive questo non conosce Napoli. Nei tre giorni in cui Amin Younes è stato in Italia io sono sempre stato vicino a lui e posso garantire che è rimasto colpito dall’affetto della gente. Siamo andati in un ristorante e il proprietario che ci ha riconosciuti gli ha fatto fare una pizza. Per non parlare di quando siamo andati al San Paolo. E’ rimasto impressionato dal pubblico azzurro“. Di certo però tutti i rumors sul suo mancato passaggio al Napoli rimangono attuali e il pubblico aspetterà di vederlo con la maglietta azzurra per essere certo che l’affare si farà.

UNA VICENDA PIENA DI PUNTI INTERROGATIVI

La trattativa che doveva portare Amin Younes al Napoli è nata sotto una luna storta e alla fine si è complicata riempiendosi di punti interrogativi. Nel calciomercato di gennaio gli azzurri sembravano pronti a mettere sotto contratto il calciatore dell’Ajax che si sarebbe liberato facilmente dai lancieri visto che il suo contratto scadeva a giugno 2018. Una serie di situazioni poco chiare hanno portato l’affare a saltare all’improvviso col ragazzo che alla fine è rimasto in Olanda e il trasferimento che sembrava rimandato a giugno. Prima dell’uscita di tante altre voci contrastanti e alcune anche imbarazzanti. Si parlava di un ragazzo spaventato dall’ambiente e non convinto di venire al Napoli dopo aver visitato Castel Volturno e aver firmato il contratto. Addirittura si era arrivati a parlare di accordo fatto con un’altra società e probabile squalifica stile Luis Figo, che negli anni novanta firmò per Juventus e Parma per poi non andare da nessuna parte. Una situazione complicata che al momento non si è ancora risolta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori