Serie A, Napoli-Udinese 4-2/ Juventus a -4, Tonelli e Milik guidano la rimonta sui friulani

- Stefano Belli

Diretta Napoli Udinese: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live. Ai partenopei serve la vittoria per sperare ancora nel titolo

Albiol_gol_Napoli_amichevole_lapresse_2017
Probabili formazioni Napoli Lazio (foto LaPresse)

Napoli-Udinese è terminata 4-2, vittoria in rimonta per la formazione di Maurizio Sarri che è riuscita a ribaltare l’1-2 grazie alle reti di Raul Albiol, il rientrante Arek Milik e Lorenzo Tonelli. Complice il pareggio della Juventus all’Ezio Scida contro il Crotone, i partenopei si sono portati a -4 punti dal primo posto: domenica la resa dei conti all’Allianz Stadium di Torino, con Marek Hamsik e compagni ospiti dell’undici di Massimiliano Allegri. Maurizio Sarri, intervistato da Premium Sport, ha analizzato così la vittoria in rimonta: Abbiamo approcciato molto bene la partita: abbiamo giocato 25 minuti di grande livello e poi 10 minuti di vuoto. All’inizio del secondo tempo altri 10 minuti di vuoto, mentre nel finale la squadra ha tenuto un livello straordinario. Mi dispiace aver concesso troppo all’Udinese, ma sono felice: ho rivisto la squadra giocare con grande brillantezza”. (Agg. Massimo Balsamo)

DIRETTA NAPOLI UDINESE (RISULTATO FINALE 4-2): NAPOLI, UNA VITTORIA CHE VALE DOPPIO

Grandissima reazione del Napoli che ha ribaltato il match in pochissimi minuti. Callejon prova il sinistro da fuori, Nuytink respinge in uscita. Nel Napoli entra Rog ed esce Callejon. Perica! Traversa dell’Udinese! La stava per riaprire l’attaccante dei friulani! Mancano cinque minuti alla fine della gara, Napoli che ora prova a gestire. Mertens prova il tocco con il petto ma viene chiuso da Samir in fallo laterale. Altro colpo di Perica tra Albiol e Hysaj, il centravanti non trova lo specchio della porta. Provano lo scambio Insigne e Mertens, non riesce il fraseggio tra i due. Ammoniti Mario Rui e Adnan, scintille tra i due. La Juventus ha pareggiato a Crotone, il Napoli torna a meno quattro dalla capolista. Manca un minuto alla fine della gara, vittoria pesantissima per il Napoli. L’arbitro manda tutti negli spogliatoi, grande vittoria in rimonta del Napoli che si giocherà tutto in casa della Juventus fermata sul pari dal Crotone. (agg. Umberto Tessier)

NAPOLI UDINESE, DIRETTA LIVE

TONELLI CALA IL POKER DI TESTA!

Fallo a centrocampo su Mario Rui, il Napoli continua ad attaccare alla ricerca del pari. nsigne calcia verso la porta e trova la deviazione di Bizzarri in calcio d’angolo. Albiol di testa! Il Napoli trova la rete del pareggio grazie al difensore spagnolo! Che match al San Paolo. Mertens prova a fare tutto da solo ma il destro è debole, compagine partenopea tutta all’attacco. Esce Pezzella ed entra Adnan. Milik! La ribalta il Napoli grazie all’attaccante polacco! Tiro di Callejon con l’attaccante polacco che appoggia a porta vuota in rete. Lascia il campo Milik per Allan, l’attaccante polacco ha segnato il terzo gol in campionato. Mertens prova il servizio per Hysaj ma trova solo il calcio d’angolo. Tonelli! Il Napoli cala il poker grazie al colpo di testa dell’ex Empoli! (agg. Umberto Tessier)

 

INGELSSON GELA IL SAN PAOLO!

Inizia la ripresa tra Napoli e Udinese, i padroni di casa devono vincere per giocarsi ancora qualcosa in ottica scudetto. Prova la rovesciata, molto pretenziosa, Ingelsson da fuori area, parata facile di Reina. Insigne prova l’assist per Callejon, Bizzarri esce con i pugni e salva. Diawara ci prova da fuori area, Bizzarri respinge bene. Grandissima giocata di Insigne che serve Hamsik, conclusione che termina larga. Mario Rui pesca Callejon in area, lo spagnolo è in fuorigioco. Hamsik stoppa male sul velo di Milik e porta il pallone sul fondo. Barak serve l’inserimento di Jankto, bella risposta di Reina che mette in angolo. Ingelsson! Nuovo vantaggio dell’Udinese! Era solo il centrocampista in area che fredda Reina! Nel Napoli entra Mertens per Hamsik. (agg. Umberto Tessier)

 

INSIGNE RISPONDE A JANKTO!

Pezzella prova il doppio dribbling ma si porta la palla sul fondo. Primo giallo del match per Danilo dopo l’intervento su Milik. Zielinski tocca per Callejon che viene pescato in fuorigioco. L’Udinese conquista un calcio d’angolo, Balic la mette in mezzo ma trova la respinta di Albiol. Buon finale di prima frazione dell’Udinese che stazione nella trequarti del Napoli. Cross di Balic per Nuytink su calcio d’angolo, il difensore non trova la porta. Udinese avanti con Jankto! Cross di Zampano con il centrocampista che si inserisce e la sblocca! Jankto ha gelato il San Paolo, Napoli in grandissimo calo fisico. Jankto, rimasto a terra, si rialza, l’autore del gol può proseguire il match. Insigne! Pareggia il Napoli! Grande giocata di Zielinski che serve l’attaccante partenopeo, aggancio in area e freddato Bizzarri. Termina la prima frazione in parità. (agg. Umberto Tessier)

 

DIFENDE BENE L’UDINESE

Insigne cerca Callejon, Samir anticipa tutti e mette in angolo. Grande controllo di Insigne in area sul pallone di Hamsik, interviene Nuytink e chiude benissimo. Ritmi bassi ora, ricordiamo che l’Udinese è reduce da nove sconfitta di fila. Milik non riesce a vincere il duello con Danilo, il polacco protesta per una leggera spinta ma l’arbitro non è dello stesso avviso. Balic batte la punizione e trova la deviazione di Milik in calcio d’angolo. Cross di Balic che trova Barak, para facile Reina. Attacca l’Udinese con Zampano che prova il cross ma trova la chiusura della difesa del Napoli. Il Napoli riparte da Reina, difende bene al momento l’Udinese. Siamo intanto giunti alla mezzora di gioco, non si sblocca il match al San Paolo. (agg. Umberto Tessier)

 

BIZZARRI SALVA SU INSIGNE!

Inizia il match tra Napoli e Udinese, ampio turnover nelle due compagini, più ampliato per i friulani che sembra pensare già alla sfida contro il Crotone. L’Udinese batte il calcio di inizio della gara. Mario Rui mette in mezzo, Danilo di testa si rifugia in calcio d’angolo. Sulla battuta la palla arriva a Zielinski che mette in mezzo e trova la parata di Bizzarri. Zielinski cerca al centro Insigne, Zampano chiude bene. Ottimo inizio del Napoli che sta provando a sbloccarla subito. Gran destro da fuori area di Hamsik, para a mano aperta Bizzarri. Tonelli chiude Jankto subendo fallo dal centrocampista dell’Udinese, grande intervento difensivo. Grande palla di Zielinski per Insigne ed altra grande risposta di Bizzarri. Napoli che attacca a testa bassa, per ora però sbatte contro un grande Bizzarri. (agg. Umberto Tessier)

 

FORMAZIONI UFFICIALI!

Mancano solo pochi minuti al calcio d’inizio di Napoli Udinese. Il Napoli ha uno dei migliori attacchi di tutta la Serie A con 66 centri ed allo stesso tempo una ottima difesa che non è mai stata bucata nei primi 15 della ripresa. Il gioco di Sarri è notoriamente fatto di tantissimo possesso palla (media superiore ai 33 minuti) che ha permesso di creare ben 1022 azioni offensive con 471 conclusioni di cui 272 sono finite nello specchio (204 i corner battuti). L’Udinese ad oggi segna tanto nel primo tempo quanto nella ripresa, ha incassato ben 50 reti ed esprime un gioco fatto di maggiori verticalizzazioni. Ha creato 715 occasioni da rete con 290 tiri in totale di cui 140 sono terminato nel bersaglio principale. Adesso è tempo di leggere le formazioni ufficiali: Napoli Udinese prende il via! NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Raul Albiol, Tonelli, Mario Rui; Zielinski, A. Diawara, Hamsik; Callejon, Milik, L. Insigne. Allenatore: Maurizio Sarri UDINESE (3-5-1-1): Bizzarri; Nuytinck, Danilo, Samir; F. Zampano, Barak, Balic, Fofana, Giu. Pezzella; Jankto; Perica. Allenatore: Massimo Oddo (agg. di Claudio Franceschini)

 

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La sfida Napoli Udinese si potrà seguire in diretta tv sul canale Premium Sport 2 HD per tutti gli abbonati al digitale terrestre pay di Mediaset Premium, mentre gli abbonati alla pay tv satellitare potranno collegarsi sul canale 253 di Sky (Sky Calcio 3 HD). La diretta streaming video via internet dell’incontro sarà disponibile per gli abbonati a entrambe le piattaforme, collegandosi sui siti play.mediasetpremium.it e skygo.sky.it. 

GLI ALLENATORI

Napoli Udinese sarà la sfida tra Maurizio Sarri e Massimo Oddo: entrambi hanno motivi di guardare questa sfida in modo particolare. Sarri a Udine ha lasciato per strada una buona parte di uno scudetto: nel 2016 il suo Napoli perse 3-1 (anche allora era aprile), Gonzalo Higuain fu espulso e ricevette tre giornate di squalifica, con la squadra che cadde poi anche a San Siro e mollò quindi la presa sul tricolore. Non sono grandi ricordi per il tecnico partenopeo, anche se come allenatore degli azzurri ha sempre battuto l’Udinese nelle altre occasioni; per quanto riguarda Massimo Oddo, ricorderete che la partita di andata aveva rappresentato per lui l’esordio sulla panchina friulana in sostituzione di Gidi Delneri. Perse per effetto di un gol di Jorginho (ribattuta di un rigore), ma da allora Oddo era riuscito a inanellare cinque vittorie consecutive e una striscia di nove partite senza perdere. Nove è un numero ricorrente per l’Udinese, perchè sono le sconfitte in serie dopo aver pareggiato contro il Milan lo scorso 4 febbraio. Per Oddo comunque anche un bel ricordo che lo lega al Napoli: quello dell’esordio da allenatore in Serie A, quando il suo Pescara si portò clamorosamente sul 2-0 all’Adriatico prima di venire raggiunto da una doppietta di Dries Mertens. (agg. di Claudio Franceschini)

TESTA A TESTA

Non sono certo pochi i precedenti di Napoli Udinese, una partita che si gioca ininterrottamente in Serie A dalla stagione 2006-2007, ovvero quella in cui i partenopei erano riusciti a ritrovare la promozione nel massimo campionato. Napoli dominante al San Paolo e in termini assoluti: l’ultima sconfitta risale all’aprile 2016 (1-3, la partita dell’espulsione di Gonzalo Higuain cui vennero comminate tre giornate di squalifica) mentre nel suo stadio la squadra partenopea ha vinto le ultime cinque, anche se tecnicamente una di queste sfide si è conclusa in parità con gli azzurri che poi si sono qualificati ai rigori (erano gli ottavi di Coppa Italia). Uno splendido 3-3 di dicembre 2013 rappresenta l’ultima volta “ufficiale” in cui il Napoli non ha vinto: nel primo tempo doppietta di Goran Pandev, poi il pareggio di Thomas Heurtaux e Bruno Fernandes e nuovamente il botta e risposta con Blerim Dzemaili e Dusan Basta a segno. Sono 333 i minuti dai quali il Napoli non incassa un gol interno dall’Udinese (Cyril Thereau, 8 febbraio 2015) mentre l’ultima vittoria dell’Udinese in trasferta risale all’aprile 2011, tra l’altro terza affermazione consecutiva in termini generali. Fu 1-2: Gokhan Inler e German Denis, futuro partenopeo e grande ex della sfida, avevamo aperto i conti mentre Giuseppe Mascara aveva solo potuto accorciare le distanze in pieno recupero. Nell’Udinese di allora giocavano anche Pablo Armero (poi a Napoli), Samir Handanovic, Mehdi Benatia, Kwadwo Asamoah e Juan Cuadrado (agg. di Claudio Franceschini)

L’ARBITRO

Napoli Udinese verrà diretta dal signor Gianpaolo Calvarese, che per questa sfida dello stadio San Paolo si avvarrà della collaborazione come assistenti dei due segnalinee Dobosz e Bindoni con IV° uomo Giua. Alla VAR Tagliavento con assistente Marrazzo. L’arbitro teramano arbitra per la prima volta sia i padroni di casa che gli ospiti in questa stagione, un particolare quantomeno curioso; fino a questo momento nello score di Calvarese, contando tutte le competizioni, compaiono 56 ammonizioni con due sole espulsioni (una per doppio giallo, una per rosso diretto) e tre calci di rigore assegnati. I precedenti con il Napoli sono sette: l’ultimo è il 5-0 di Cagliari del dicembre 2016, il primo un 2-0 al Catania datato febbraio 2013 e in mezzo altre tre vittorie con due pareggi, dunque i partenopei non hanno mai perso quando Calvarese ha fischiato nelle loro partite. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Napoli-Udinese, che verrà diretta dal signor Calvarese di Teramo, si gioca mercoledì 18 aprile alle ore 20.45 e sarà una delle sfide del turno infrasettimanale valido per la trentatreesima giornata del campionato di Serie A 2017-2018. Match molto importante allo stadio San Paolo, forse l’ultima spiaggia per la formazione allenata da Maurizio Sarri per riuscire ad arrivare allo scontro diretto di domenica prossima in casa della Juventus ancora con una speranza di strappare lo Scudetto ai bianconeri, che in caso contrario farebbero festa per la settima volta consecutiva. Per il Napoli, due vittorie, tre pareggi (l’ultimo domenica scorsa in casa del Milan) e una sconfitta nelle ultime sei partite, nove punti contro i sedici conquistati nello stesso periodo dai bianconeri con cinque vittorie e un pari in casa della Spal.

Una striscia che ha portato gli azzurri dall’avere un punto di vantaggio in testa alla classifica, al ritrovarsi a sei lunghezze dalla Juventus. Vincere sarà necessario contro un’Udinese a sua volta alle prese con la crisi più pesante della sua storia. Mai il sodalizio friulano aveva perso nove partite consecutive in campionato, come accaduto dopo l’ultimo ko di Cagliari, sabato scorso. Arrivare a dieci sarebbe estremamente pericoloso, visto che il Crotone terzultimo in classifica resta comunque a sei lunghezze di distanza: di certo il San Paolo non è lo stadio ideale per interrompere una serie nera del genere, ma la squadra allenata da Massimo Oddo dovrà scuotersi, per evitare di vivere un’inaspettata, e soprattutto infuocata, lotta finale per la salvezza.  

PROBABILI FORMAZIONI NAPOLI UDINESE

Presso lo stadio San Paolo di Napoli, scenderanno in campo queste probabili formazioni. I padroni di casa partenopei schiereranno lo spagnolo Reina tra i pali, Christian Maggio sull’out difensivo di destra e l’albanese Hjsay come esterno laterale mancino difensivo, mentre l’altro spagnolo Raul Albiol e il senegalese Koulibaly saranno i due centrali di difesa. A centrocampo, spazio per il brasiliano Allan, per Jorginho e per lo slovacco Hamsik, con il tridente offensivo che vedrà schierati dal primo minuto il belga Mertens, Lorenzo Insigne e lo spagnolo Callejon. Risponderà l’Udinese con l’argentino Bizzarri a difesa della porta e una difesa a tre con i brasiliani Samir e Danilo affiancati dal primo minuto dall’olandese Nuytinck. Il ceko Barak, il croato Balic e l’ivoriano Fofana formeranno la cerniera centrale di centrocampo, con il danese Stryeger-Larsen e l’iraqeno Adnan che saranno schierati rispettivamente sulla corsia laterale di destra e sulla corsia laterale di sinistra. In attacco, al fianco di Kevin Lasagna sarà schierato l’argentino De Paul.

TATTICA E PRECEDENTI

Non cambieranno i moduli tattici di riferimento dei due allenatori, 4-3-3 per il Napoli di Maurizio Sarri, 3-5-2 per l’Udinese di Massimo Oddo. Il match d’andata allo stadio Friuli di questo campionato è terminato con una vittoria di misura per gli azzurri firmata da un gol di Jorginho. Napoli vincente anche nell’ultimo precedente in casa, tre a zero il 15 aprile 2017 grazie ai gol di Mertens, Allan e Callejon. L’Udinese non vince al San Paolo dal 17 aprile del 2011, praticamente sette anni esatti, quando passò grazie alle reti messe a segno da Inler e Denis, con i partenopei che riuscirono solamente ad accorciare le distanze in pieno recupero con Mascara.

QUOTE E PRONOSTICO

Le quote per le scommesse sul match rilasciate dai bookmaker indicano il Napoli favorito in maniera schiacciante, con vittoria interna partenopea quotata 1.18 da Bet365, mentre Bwin propone a una quota di 7.75 l’eventuale pareggio e William Hill moltiplica per 17.00 quanto investito sul successo fuori casa dei friulani. Per quanto riguarda i gol realizzati nel corso della partita, Eurobet propone rispettivamente a 1.50 e 2.40 le quote per over 2.5 e under 2.5.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori