Diretta / Tirreno Adriatico 2018 3^ tappa: vincitore Roglic, Thomas nuovo leader! Follonica-Trevi

Diretta Tirreno Adriatico 2018: info streaming video e tv, percorso e vincitore della 3^ tappa prevista oggi da Follonica a Trevi. Frazione davvero impegnativa con ben 4 GPM.

09.03.2018 - Michela Colombo
ciclismo_generico_strada_lapresse_2017
Diretta Adriatica Ionica Race 2018 (LaPresse - immagine di repertorio)

Lo sloveno Primoz Roglic ha vinto la terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018 con una splendida azione sul Muro di Trevi, che toccava pendenze anche del 20% negli ultimi 300 metri, scattando per primo e anticipando tutti gli avversari. In questi casi naturalmente il rischio è di spremere le energie troppo presto e di farsi scavalcare, ma Roglic è stato perfetto e ha regalato alla Lotto NL Jumbo una vittoria di grandissimo prestigio, precedendo per 3 il britannico Adam Yates e di 6 il belga Tiesj Benoot, vincitore sabato scorso della Strade Bianche. Quarto a 7 Geraint Thomas, poi ecco un gruppetto con un ritardo da 10, capeggiato da Rigoberto Uran che ha conquistato il quinto posto davanti a Mikel Landa, Gianni Moscon (settimo e migliore degli italiani), Romain Bardet, Wilco Kelderman e Bob Jungels. Un ordine darrivo davvero di lusso, con soli nomi di primissimo piano nelle prime dieci posizioni, come è daltronde normale per una corsa con tanti campioni al via come la Tirreno Adriatico, quando prevede un finale così selettivo. Cambia anche la classifica generale: il britannico Geraint Thomas è il nuovo leader, stesso tempo per il belga Greg Van Avermaet (conta la somma dei piazzamenti in questo caso), terzo a 3 Chris Froome mentre Damiano Caruso è quarto a 8, il migliore degli italiani. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL GRAN FINALE

Circa 20 km allarrivo della terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018, fanno notizia purtroppo numerose cadute avvenute in gruppo, che hanno coinvolto fra gli altri il leader della classifica generale Patrick Bevin, Rafal Majka, Gianni Moscon ma soprattutto Simon Geschke, lunico uomo rimasto a terra. Il tedesco sarà costretto al ritiro, dovendo essere trasportato in barella: probabile problema alla spalla sinistra per lui. Le cadute sono state dovute anche alla grande accelerazione del gruppo, che sta andando a recuperare sulla testa della corsa, che fra laltro si è spezzata. Davanti sono rimasti in due, Stepan Kurianov (Gazprom-Rusvelo) e Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia): pochi chilometri fa litaliano ha conquistato il primo posto al traguardo volante e grazie a ciò Mosca è anche il leader virtuale della classifica a punti di questa Tirreno Adriatico. Restano comunque solamente due minuti di differenza, che dovrebbero essere facilmente colmati, intanto si segnala anche un attacco di Niki Terpstra, che è uscito dal gruppo per lanciarsi allinseguimento. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL GRUPPO CONTROLLA

Ci stiamo ormai avvicinando alle fasi più interessanti della terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018, dal momento che mancano ormai poco più di 60 km allarrivo, che sarà collocato al termine di un durissimo Muro. Eppure, il gruppo per ora non ha ancora dato il cambio di ritmo e di conseguenza il vantaggio della fuga formata da Stepan Kurianov (Gazprom-Rusvelo), Dennis Van Winden (Israel Cycling Academy), Nicola Bagioli, Sho Hatsuyama (Nippo-Fantini) e Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia) continua ad aggirarsi attorno ai sette minuti. Da segnalare che Bagioli ha vinto anche il terzo Gpm, quello di La Foce: il suo obiettivo di giornata è raggiunto. La tappa interessa molto sia agli uomini da classiche, le cui caratteristiche saranno perfette su un arrivo del genere, sia agli uomini della classifica generale, perché saranno possibili dei distacchi: di conseguenza certamente presto la situazione cambierà, perché bisognerà andare a riprendere i fuggitivi per giocarsi la vittoria. Dunque è prevedibile che lattendismo stia ormai per finire: lo spettacolo sta per entrare nel vivo! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA FUGA INSISTE

Percorsi oltre 100 km della terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018, la fuga di Stepan Kurianov (Gazprom-Rusvelo), Dennis Van Winden (Israel Cycling Academy), Nicola Bagioli, Sho Hatsuyama (Nippo-Fantini) e Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia) continua ad essere molto attiva. Un recente rilevamento cronometrico effettuato in occasione del passaggio da San Quirico dOrcia parla infatti di un vantaggio di 805 per la testa della corsa nei confronti del gruppo, che per il momento si limita a gestire. Da segnalare il ritiro di Soren Kragh Andersen del Team Sunweb, che era malato da qualche giorno e oggi ha dovuto alzare bandiera bianca. Intanto è stato superato anche il secondo Gpm di giornata, il Passo del Lume Spento: come già a Roccastrada, è passato per primo Bagioli davanti al compagno di squadra Hatsuyama, con Mosca al terzo posto, di conseguenza litaliano della Nippo-Fantini consolida sempre di più la propria maglia verde. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

BAGIOLI CONQUISTA IL GPM

La terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018 prosegue seguendo per il momento un canovaccio molto chiaro, cioè con il gruppo che concede spazio alla fuga da lontano composta da Stepan Kurianov (Gazprom-Rusvelo), Dennis Van Winden (Israel Cycling Academy), Nicola Bagioli, Sho Hatsuyama (Nippo-Fantini) e Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia). Il primo Gpm di giornata è già stato affrontato: a Roccastrada è passato per primo Bagioli davanti al compagno di squadra Hatsuyama, di conseguenza litaliano della Nippo-Fantini ha consolidato la propria maglia verde, che Bagioli indossa essendo passato per primo ieri nellunico Gpm che era previsto nella tappa con arrivo a Follonica. Il gruppo si limita a controllare che il vantaggio non assuma proporzioni eccessive: dopo i primi 50 km della tappa, il vantaggio della testa della corsa era di 745. Per ora alle squadre dei big la situazione va benissimo così, meglio tenere le energie per quando si entrerà nella fase decisiva della corsa. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

VIA ALLA FUGA

Cominciata la terza tappa Follonica Trevi della Tirreno Adriatico 2018, da segnalare la classica fuga da lontano, anche oggi animata dalle squadre Professional che stanno così onorando davvero bene linvito ricevuto da Rcs Sport per partecipare a questa edizione della Tirreno Adriatico. La testa della corsa è dunque composta da Stepan Kurianov (Gazprom-Rusvelo), Dennis Van Winden (Israel Cycling Academy), Nicola Bagioli, Sho Hatsuyama (Nippo-Fantini) e Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia). Da notare dunque la presenza di due uomini della Nippo-Fantini, complimenti in particolare a Bagioli e Mosca, che erano in fuga ieri e sono di nuovo andati allattacco stamattina. Ovviamente la strada è ancora lunghissima e di conseguenza il gruppo lascia fare: dopo i perimi 25 km di corsa, un rilevamento indicava in 715 il margine di vantaggio della testa della corsa nei confronti del gruppo, che per il momento non spreca energie, con la Bmc in testa a dettare un ritmo abbastanza blando. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SI COMINCIA

La Tirreno Adriatico 2018 oggi è decisamente mattiniera: la terza tappa Follonica Trevi infatti scatterà già alle ore 10.05, con la mossa dal villaggio di partenza verso il km 0 in programma alle ore 9.50. Daltronde la giornata che attende i corridori è decisamente impegnativa: 239 km con 3000 metri di dislivello, numeri da classica. Lattesa sarà ovviamente per il gran finale, con pendenze che si faranno sempre più difficili quanto più ci si avvicinerà allarrivo di Trevi: gli ultimi 2500 metri sono all8% di pendenza media, 11,5% se ci si limita ai 1500 metri finali e con punte di pendenza massima fino al 20% proprio agli ultimi 300 metri. Arrivo che chiamerà allazione sia gli uomini da classiche sia chi punta alla classifica generale di questa Tirreno Adriatico. Ne vedremo delle belle: parola alla strada! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

INFO STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA TIRRENO ADRIATICO 2018

Lappuntamento in diretta tv con la terza tappa della Tirreno Adriatico 2018 sarà a partire dalle ore 15.15 in chiaro per tutti su Rai Tre, naturalmente canale numero 3. Di conseguenza la diretta streaming video sarà garantita tramite il sito e lapplicazione di Rai Play gratuitamente per tutti. Per gli abbonati però è da segnalare anche la diretta tv a partire dalle ore 13.30 su Eurosport 2 e di conseguenza lo streaming garantito da Eurosport Player e pure da Sky Go e Premium Play, essendo i canali di Eurosport visibili su entrambe le piattaforme.

ORARIO E PRESENTAZIONE TAPPA

Si accende oggi venerdi 9 marzo la terza tappa della Tirreno Adriatico 2018; uno dei primi banchi di prova della stagione mondiale del ciclismo su strada sta quindi per entrare nel vivo e oggi ci offrirà un frazione davvero movimentata. Il tracciato studiato da Follonica a Trevi infatti permetterà non solo ai big di mettersi in mostra ma pure potrebbe concedere la gloria a qualche uomo classifica capace di sfruttare al meglio il muro posto al traguardo. Mentre quindi attendiamo di conoscere il nome del vincitore, non ci resta che segnalare gli orari di partenza di questa 3^ tappa della Tirreno Adriatico 2018. Il via da Follonica è infatti atteso alle ore 9.50, mentre i primi corridori potrebbero arrivare al traguardo di Trevi verso le ore 16.00 o poco prima.

PERCORSO E INSIDIE

Non sarà certo una frazione semplice questa 3^ tappa della Tirreno Adriatico 2018: saranno 239 km pieni di alti e bassi (le alture sono di media importanza ma il dislivello complessivo sarà sui 2700 metri) che potrebbero mettere in difficoltà le ruote veloci. Complessivamente il percorso da Follonica e Trevi comprende ben 3 Gran Premi della montagna, e due traguardi volanti oltre un muretto abbastanza impegnativo al traguardo, quarto Gpm della tappa. Immaginiamo bene che la corsa si annuncia ben interessante anche se impegnativa e più adatta a personaggi di grande calibro come Van Aevermat, Peter Sagan e Michal Kwiatkowski. Partiti da Follonica, infatti appena al 35 .7 km i corridori si troveranno di fronte al primo Gpm di Roccastrada a cui farà presto seguito al km 75 dello di Passo del Lume spento: dopo il terzo Gpm di La Foce atteso al 113 km il tracciato si farà più liscio con il primo traguardo volante di Moiano. Di capitale importanza poi l’approccio al tratto finale del percorso con lultimo traguardo volante posto a Montefalco a meno di 15 km dalla linea di arrivo e il muro finale di Trevi, arrivo della 3^ tappa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori