Video / Crotone-Juventus (1-1): highlights e gol. Simy come CR7: rovesciata indigesta ai bianconeri (Serie A)

- Stefano Belli

Video Crotone Juventus (risultato finale 1-1): gli highlights e i gol della partita di Serie A che si è conclusa con l’inaspettato pareggio tra i rossoblù e i bianconeri.

Marchisio_Juventus_Genoa_lapresse_2017
Video Crotone Juventus, Serie A 33^ giornata (Foto LaPresse)

Simy come Cristiano Ronaldo: ancora una volta, i bianconeri subiscono un gol pesante in rovesciata. Crotone Juventus ha ricordato la partita dellAllianz Stadium in Champions League: quel gesto tecnico pazzesco del portoghese aveva timbrato il temporaneo 2-0 in favore dei blancos, sarebbe poi diventato 3-0 e questo risultato, come ben sappiamo, sarebbe stato determinante per rendere inutile la grande rimonta bianconera nel tempio del Real. Mercoledì sera allo Scida Simy ha fatto rivivere ai tifosi della Juventus sensazioni simili: la rovesciata con la quale il numero 99 del Crotone ha trafitto Szczesny nel secondo tempo della partita, regalando il pareggio agli squali, ha fatto perdere due punti ai campioni dItalia che, a quattro giorni dalla sfida scudetto contro il Napoli, non sono riusciti a confermare il +6 (che a un certo punto era diventato anche +9) e adesso rischiano seriamente, quanto meno a livello psicologico, di non essere al top domenica sera. Staremo a vedere (agg. di Claudio Franceschini)

LE PAROLE DI ALLEGRI

La Juventus si ferma contro il Crotone: l1-1 realizzato ieri sera nella 33^ giornata della Serie A arresta la corsa della Vecchia Signora che ora vanta appena 4 punti di vantaggio sulla seconda classificata Napoli. Con lavvicinarsi della fine della stagione e in vista dello scontro diretto con i campani di domenica, il pensiero non potrebbe che andare proprio alla graduatoria. In conferenza stampa lo stesso Allegri ha dichiarato, soffermandosi anche sulla possibilità che i propri giocatori vadano al prossimo Mondiale di Russia: Dybala non va al Mondiale? aspettiamo, io credo che poi ci andrà. Per quanto riguarda Higuain, beh stasera parlare chi è stato meglio in campo e chi no, non ha senso. Stasera è stata una partita non bella, anzi brutta. Un mese fa speravamo di arrivare allo scontro diretto a + 4, ora ci siamo e quindi domenica bisogna giocarsela. Il campionato si deciderà il 20 maggio, non prima. (agg Michela Colombo)

 

LA PARTITA ALLO SCIDA

A un certo punto la Juventus aveva addirittura 9 punti di vantaggio nei confronti del Napoli: i bianconeri stavano battendo il Crotone per 1 a 0 grazie all’incornata di Alex Sandro sull’ennesimo assisti di Douglas Costa (senz’altro l’acquisto più azzeccato dalla dirigenza della scorsa estate) mentre i partenopei erano clamorosamente sotto 1-2 contro l’Udinese. Nel giro di pochi minuti si è letteralmente capovolto il mondo con la vecchia Signora raggiunta dall’incredibile rovesciata di Simy, un gesto tecnico che ha ben poco da invidiare a quello di Cristiano Ronaldo sempre contro la squadra di Allegri; al San Paolo la reazione degli uomini di Sarri ha portato al ribaltone dei partenopei che si sono imposti per 4 a 2 e hanno rosicchiato 2 punti agli acerrimi rivali nella lotta per lo scudetto proprio alla vigilia del big match che potrebbe consegnare il settimo titolo consecutivo alla Juve, oppure riaprire definitivamente un campionato che Allegri e i suoi sembravano aver chiuso a chiave. Nel calcio, non ci stancheremo mai di dirlo, è l’approccio a fare la differenza: se parti piano poi è quasi impossibile ritrovare il ritmo giusto durante il prosieguo della gara, basta vedere che brutta fine abbia fatto il Barcellona di recente contro la Roma, o la brutta fine che avrebbe fatto il Real Madrid contro la Juve se a tempo praticamente scaduto Benatia non fosse intervento in maniera scomposta su Lucas Vazquez provocando il rigore che ha eliminato i bianconeri e fatto sbroccare Buffon. Banalmente, la Juve non ha giocato da Juve: ha trovato la via del gol al quarto d’ora del primo tempo ma poi non è riuscita a chiudere i conti, Allegri dalla panchina si infuriava come una bestia impazzita per l’atteggiamento sufficiente e arrogante dei suoi che non hanno aggredito realmente gli avversari che hanno avuto la bravura di tenere duro nei momenti più duri e di rimontare i campioni d’Italia nella seconda frazione con il capolavoro di Simy. Pareggio meritatissimo per la compagine calabrese, doveva essere una giornata negativa in chiave salvezza per il Crotone che invece ha mantenuto invariato il gap nei confronti della Spal che ha impattato 0-0 contro il Chievo, rimanendo a -1 dagli estensi a 6 giornate dalla fine. Lo scorso anno con Nicola in panchina i rossoblù hanno compiuto una rimonta leggendaria ai danni dell’Empoli, fossimo in Semplici eviteremmo di dormire sonni tranquilli.

LE DICHIARAZIONI

Le parole a caldo di Simy, grande protagonista della serata con il bellissimo gol in rovesciata: “Sono contento perché stiamo raccogliendo i frutti del nostro duro lavoro, ho provato questa rovesciata ed è andata bene. Ho agito d’istinto, ho visto il pallone arrivare dalle mie parti e mi sono librato in volo. Noi siamo concentrati sul nostro obiettivo principale, che è la salvezza, la lotta per lo scudetto non ci interessa minimamente”.

Il commento di Walter Zenga, allenatore del Crotone, ai microfoni di Sky Sport: “Il gol di Simy è senz’altro più bello di quello di Cristiano Ronaldo! A parte gli scherzi, ha fatto un numero di altissima scuola e sono fiero di lui. Impensabile non soffrire contro la Juventus che ha grandissime individualità ed è una squadra organizzatissima che ti fa correre a vuoto. Noi oggi dovevamo gettare il cuore oltre l’ostacolo ed è quello che abbiamo fatto. Diaby ci ha dato una grossa mano nella prima parte di gara ma la fisicità di Trotta ha fatto la differenza nel finale quando abbiamo potuto tenere testa ai bianconeri. Ora siamo lì a giocarcela, diremo la nostra fino all’ultima giornata, ci attende un altro spareggio, il Crotone è vivo e vuole restare in Serie A”.

Le dichiarazioni di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus: “Dispiace per il risultato, un paio di mesi fa avevo detto che firmerei per arrivare allo scontro diretto con il Napoli a +4, ma visto che stasera a un certo punto eravamo a +9… Sono passati troppi palloni in mezzo all’area, ho notato troppi errori di deconcentrazione e sull’1 a 0 non abbiamo mai provato a chiuderla, per questo mi sono arrabbiato tantissimo. E infatti nella ripresa siamo stati puniti dagli avversari, oggi potevamo uccidere il campionato ma non ci siamo riusciti”.

CROTONE JUVENTUS, GOL E HIGHLIGHTS: IL VIDEO DELLA PARTITA



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori