Probabili formazioni/ Lazio Salisburgo: diretta tv, orario, le notizie live. L’importanza di Nani

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Lazio Salisburgo: diretta tv, orario, le notizie live sugli schieramenti delle due squadre. I biancocelesti hanno problemi in difesa ma puntano su Ciro Immobile

Felipe_Anderson_Lazio_esultanza_lapresse_2018
(LaPresse)

Andiamo a scoprire quali saranno i giocatori che nelle probabili formazioni di Lazio Salisburgo potrebbero fare la differenza dalla panchina. Tanti elementi ovviamente potrebbero dire la loro, ma noi scegliamo Luis Carlos Almeida da Cunha: al secolo Nani, 31 anni e alla prima stagione con la maglia biancoceleste. Chiaramente non è più quel giocatore che il Manchester United ha tenuto per sette anni, prima affiancandolo a Cristiano Ronaldo e poi sperando che potesse diventare lerede del suo connazionale; va detto anzi che lasciati i Red Devils Nani ha faticato parecchio a mantenere il livello, anche a causa di qualche problema fisico di troppo. Il ritorno allo Sporting Lisbona e poi il Fenerbahçe, dove ha fato bene ma non benissimo; con il Valencia ha ritrovato latmosfera del grande calcio e la Lazio ha provato a investire su di lui, per una ventata di esperienza nel suo reparto offensivo. Linizio è stato certamente in salita: Nani ha giocato la sua prima gara biancoceleste il primo ottobre, da allora ne ha infilate 21 segnando 3 gol in Serie A. Magari non quel rendimento che Simone Inzaghi si sarebbe aspettato ma il portoghese, che ha 112 partite e 24 gol con la nazionale, sa bene di poter essere un elemento di grande utilità per una squadra che sta sognando in grande, e dunque prova a ritagliarsi i suoi spazi. Giovedì sera potrebbe essere utile se non addirittura decisivo per avvicinare la qualificazione alla semifinale di Europa League: staremo a vedere quanto spazio gli verrà concesso. (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SULL’ATTACCO

In Lazio Salisburgo, come abbiamo detto presentando le probabili formazioni della partita, i biancocelesti dovranno fare parecchia attenzione a Munas Dabbur: israeliano di Nazareth, 26 anni da compiere tra meno di un mese e mezzo, questa prima punta che sa anche giocare sullesterno fa parte della squadra austriaca dal luglio 2016 ma nel febbraio di un anno fa era stato mandato in prestito al Grasshoppers, in Svizzera, un ritorno visto che ci era stato anche tra il 2014 e il 2016 segnando davvero tanto (40 gol in 79 partite). Nel Salisburgo è diventato il sostituto di Jonathan Soriano, che in Europa League ha garantito 25 gol in 37 partite ma che ha accettato lofferta del Beijing Guoan. Dabbur dunque si è preso la responsabilità di guidare lattacco della squadra austriaca e ha risposto da campione: in questa stagione ha realizzato 17 gol in 25 partite del campionato e 4 in 10 apparizioni di Europa League, per un totale di 23 reti in 42 presenze. Magari non avrà i numeri di Ciro Immobile, ma sta dimostrando che anche in Europa può fare la differenza: Simone Inzaghi lo sa bene e sa che sarà lisraeliano, già bomber della Under 21 del suo Paese (ma nella maggiore ha un solo gol in 7 apparizioni) il principale pericolo che si frappone tra la sua squadra e la possibilità di fare un altro passo nel torneo, raggiungendo così quella semifinale di Europa League che permetterebbe di sognare ancora più in grande. (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SUL CENTROCAMPO

Scorrendo le probabili formazioni di Lazio Salisburgo, dobbiamo per forza di cose soffermarci sul nome di Sergej Milinkovic-Savic: il serbo non è ancora al meglio e allultimo potrebbe anche saltare landata dei quarti di Europa League, ma proverà a stringere i denti per non saltare lappuntamento. Alla Lazio dal 2015, è diventato sempre più importante per la squadra di Simone Inzaghi: in Serie A è ancora il centrocampista con più reti (9 in 27 partite) avendo nettamente migliorato lo score delle sue stagioni precedenti (un totale di 5 gol) ma anche in Europa League si è fatto notare, con 2 marcature nelle sei gare giocate. Chiaramente Simone Inzaghi lo ha centellinato nella fase a gironi, ma adesso che si avvicina la possibilità di mettere le mani sulla finale Milinkovic-Savic diventa sempre più importante: giocatore a tutto tondo, capace di agire come mezzala ma anche come trequartista, alloccorrenza potendo occuparsi del ruolo di seconda punta. Se il giovane serbo non dovesse farcela, la soluzione naturale sarebbe quella di mandare in campo Marco Parolo; tuttavia, viste le precedenti sfide nel torneo, non è da escludere che il tecnico biancoceleste scelga invece lalternativa con Luis Alberto da interno di centrocampo con Felipe Anderson alle spalle di Immobile, o comunque con questi due giocatori impiegati sulla trequarti lasciando dunque che il centrocampo sia con una linea di quattro elementi. (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SULLA DIFESA

Nel presentare le probabili formazioni di Lazio Salisburgo abbiamo ovviamente fatto il nome di Stefan De Vrij: il difensore olandese ancora una volta sarà chiamato a guidare il reparto arretrato biancoceleste. Sono le sue ultime partite con questa maglia: è ormai nota la volontà di non rinnovare il contratto, e dunque in estate ci sarà laddio a parametro zero con lInter che sembra già essersi assicurato il calciatore. Nonostante questo De Vrij si sta comportando da professionista esemplare, e continua a garantire un rendimento sopra le righe: basti pensare che nel turno precedente di Europa League è stato suo il gol che ha sigillato la qualificazione contro la Dinamo Kiev, e che quella rete è stata la prima in ambito internazionale per lui che ha giocato 14 partite tra Feyenoord e Lazio. A proposito di gol: De Vrij non aveva mai segnato così tanto in carriera. Sono 5 le reti in Serie A e 6 quelle totali in stagione: nei primi due anni a Formello lolandese aveva realizzato un solo gol in Coppa Italia e nel 2016-2017 si era limitato a due marcature in campionato. Una pericolosità in zona gol che il difensore non aveva dai tempi dellultima stagione con il Feyenoord: era il 2013-2014 e aveva segnato 4 gol in Eredivisie. In Nazionale i gol sono 3 in 35 apparizioni. (agg. di Claudio Franceschini)

LE ULTIME NOTIZIE

Lazio Salisburgo, andata dei quarti di finale di Europa League 2017-2018, si gioca alle ore 21:05 di giovedì 5 aprile: i biancocelesti, unici rappresentanti di casa nostra in questo turno della competizione, affrontano una squadra temibile ma certamente abbordabile per continuare a sognare. Si avvicina sempre più la possibilità di giocare una finale che sarà importantissima, perchè potrebbe significare non solo mettere un trofeo internazionale in bacheca ma anche tornare a disputare la Champions League. La Lazio ovviamente rimane in corsa per il quarto posto in Serie A – sabato ha battuto il Benevento – ma al momento occupa la quinta piazza e attraverso lEuropa League tiene aperte due porte altrettanto importanti e percorribili; andiamo dunque a vedere quali sono i dubbi e le certezze che ancora albergano nella mente dei due allenatori per la partita dello stadio Olimpico, analizzando in maniera più dettagliata le probabili formazioni di Lazio Salisburgo.

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile seguire la diretta tv di Lazio Salisburgo anche in chiaro, e dunque saranno solo gli abbonati alla televisione satellitare che potranno gustarla in esclusiva su Sky Sport 1 o su Sky Calcio 1 (qui con codice dacquisto 414146 per chi non avesse sottoscritto il pacchetto Calcio) con la possibilità di attivare, senza costi aggiuntivi, la diretta streaming video con lapplicazione Sky Go, attivabile su dispositivi mobili come PC, tablet o smartphone.

PROBABILI FORMAZIONI LAZIO SALISBURGO

LE SCELTE DI INZAGHI

Difesa praticamente obbligata per Simone Inzaghi, che deve fare a meno di Wallace e Radu e dunque manderà in campo De Vrij con il supporto di Luiz Felipe e Bastos, che rimane favorito su Caceres; in porta come sempre Strakosha. A centrocampo dovrebbe essere mantenuta viva la scelta di Murgia come interno, perchè il giovane del vivaio ha sempre giocato in Europa League e la partita di giovedì sera non dovrebbe fare eccezione; insieme a lui ci sarà Lucas Leiva, stringe i denti un Milinkovic-Savic non al meglio mentre sulle corsie laterali il punto di domanda riguarda Patric, che potrebbe essere tenuto in panchina favorendo linserimento di Basta, con Marusic che a quel punto potrebbe tornare buono per la fascia sinistra ma anche riposare e dare campo allo spagnolo. Di fatto sono in tre per due maglie, mentre nel reparto offensivo in due si giocano la possibilità di agire sulla trequarti come sparring partner di Immobile, che dovrebbe essere titolare senza troppi dubbi: il favorito è Luis Alberto vista limportanza della partita, il che significa che Felipe Anderson dovrebbe inizialmente accomodarsi in panchina (insieme a Caicedo) per essere però un fattore determinante nel secondo tempo.

I DUBBI DI ROSE

Il Salisburgo gioca solitamente con un 4-4-2: a Marco Rose mancherà però il sudcoreano Hee-Chan Hwang e allora a fare coppia con Dabbur nel reparto offensivo dovrebbe essere Minamino, che è favorito su Gulbrandsen. Da tenere docchio però è in particolare il centrocampo: due esterni molto abili come il maliano Haidara e Schlager, in mezzo insieme a Samassékou gioca quel Valon Berisha che ha già segnato 4 gol in questa edizione di Europa League, e che fa parte della squadra dal luglio 2012. Dovrebbero esserci pochi dubbi sulla mediana, anche se Yabo è in ballottaggio per una maglia; ancora meno punti di domanda aperti per una difesa che avrà nel portiere Walke il suo leader, e che si compone per il resto di Caleta-Car e André Ramalho come centrali e di due terzini di spinta che sono Lainer e Ulmer. Rispetto a questi giocatori, dieci undicesimi di quelli che hanno eliminato il Borussia Dortmund nel ritorno degli ottavi, dovrebbe cambiare ben poco ma allultimo lallenatore potrebbe sempre decidere di sparigliare le carte e pensare a qualcosa di nuovo.

IL TABELLINO

LAZIO (3-5-1-1): 1 Strakosha; 27 Luiz Felipe, 3 De Vrij, 15 Bastos; 8 Basta, 96 Murgia, 6 Lucas Leiva, 21 S. Milinkovic-Savic, 77 Marusic; 18 Luis Alberto; 17 Immobile

A disposizione: 23 Guerrieri, 22 M. Caceres, 4 Patric, 16 Parolo, 10 Felipe Anderson, 7 Nani, 20 Caicedo

Allenatore: Simone Inzaghi

Squalificati:

Indisponibili: Wallace, Radu, D. Di Gennaro, J. Lukaku, Lulic

 

SALISBURGO (4-4-2): 33 Walke; 22 Lainer, 5 Caleta-Car, 15 Ramalho, 17 Ulmer; 4 Haidara, 14 V. Berisha, 8 Samassékou, 42 Schlager; 9 Dabbur, 18 Minamino

A disposizione: 1 C. Stankovic, 6 Onguené, 24 Leitgeb, 7 Yabo, 13 Wolf, 21 Gulbrandsen, 41 Daka

Allenatore: Marco Rose

Squalificati: Hee-Chan Hwang

Indisponibili:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori