Probabili formazioni/ Manchester City Basilea: quote, ultime novità live. Aguero in panchina?

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Manchester City Basilea: le quote e le ultime novità live sugli schieramenti delle due squadre. Possibile turnover per entrambi gli allenatori all’Etihad Stadium

Lacroix_Gundogan_Basilea_Manchester_City_lapresse_2018
Probabili formazioni Manchester City Basilea, Champions League (Foto LaPresse)

Manchester City Basilea, almeno secondo le indiscrezioni e le probabili formazioni, dovrebbe essere seguita dalla panchina da Sergio Aguero: lattaccante argentino presumibilmente non sarà rischiato dal suo allenatore. Con 30 gol nelle 37 partite stagionali giocate, Aguero è il bomber degli Sky Blues: ha segnato 21 reti in Premier League, 4 in Champions League, 3 in Coppa di Lega e 2 in FA Cup. Arrivato al Manchester City nel 2011, Aguero non aveva mai segnato così tanto come nella sua esperienza inglese: con lAtletico Madrid aveva avuto due stagioni da 27 gol globali ma solo una volta (2010-2011, ultimo anno da Colchonero) aveva raggiunto le 20 marcature in campionato. In Premier League lo ha fatto in cinque delle sette stagioni disputate, anche questa che non è ancora finita: esordio da 23 reti, ma il record restano i 26 timbrati nel 2014-2015 sotto la guida di Manuel Pellegrini. A livello di gol stagionali, il primato per il Kun è quello dello scorso anno: solo 20 centri in campionato, ma 5 in FA Cup e 8 in Champions League (primato anche qui). Nel 2016-2017 Aguero ha realizzato 33 gol: gliene mancano dunque appena 3 per superare se stesso e rendere questa stagione la più prolifica di sempre da quando è un professionista. Cosa che salvo incredibili imprevisti riuscirà a fare: nellestate 2011 il Manchester City ha speso 45 milioni di euro per acquistarlo, soldi decisamente ben spesi visto qual è stato il rendimento fino a qui. (agg. di Claudio Franceschini)

IL DUELLO IN PORTA

Non sappiamo ancora in che modo andranno in campo Manchester City e Basilea, ma nelle probabili formazioni è quasi certo un duello: i due portieri dovrebbero essere a tutti gli effetti Ederson e Tomas Vaclik. Ederson Moraes, classe 93, di fatto è una sorpresa: arriva da una buona stagione al Benfica ma nessuno si aspettava che, venendo pagato 35 milioni di sterline, diventasse il secondo portiere più pagato di sempre alle spalle di un certo Gigi Buffon. La dirigenza del City ha i soldi e li ha usati: Claudio Bravo è dunque finito in panchina e Guardiola non si è fatto scrupoli nel preferire al capitano della nazionale cilena questo giovane in crescita, che però nel Brasile non gioca perchè il titolare è Alisson. Va detto che Ederson ha fatto di tutto per ripagare la fiducia, e al momento ci è riuscito: le sue prestazioni sono ottimi, e se il Manchester City ha subito solo 25 gol nelle 36 partite che lui ha giocato il brasiliano si prende buona parte del merito. Vaclik invece è un ventottenne ceco: di fatto è diventato il titolare della nazionale al posto di Petr Cech, o meglio si sta giocando il posto che è stato senza discussioni del grande veterano. Arrivato allo Sparta Praga nel 2011, ha giocato qui per due stagioni – una di intermezzo nella squadra riserve – e si è affermato come uno dei migliori interpreti nel ruolo allinterno del Paese; il Basilea aveva perso Yann Sommer – finito al Borussia Monchengladach – e ha puntato su di lui, diventato subito titolare con buoni risultati. (agg. di Claudio Franceschini)

OCCASIONE PER LAPORTE?

Aymeric Laporte farà il suo esordio in Manchester City Basilea? Si tratterebbe per il difensore di nazionalità francese della prima in Champions League con la nuova maglia: lo abbiamo messo titolare perchè, visto il risultato della partita di andata, Pep Guardiola potrebbe cambiare qualcosa nella sua squadra e dargli questa soddisfazione. Laporte si è trasferito a gennaio dallAthletic Bilbao, per 65 milioni di euro: mai gli Sky Blues avevano speso così tanto per un difensore. Sempre titolare nelle partite di Europa League con i baschi (comprese quelle dei turni preliminari), il ventitreenne di Agen ha già assaggiato la maglia del City in Premier League, disputando tre partite e venendo anche ammonito per la prima volta (contro il Leicester); è un difensore che a Guardiola piace per come sa giocare la palla e per le qualità tecniche, ma chiaramente dovrà essere in grado di scalare le gerarchie che al momento prevedono Nicolas Otamendi e il redivivo Vincent Kompany davanti a lui. In ogni caso Laporte si presenta allEtihad con un biglietto da visita di tutto rispetto: in carriera ha messo insieme 39 partite nelle coppe europee, di queste sette si riferiscono alla Champions League 2014-2015 quando lAthletic Bilbao, dopo il playoff vinto contro il Napoli, aveva giocato il girone eliminatorio. (agg. di Claudio Franceschini)

I RIENTRI

In questa Manchester City Basilea, come abbiamo già visto dalle probabili formazioni, potrebbero verificarsi due rientri importanti: diciamo che tecnicamente quello di Gabriel Jesus non è un ritorno vero e proprio perchè lattaccante brasiliano ha giocato tre partite nellultima settimana, ma va anche rilevato come si sia trattato di tre brevissimi spezzoni per un totale di 21 minuti. Questa sera Pep Guardiola potrebbe tornare a dargli una maglia da titolare che gli manca dal 31 dicembre, giorno in cui si è fatto male al Selhurst Park (casa del Crystal Palace) e ha dovuto saltare praticamente due mesi. Le cifre parlano per lui: nelle prime 27 partite stagionali Gabriel Jesus aveva messo insieme 10 gol, 8 dei quali in Premier League e 2 in Champions League. Torna invece Raheem Sterling, che non ha giocato le ultime due partite di campionato, la sfida di FA Cup contro il Wigan e la finale di Carabao Cup: per lui quattro gare di assenza allinterno di una stagione che si sta rivelando tremendamente prolifica, fatta di 15 gol in Premier e 4 in Champions League più un totale di 10 assist. Jesus e Sterling: due giocatori offensivi che faranno decisamente comodo a un Guardiola che punta a vincere anche in Europa dopo aver praticamente messo le mani sul campionato, e che potrebbe rendere trionfale questa stagione per il Manchester City. (agg. di Claudio Franceschini)

LE ULTIME NOTIZIE

Manchester City Basilea è una formalità per gli Sky Blues: alle ore 20:45 di mercoledì 7 marzo gli uomini di Pep Guardiola e i renani scendono in campo per il ritorno degli ottavi di Champions League 2017-2018, ma visto come sono andate le cose allandata sarà sostanzialmente una gara di allenamento, al netto della volontà dei Citizens di non perdere in casa e dellorgoglio ferito di un Basilea che proverà a mettere in campo 90 minuti di coraggio. Il 4-0 con cui gli inglesi hanno vinto allandata lascia ben poco margine a Raphael Wicky e i suoi giocatori: rimontare è francamente impossibile, non contro il Manchester City visto da agosto a oggi, e allora non resta che lincertezza sul risultato che maturerà. Intanto possiamo studiare quali sono dubbi e certezze nella mente dei due allenatori a poche ore dal calcio dinizio della sfida, nellanalisi approfondita di quelle che sono le probabili formazioni di Manchester City Basilea.

QUOTE E PRONOSTICO

Quasi impressionanti le quote che lagenzia di scommesse Snai ha fornito per la partita dellEtihad: che il Manchester City fosse favorito lo sapevamo, e anche in maniera larga. Tuttavia è comunque sorprendente trovare una distanza simile tra il valore sul segno 1 (1,13) e quello che invece è posto sul segno 2 per la vittoria del Basilea, che vale ben 18,00 volte la somma giocata. Per quanto riguarda invece il pareggio, dovrete chiaramente puntare sul segno X e se le cose andassero in questo modo la vostra vincita sulla partita di Champions League sarebbe di 8,25 volte la cifra che avrete deciso di mettere sul piatto.

PROBABILI FORMAZIONI MANCHESTER CITY BASILEA

LE SCELTE DI GUARDIOLA

Per parlare delle formazioni di questa partita, bisogna anticipare che il 4-0 dellandata apre tanti dubbi sui giocatori che scenderanno in campo: Pep Guardiola per esempio è un allenatore che non ha creduto troppo nel turnover abbondante, e poi la rosa del suo Manchester City non è amplissima. Sia come sia, nel reparto arretrato qualche cambio ci sarà comunque: Laporte e Stones dovrebbero occupare la zona centrale della difesa a protezione di Ederson, ma già sugli esterni le scelte sono semi-obbligate. Danilo potrebbe giocare a destra con Delph a sinistra; in ballottaggio anche Zinchenko, ormai stabilmente dirottato come laterale basso. A centrocampo mancherà Fernandinho: sarà sempre Gundogan ad agire come perno centrale, dallaltra parte potrebbe esserci David Silva mentre ad avere riposo dovrebbe essere De Bruyne, pronto a lasciare spazio al talentino Phil Foden. Davanti invece Gabriel Jesus, ormai stabilmente rientrato dallinfortunio, giocherà come punta centrale; ai suoi lati Sterling, che ha bisogno di mettere minuti nelle gambe, e forse Leroy Sané che tra tutti è quello che ha meno bisogno di tirare il fiato.

I DUBBI DI WICHY

Il discorso che facevamo prima vale anche e soprattutto per il Basilea: dentro i titolarissimi per la prestazione di orgoglio o, perso per perso, spazio alle seconde linee che hanno giocato meno? Chissà? Di sicuro sarà difficile rivedere il 5-4-1 visto che da difendere è rimasto poco, ma linfortunio di Balanta obbliga di fatto a uno schieramento arretrato a quattro con Lacroix e Suchy in mezzo, mentre sugli esterni andranno Lang e Blas Riveros. A centrocampo i due che opereranno nella cerniera di mediana saranno presumibilmente Zuffi e Serey Die, con Fabian Frei pronto a prendere il posto di uno dei due; sulle corsie laterali ecco Stocker e Elyounoussi, da capire solo se alle spalle di Van Wolfswinkel (o Oberlin) ci sarà un trequartista (nel caso potrebbe essere chi tra Stocker e Frei non giocherà qualche passo più indietro) o se questa linea di metà campo sarà invece schierata secondo un classico 4-4-2. Ad ogni modo è chiaro che le scelte di Wicky potrebbero cambiare, rispetto a quelle che abbiamo elencato, nel pomeriggio (se non già essere diverse nella testa del tecnico).

PROBABILI FORMAZIONI MANCHESTER CITY BASILEA: IL TABELLINO

MANCHESTER CITY (4-3-3): 31 Ederson; 3 Danilo, 14 Laporte, 5 Stones, 18 Delph; 21 David Silva, 8 Gundogan, 47 Foden; 7 Sterling, 33 Gabriel Jesus, 19 L. Sané

A disposizione: 1 Claudio Bravo, 2 Walker, 4 Kompany, 35 Zinchenko, 17 De Bruyne, 20 Bernardo Silva, 10 Aguero

Allenatore: Josep Guardiola

Squalificati:

Indisponibili: Fernandinho

 

BASILEA (4-4-2): 1 Vaclik; 5 Lang, 3 Lacroix, 17 Suchy, 25 Riveros; 14 Stocker, 7 Zuffi, 20 Serey Dié, 24 Elyounoussi; 19 Oberlin, 9 Van Wolfswinkel

A disposizione: 13 Salvi, 28 Petretta, 33 Bua, 6 F. Frei, 34 T. Xhaka, 22 Al. Ajeti, 27 Manzambi

Allenatore: Raphael Wicky

Squalificati:

Indisponibili: Balanta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori