Diretta / Atp Montecarlo 2018 live Gasquet Cilic (6-4) streaming video e tv: Richard, che partenza! (tennis)

- Claudio Franceschini

Diretta Atp Montecarlo 2018, info streaming video e tv: quarti di finale nel torneo di tennis Master 1000 che si gioca nel Principato di Monaco. Grande sfida tra Rada Nadal e Dominic Thiem

Thiem_Nadal_Madrid_lapresse_2018
Diretta Atp Montecarlo 2018: Dominic Thiem sfida Rafa Nadal (Foto LaPresse)

Il francese Richard Gasquet e il tedesco Alexander Zverev stanno dando vita allultimo quarto di finale del torneo Atp Montecarlo 2018. In palio un posto in semifinale contro il giapponese Kei Nishikori, mentre è già definito laccoppiamento della prima partita, che vedrà sfidarsi Rafa Nadal e Grigor Dimitrov. Adesso però lattenzione è tutta per Gasquet Zverev, una partita che ci ha regalato un primo set decisamente piacevole, impreziosito dalle qualità tennistiche di Gasquet, giocatore che in carriera probabilmente non ha raccolto quello che avrebbe meritato. Oggi però per il francese potrebbe essere una giornata da ricordare il primo set lo ha visto prevalere per 6-4 su Zverev, al termine di un parziale decisamente emozionante, nel quale il servizio è stato un optional dal momento che ci sono stati ben cinque break. Naturalmente tre sono stati ottenuti proprio da Gasquet, capace di issarsi sul 4-1 e poi di resistere al ritorno del più giovane rivale tedesco. Zverev resta comunque un grande pericolo per Gasquet e linizio del secondo set, con un break in favore del più giovane al secondo game, potrebbe essere un segnale importante in tal senso. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

NISHIKORI IN SEMIFINALE

Kei Nishikori ha battuto Marin Cilic nella terza partita dei quarti di finale del torneo Atp Montecarlo 2018: una sfida combattuto e a lungo equilibrata quella fra il tennista nipponico e il croato, che ha visto infine prevalere Nishikori con il punteggio di 6-4, 6-7 (1), 6-3 al termine di ben due ore e 57 minuti di gioco. Il giapponese era partito bene e nel primo set ha fatto la differenza conquistando il break nel quinto game, quanto è bastato in un set che per il resto ha sempre visto il tennista al servizio difendere il proprio turno in battuta. Nel secondo set è invece successo di tutto, con ben due break e contro-break immediati, al quarto e quinto game e poi di nuovo al nono e al decimo gioco. Di conseguenza si è andati al tie-break, dove però Cilic ha dominato togliendo per ben tre volte la battuta allavversario e imponendosi così per 7-1. Il terzo set è stato a lungo regolare, poi però ecco il break piazzato da Nishikori al momento decisivo, cioè allottavo game per salire sul 5-3 e poi chiudere i conti sul 6-3 nel gioco successivo, sfruttando il proprio turno in battuta. Già nota la prima semifinale fra Rafa Nadal e Grigor Dimitrov, adesso resta solo da scoprire chi sarà lavversario di Nishikori nella seconda semifinale: fra pochi minuti scenderanno in campo il francese Richard Gasquet e il tedesco Alexander Zverev. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

NADAL TRAVOLGENTE

Rafa Nadal ha vinto in modo nettissimo contro Dominic Thiem il secondo quarto di finale del torneo Atp Montecarlo 2018 e di conseguenza domani affronterà il bulgaro Grigor Dimitrov in semifinale. Non ha avuto storia la partita contro laustriaco Dominic Thiem, che Nadal ha conquistato con leloquente punteggio di 6-0, 6-2 in appena 70 minuti di gioco. Dopo un primo set nel quale Thiem non era riuscito a conquistare nemmeno un punto, il secondo parziale è andato in modo abbastanza simile al precedente. Lo spagnolo ha strappato il servizio al proprio avversario già nel secondo game, Thiem ha salvato la faccia conservando per due volte il proprio turno in battuta, ma ecco per Nadal il secondo break nel momento più importante, cioè allottavo gioco, per chiudere set e incontro sul 6-2 ed accedere ancora una volta alle semifinali di Montecarlo. La partita di Nadal è stata talmente veloce che sono già scesi in campo Kei Nishikori e Marin Cilic, che sono sul 2-2 nel corso del primo set: comunque vada, possiamo già parlare di una partita più equilibrata rispetto a Nadal Thiem. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

NADAL PARTE FORTE

Rafa Nadal travolgente nel primo set contro Dominic Thiem: al torneo Atp Montecarlo 2018 sta andando in scena quella che sulla carta sarebbe una partita di altissimo livello sulla terra rosa fra il re Nadal e uno dei pochi che su questa superficie possono impensierire lo spagnolo, almeno sulla carta. La precisazione è doverosa, perché in campo a Montecarlo stiamo assistendo fino a questo momento a un vero e proprio monologo da parte di Rafa Nadal: non cè molto da descrivere quando un set finisce 6-0, anche se quasi tutti i game sono stati abbastanza combattuti. Consolazione però davvero minuscola per laustriaco Thiem, travolto senza alcuna pietà dal dominatore della terra battuta nel giro di soli 34 minuti, durante i quali naturalmente Nadal ha sempre strappato a Thiem la battuta per vincere il set con un secco 6-0. Non solo: adesso è iniziato da qualche minuto il secondo parziale e siamo già sul 2-0 per Nadal, davvero lintera partita sarà senza storia oppure Thiem saprà reagire e almeno allungare lincontro?(Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

DIMITROV IN SEMIFINALE

Grigor Dimitrov ha vinto il quarto di finale contro David Goffin ed è dunque il primo semifinalista del torneo Atp Montecarlo 2018. Il bulgaro si è imposto sul belga in due set con il punteggio di 6-4, 7-6 (5) al termine di unora e quarantasette minuti di gioco, completando nel secondo set una memorabile rimonta da una situazione a dir poco difficilissima. Vi avevamo infatti raccontato nel precedente aggiornamento di un Goffin che, dopo avere perso il primo set, aveva cominciato alla grande il secondo, portandosi avanti addirittura di due break: sul 4-0 per il belga, poteva essere un set già perso per Dimitrov, che però non si è arreso e ha cominciato a risalire, togliendo la battuta al proprio avversario prima allottavo e poi al decimo game – in entrambi i casi Goffin serviva per il set. Un colpo durissimo per il belga soprattutto nel decimo game, che è stato praticamente infinito con tre palle set per Goffin ma anche cinque palle break che sono servite a Dimitrov per conquistare infine il game. Si è infine andati al tie-break, dove è successo nuovamente di tutto, ma il bulgaro è riuscito ad avere la meglio con un combattuto 7-5. Adesso tocca alla sfida tra Rafa Nadal e Dominic Thiem, forse il meglio che si possa chiedere in questo momento sulla terra rossa: peccato che arrivi già ai quarti. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

FINE 1^ SET

Grigor Dimitrov ha vinto il primo set del primo quarto di finale del torneo Atp Montecarlo 2018 contro David Goffin. Il tennista bulgaro si è imposto per 6-4 sul belga al termine di 35 minuti di gioco: il primo scossone è arrivato al sesto game, quando Dimitrov ha strappato il servizio a Goffin, salendo così sul 4-2. Il belga comunque non ha mollato ed anzi è riuscito a strappare il servizio a Dimitrov nel nono game, quando il bulgaro serviva per il set. Tornato sul 4-5 e servizio, Goffin aveva dunque loccasione per prolungare ulteriormente il set, ma qui è tornato fuori Dimitrov, che con un immediato contro-break si è aggiudicato il parziale con il punteggio di 6-4. Sfida che si annuncia comunque interessante, anche perché il secondo set sta avendo ora un andamento completamente diverso: Goffin infatti ha strappato il servizio a Dimitrov sia al primo sia al terzo game e di conseguenza conduce per 3-0. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE IL TORNEO

 Lappuntamento in diretta tv con il torneo Atp Montecarlo 2018 è sui canali della televisione satellitare: vivremo le grandi sfide di tennis su Sky Sport 2, con la squadra di inviati e commentatori che ci terranno compagnia così come gli approfondimenti da studio. Ricordiamo che per tutti gli abbonati alla televisione satellitare ci sarà la possibilità di assistere ai match anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi lapplicazione Sky Go su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

SI COMINCIA

Stanno per prendere il via le sfide dei quarti di finale al torneo Atp Montecarlo 2018, a partire da Dimitrov Goffin: intanto però ci chiediamo se per Dominic Thiem potrebbe finalmente essere arrivato il momento di centrare un grande titolo? Laustriaco si è presentato nel Principato in condizioni fisiche non perfette, tanto da aver dovuto rinunciare a giocare a Miami; tuttavia nei primi impegni ha mostrato di poter ritrovare la condizione, vincendo due maratone contro Andrey Rublev e Novak Djokovic e migliorando sempre con il passare dei minuti. Thiem ha già una ottima carriera alle spalle: 9 titoli Atp tra cui i due 500 di Acapulco e Rio De Janeiro, più altre tre finali giocate. Tuttavia tra Master 1000 e Slam ha raccolto pochino: la finale persa a Madrid da Rafa Nadal (che due settimane prima gli aveva preso il titolo anche a Barcellona) e due semifinali consecutive al Roland Garros, più sei partecipazioni agli ottavi negli altri Major. Arrivato a 24 anni e mezzo, Thiem deve dimostrare di poter fare il salto di qualità: sicuramente non tutti possono dire di aver messo insieme risultati simili alla sua età, ma laustriaco può e deve essere uno dei protagonisti del nuovo corso, approfittando del vuoto di potere e del passaggio di consegne. Nel 2016 si è tolto la soddisfazione di vincere almeno un titolo su ciascuna superficie, ma ora punta in grande: parola al Rainier III dunque, perchè finalmente iniziano i quarti del torneo Atp Montecarlo 2018! (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS DIMITROV GOFFIN

Ovviamente parlando delle sfide di oggi al torneo Atp Montecarlo 2018, non possiamo che approfondire il match tra Grigor Dimitrov e David Goffin. Due degli outsider più concreti presenti oggi nel circuito di tennis maschile, due giocatori che ormai da tempo stazionano nella Top 10 del ranking o nelle immediate vicinanze, due giocatori che hanno grande talento ma che non sempre sono riusciti ad accompagnarlo con mentalità vincente. Dimitrov è sicuramente più appariscente come personaggio, non fosse altro per essere stato fidanzato di Maria Sharapova (ma non è solo per quello); Goffin schivo e riservato, ma capace di diventare un leone in campo. Lepisodio è legato alla finale che hanno giocato allo scorso novembre alla O2 Arena di Londra, quella delle Atp Finals. Dimitrov ci era arrivato vincendo il suo girone con tre successi su tre (anche il 6-0 6-2 su Goffin, trionfo netto) ed eliminando poi Jack Sock, che si era appena preso il Master 1000 di Parigi-Bercy; Goffin invece con grande sorpresa di tutti aveva battuto un Roger Federer che sembrava avere strada spianata verso lennesimo titolo. La finale del Master era stata bellissima: alla fine Dimitrov laveva spuntata vincendo 7-5 4-6 6-3, ancora oggi ultima sfida tra i due (5-1 Dimitrov) se escludiamo la semifinale di Rotterdam questanno, nella quale sul 3-6 1-0 Goffin si è dovuto ritirare. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE GIORNATA

Siamo arrivati ai quarti di finale al torneo Atp Montecarlo 2018: come sempre si parte alle ore 11:00 e sarà il Court Rainier III, il campo centrale, a ospitare le quattro sfide che comporranno il quadro delle semifinali. Piatto ricco: cè Rafa Nadal a caccia di quella che sarebbe una tripletta, niente in confronto agli otto titoli consecutivi vinti tra il 2005 e il 2012 e che, facendo il totale, lo porterebbero a 11 che è un numero mai raggiunto nemmeno da lui (ha 10 Roland Garros e 10 Atp 500 di Barcellona), un Nadal impegnato in un match potenzialmente entusiasmante contro Dominic Thiem. Poi cè la riedizione dell’ultima finale del Master, quella tra Grigor Dimitrov e David Goffin, della finale degli Us Open 2014 tra Marin Cilic e Kei Nishikori e anche una gran bella sfida tra Alexander Zverev e Richard Gasquet, che appartengono a due generazioni diverse ma che allo stesso modo sono arrivati a questo punto del torneo con pieno merito.

NADAL E THIEM CERCANO VENDETTA

Forse è forte dirla così, ma non cè modo migliore di dirlo e si intende ovviamente in ambito sportivo: lanno scorso a Roma Dominic Thiem, prima di essere demolito da Djokovic (battuto ieri) aveva fatto fuori proprio Rafa Nadal, impedendogli di fare len plein sulla terra rossa. Anche laustriaco però ha più di un argomento per volersi prendere la rivincita: in particolare ne ha tre, che corrispondono alle finali perse a Barcellona e Madrid e alla semifinale del Roland Garros. I precedenti dicono 5-2 a favore di Rafa e curiosamente si sono giocati tutti sulla terra: uno anche a Montecarlo, gli ottavi di due anni fa dove Nadal aveva vinto 7-5 6-3. Il Thiem presente nel Principato è lontano dal 100% avendo dovuto saltare il Master 1000 di Miami; il Nadal che si è ripreso la prima posizione del ranking senza nemmeno giocare non è certamente quello dei giorni migliori, e in più potrebbe avere la pressione psicologica di dover difendere tantissimi punti per rimanere in vetta. Sia come sia, quando arriva la stagione sulla terra il maiorchino è in grado di andare oltre i propri limiti; archiviate le stagioni di pausa, sembra nuovamente pronto per dominare ma certo Thiem ha altre idee e proverà a metterle in pratica.

LE ALTRE SFIDE

E’ sicuramente da vivere dall’inizio alla fine il quarto tra Alexander Zverev e Richard Gasquet: questi due giocatori rappresentano una concreta minaccia sulla terra rossa, con il giovane tedesco che punta un altro grande titolo. Gasquet ha ottenuto grandi risultati a Montecarlo, anche se stiamo parlando di dieci anni fa e oltre restano scolpiti nella carriera di un giocatore che ha vinto meno di quanto avrebbe meritato, che ha avuto parecchi problemi fisici (e non solo) e il cui rovescio andrebbe studiato all’infinito nelle scuole tennis. Simbolo di grande continuità anche se gli è sempre mancata l’eccellenza, affronta quel Dimitrov che ha talento sconfinato ma raramente ha raccolto quanto seminato (a parte nel finale di 2017). Alexander Zverev deve ancora fare il salto di qualità negli Slam, ma i due titoli Master 1000 centrati a 20 anni ci dicono che può davvero diventare un precoce numero 1 e mettere fine all’era dei Big Four, che dopo tutto sta ancora continuando nonostante pause nel rendimento, inattività forzate e prestazioni non all’altezza di qualcuno a rotazione. Tra Marin Cilic e Kei Nishikori, che nel 2014 avevano dato vita alla finale Slam più sorprendente degli ultimi 10-15 anni, è davvero difficile pronosticare un vincitore: il giapponese sta giocando bene ma è lontano dal 100% e la condizione fisica precaria ne fa un giocatore che può pagare sulla tenuta da un giorno all’altro, mentre Cilic è la testa di serie numero 2 ma non ha nella terra rossa il suo punto di forza, e inoltre dopo aver eliminato Verdasco (con merito) non ha più giocato visto che Milos Raonic ha dato forfait nel terzo turno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori