Juventus, Allegri/ Buffon e Khedira alzano l’asticella, il tedesco: “I miei compagni devono fare silenzio”

Juventus, parla Allegri: “Con il Milan partita seria, vittoria importante ma campionato ancora lungo. Le parole del Conte Max dopo il bel successo dei bianconeri contro il Diavolo

01.04.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
Allegri_urlo_Juventus_lapresse
Allegri lascia la Juventus? (Foto LaPresse)

Tra i protagonisti assoluti di Juventus Milan ci sono stati sicuramente Gianluigi Buffon e Sami Khedira. Il portierone bianconero non ha compiuto particolari miracoli, ma è stato guida presente in campo e la sua esultanza dopo i gol dimostra quanta voglia di vincere ci sia ancora dentro lo spogliatoio. Il tedesco invece dopo una partita complicata e difficile da gestire ha ricevuto molti fischi, realizzando però poi l’assist per il 2-1 di Cuadrado e segnando il 3-1 da fuori area. L’ex Real Madrid però non ha fatto polemica anzi ha ringraziato il pubblico per il clima di fuoco regalato durante la sfida all’Allianz Stadium. Scherzando ha detto sui social di fare silenzio ai suoi compagni di squadra, colpevoli di aver fatto troppo rumore per un lungo periodo del centrocampista senza riuscire a segnare o a entrare in maniera attiva nei gol della squadra. Sami Khedira quest’anno ha eguagliato il suo record di gol in una stagione, sette come quelli del 2008/09 con la maglia dello Stoccarda, ed è a uno dal batterlo. (agg. di Matteo Fantozzi)

BONUCCI: “SE AVESSERO SEGNATO CHIELLINI O BARZAGLI”

Dopo Juventus Milan ha parlato anche Leonardo Bonucci che al ritorno all’Allianz Stadium ha segnato la rete che metteva momentaneamente i rossoneri sul pari. Il calciatore ha parlato alla fine del match ai microfoni di Sky Sport sottolineando: “Se avessero segnato Giorgio Chiellini e Andrea Barzagli sicuramente mi sarei arrabbiato. Conoscevo i loro movimenti e che loro sapevano come mi sarei mosso io, così ho attaccato dall’altra parte“. Il difensore centrale ha dimostrato di essere sempre e comunque sul pezzo nonostante la squadra rossonera abbia poi alla fine incassato tre reti. Il difensore ha poi ribadito comunque il percorso di crescita dei suoi contro un avversario importante come quello di Massimiliano Allegri. Sui presunti litigi con il mister bianconero però Leonardo Bonucci non ha fatto menzione, concentrato più sulla prestazione che su altro. (agg. di Matteo Fantozzi)

“KHEDIRA NON VA FISCHIATO”

Massimiliano Allegri lha vinta ancora una volta con i cambi. La partita della sua Juventus contro il Milan di ieri sera ha svoltato proprio grazie agli innesti arrivati nel secondo tempo: prima è entrato Douglas Costa, che ha creato scompiglio nella retroguardia rossonera, quindi Cuadrado, che ha segnato la rete del due a uno, che ha portato poi alla vittoria. «Per fortuna ho una rosa ampia che mi permette di fare un po di casino ha detto a riguardo Allegri al termine del match – noi abbiamo dato poca ampiezza in alcuni frangenti della partita, poi però siamo riusciti a venirne a capo con i cambi. Tutti felici e contenti in casa bianconera, o forse un po meno Khedira. Il centrocampista della nazionale tedesca è stato imbeccato dal pubblico dellAllianz Stadium, che lo ha fischiato più volte, e Allegri ha commentato la vicenda con tale parole: «Non so perché sia andata così, ai miei ragazzi cè solo da applaudirli. Sono sette anni che fanno cose straordinarie. I calciatori meritano grandi incitamenti perché danno sempre tutto e raggiungono gli obiettivi. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

FATTA UNA PARTITA SERIA”

E soddisfatto, come non poteva essere altrimenti, Massimiliano Allegri. Del resto la sua Juventus ha battuto il Milan allAllianz Stadium, e in virtù del pareggio del Napoli a Sassuolo, si è riportata a più quattro punti di vantaggio. «Complimenti ai ragazzi le parole del Conte Max al triplice fischio finale, riportate dallagenzia Ansa – il Milan era in ottima condizione e non era facile. Hanno fatto una partita seria. Una Juventus che torna a conquistare i tre punti dopo il passo falso con la Spal dello scorso weekend, tra laltro, contro una squadra, quella rossonera, che ieri ha dimostrato di essere fra le più interessanti del campionato: «Il Milan che ha dimostrato di essere una buona squadra ha proseguito il Conte Max – siamo andati in vantaggio, poi abbiamo calato il ritmo e siamo andati un po’ in difficoltà, ma abbiamo mantenuto la calma e abbiamo trovato il nuovo vantaggio che poi ci ha portato alla vittoria.

TENIAMO ALTA LA CONCENTRAZIONE

Come dicevamo, Juventus di nuovo a più quattro del Napoli, ma il campionato è tuttaltro che in archivio. E vero anche però che «Stiamo cominciando la discesa verso la fase finale della stagione ha proseguito Allegri nel post-gara – e dobbiamo mantenere alta la concentrazione. Vogliamo arrivare in fondo in tutti gli obiettivi e per farlo dovremo farci trovare pronti. E per mantenerla alta, Allegri usa queste parole: «Quota scudetto a 99 punti? Dobbiamo vincere almeno sette partite delle otto che mancano. Per ora, i punti che abbiamo non bastano nemmeno per arrivare in Champions, perché da sotto stanno salendo tutti. Una Juventus che ancora una volta si dimostra la squadra più forte del campionato, capace di essere ad aprile al primo posto in campionato con un buon margine sulla seconda (e lo scontro diretto col Napoli si giocherà a Torino), di essere ai quarti di finale di Champions League, e infine, in finale di Coppa Italia: lennesima stagione ad altissimo livello per Allegri e i bianconeri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori