Inter, Handanovic/ Voglio la Champions. Miranda in partenza se arriva De Vrij

Inter, parla Handanovic: Dobbiamo andare in Champions, al Napoli toglierei Sarri. Il portiere dei nerazzurri suona la carica in vista della delicata sfida contro i partenopei di domenica

samir_handanovic_amichevole_brunico_lapresse_2017
Probabili formazioni Serie A (Foto LaPresse)

Il portiere dellInter, Samir Handanovic, spera che i nerazzurri riescano finalmente a strappare il pass per la Champions League al termine della stagione in corso. Lo ha spiegato senza troppi giri di parole lo stesso nazionale sloveno, interpellato dai microfoni del Corriere dello Sport stamane. E per affrontare la competizione europea, in corso Vittorio Emanuele potrebbero disporre di una difesa quasi inedita. Milan Skriniar sembrerebbe intoccabile, a meno che non giungano clamorose offerte dalle parti di Appiano Gentile, e al suo fianco potrebbe non esserci più Miranda. Lesperto centrale di difesa brasiliano ha il contratto in scadenza al termine della prossima stagione, al 30 giugno del 2019, ed inoltre, ha già 33 anni (ne farà 34 a settembre). In quel della Milano nerazzurra è atteso Stefan De Vrij, difensore della Lazio in scadenza, e di conseguenza, lo sbarco a San Siro del nazionale olandese potrebbe appunto indurre lex Atletico Madrid a salutare Milano dopo tre stagioni. Tra laltro Miranda ha un ingaggio non proprio contenuto, pari a 3 milioni di euro netti a stagione, forse troppo per lasciarlo ogni weekend in panchina. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

LA CHAMPIONS E’ UN DOVERE”

LInter ha lobbligo di andare in Champions League, o per lo meno, di provare a qualificarsi fino alla fine. E questo lobiettivo della compagine nerazzurra intera, a cominciare dal suo portiere, il senatore Samir Handanovic. Il nazionale sloveno sogna da tempo di giocare la coppa dalle grandi orecchie, e lo ha ribadito questa mattina, intervistato dai microfoni de Il Corriere dello Sport: «Inter non in Champions? E uneventualità che abbiamo il dovere di non prendere neppure in considerazione. Bisogna reagire e tornare a essere quelli del girone dandata. E un crocevia importante sarà la sfida con il Napoli, in programma domenica sera, alle ore 20:45, allo stadio San Siro in Milano. Gli azzurri sono i primi in classifica, una squadra di livello assoluto.

LE VOCI DI MERCATO CI HANNO DESTABILIZZATO

«Al Napoli io toglierei… Sarri ha aggiunto il guardiano dellInter – perché questi Callejon, Mertens e Insigne, ma anche Allan, Koulibaly, Zielinski e Hamsik, sono diventati così forti e sono migliorati con lui in panchina. E stato Sarri che ha permesso loro di esprimersi al massimo e di fare il salto di qualità. Un Napoli che secondo Handanovic gioca il miglior calcio dItalia, «e anche tra migliori 2-3 dEuropa insieme a quello del City e del Liverpool. UnInter che aveva iniziato la stagione alla grande, senza mai perdere fino a dicembre, e rimanendo in vetta per tre mesi, poi il crollo verticale, complice anche una serie di voci che secondo Handanovic hanno minato la serenità dellintero ambiente: «E controproducente sentir parlare sempre di acquisti che devono sostituire chi è già qui e dà il massimo per la maglia le parole dellex Udinese – tutto questo secondo me ci ha un po disturbato. Appuntamento quindi a domenica sera, per lora della verità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori