Probabili formazioni/ Milan Inter: la storia degli ex. Quote, le ultime novità live (Serie A, recupero)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Milan Inter: le quote e le ultime novità live sugli schieramenti delle due squadre. Il derby della Mole si gioca con le rose al completo o quasi (squalificato Biglia)

Bonaventura_Vecino_Inter_Milan_lapresse_2018
Pronostico Milan-Inter (LaPresse)

Nelle probabili formazioni di Milan Inter non compaiono attualmente grandi ex: rossoneri e nerazzurri sono in un momento storico nel quale non si sono scambiati troppi giocatori, ma in passato nonostante la forte rivalità le società hanno collaborato in sede di calciomercato. Lepisodio più famoso, per rimanere ai giorni nostri, resta forse quello di Ronaldo: lattaccante brasiliano, simbolo di unInter morattiana capace di tornare competitiva dopo anni bui, ha giocato cinque anni in nerazzurro ma ha chiuso la sua esperienza con le lacrime dellOlimpico per uno scudetto sfumato allultima giornata. Dopo quattro anni e mezzo eccolo ancora a Milano, ma clamorosamente con la maglia del Milan: Adriano Galliani lo aveva acquistato dal Real Madrid. Non poteva giocare in Champions League (trofeo che i rossoneri avrebbero vinto), poteva invece farlo in Serie A e nel primo derby da grande ex entrò in campo subissato di fischi. La sua risposta? Il gol del vantaggio rossonero e le mani portate allorecchio, come a dire fischiatemi pure, io segno. A ridere per ultimi però sarebbero stati i tifosi dellInter perchè quel derby sarebbe finito 2-1 per i nerazzurri: storia simile a quella vissuta sabato con la rete di Leonardo Bonucci alla Juventus, per un momentaneo pareggio visto il 3-1 con cui i bianconeri hanno poi vinto la partita dellAllianz Stadium. Bonucci che è appunto ex dellInter: ha militato nelle formazioni giovanili e Roberto Mancini lo aveva fatto esordire in Serie A e Coppa Italia, per un totale di quattro partite. (agg. di Claudio Franceschini)

LA RINASCITA DI BROZOVIC

Marcelo Brozovic sarà titolare in Milan Inter: sembra essere questa la scelta di Luciano Spalletti come abbiamo visto nelle probabili formazioni del derby. Un momento dunque estremamente positivo per il centrocampista croato: se sarà regolarmente in campo dal primo minuto, per lui sarà la quarta partita consecutiva da titolare. Questo periodo è coinciso con 7 punti da parte dellInter; spesso e volentieri negli anni passati Brozovic ha avuto un rendimento altalenante e il suo nome è stato accostato parecchie volte a quelli in uscita nella formazione nerazzurra. Invece adesso lui e Roberto Gagliardini hanno nuovamente scalato le gerarchie prendendosi vantaggio su Matias Vecino e Borja Valero: arrivati entrambi dalla Fiorentina, luruguaiano e lo spagnolo avrebbero dovuto rappresentare la cerniera mediana dalla quale ripartire e invece adesso sono finiti in panchina. Naturalmente non significa che non avranno più occasioni da qui alla fine del campionato, ma certamente dovranno sgomitare per avere nuovamente le loro opportunità visto che Brozovic e Gagliardini stanno garantendo minuti di solidità e qualità, dimostrando che le tante panchine hanno avuto effetto sul loro orgoglio e sulla volontà di mettersi al servizio della squadra provando a spingere lInter verso quel quarto posto che era considerato lobiettivo di inizio stagione. (agg. di Claudio Franceschini)

IL DUELLO

Quale duello potrebbe infiammare Milan Inter? Leggendo le probabili formazioni sono tante le sfide che animano questa partita, ma noi vogliamo scegliere una sfida interna e dunque andiamo su quella dei portoghesi André Silva e Joao Cancelo. Entrambi sono alla prima stagione in Serie A ed entrambi sono molto giovani: 22 anni per lattaccante del Milan, 23 per il terzino dellInter. Limpatto con la città di Milano è stato positivo, anche se non privo di difficoltà: un infortunio ha tolto di mezzo Cancelo per la prima parte della stagione mentre André Silva ha dovuto convivere con il digiuno da reti in Serie A, che non lo ha coinvolto nella maledizione del numero 9 perchè nel frattempo sono arrivati tanti gol in Europa League (8 in 14 partite, contando anche i preliminari). Entrambi poi hanno avuto un rendimento in netta ascesa, e lattaccante rossonero ha timbrato due gol consecutivi in Serie A che sono valsi sei punti pesantissimi (contro Genoa e Chievo) per continuare a sognare il quarto posto. Nessuno dei due ha fatto parte della nazionale portoghese che ha vinto gli Europei nellestate del 2016: la prima partita con i lusitani è quella del primo settembre dello scorso anno, un 5-0 a Gibilterra nelle qualificazioni al Mondiale. Cancelo è andato a segno nelloccasione e ha segnato due gol nelle due gare seguenti; Andrè Silva ha già 11 reti in 20 apparizioni. (agg. di Claudio Franceschini)

GLI ASSENTI

Considerando ora più da vicino le probabili formazioni del derby della Madonnina tra Milan e Inter vediamo bene che se Spalletti avrà a disposizione una rosa praticamente al completo non così Gattuso, alla vigilia del fischio dinizio. Per i nerazzurri infatti non troviamo alcun squalificato e lunico elemento dubbio tra linfermeria e la panchina sarà Ranocchia, che sta recuperando dallinfortunio al retto femorale trovato prima di pasqua. Qualche problema in più per il Milan, che invece perde perché colpito a squalifica, il proprio regista Lucas Biglia. Per sostituire lex Lazio pronti Montolivo e Locatelli, anche se lassenza dellargentino potrebbe farsi sentire, specie in una occasione così delicata come è questa partita programmata a San Siro. (agg Michela Colombo)

LE ULTIME NOVITA’

Milan Inter si gioca, mercoledì 4 aprile alle ore 18:30, ad un mese esatto di distanza dalla data originaria: questo derby della Madonnina vale infatti come recupero della 27^ giornata della Serie A 2017-2018, e dunque siamo arrivati a una sorta di resa dei conti tra due squadre che naturalmente si puntano e si guardano dallinizio della stagione, a volte in maniera ideale e virtuale ma altre proprio affrontandosi faccia a faccia in classifica. Entrambe puntano al quarto posto: lInter attualmente lo stringe tra le mani e vuole allungare sui cugini, il Milan però ha rimontato tanto ed è improvvisamente arrivato a portata di mano, anche se sa che pur vincendo eventualmente il derby dovrebbe sudare ancora per centrare lobiettivo. Intanto noi possiamo andare a studiare in che modo i due allenatori potrebbero disporre le loro squadre sul terreno di gioco per la partita dello stadio Giuseppe Meazza, analizzando nel dettaglio le probabili formazioni di Milan Inter.

QUOTE E PRONOSTICO

Chi parte favorito nel derby della Madonnina? Secondo lagenzia di scommesse Snai nessuna delle due: non capita spesso di trovare un dato simile, eppure le quote su segno 1 (vittoria Milan) e segno 2 (vittoria Inter) per una volta sono identiche. Giocando a favore delluna o dellaltra formazione il vostro guadagno sarebbe identico, vale a dire 2,70 volte la somma messa sul piatto; questo è un altro segnale di come il momento delle due squadre sia molto simile e nemmeno la classifica possa influire. Ad ogni modo il pareggio, per il quale dovrete ovviamente giocare il segno X, vi permetterebbe di guadagnare una cifra pari a 3,15 volte quella che avrete deciso di investire.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN INTER

LE SCELTE DI GATTUSO

Gennaro Gattuso è costretto a operare una variazione rispetto alla squadra tipo: Lucas Biglia, ammonito sabato contro la Juventus, ha raggiunto il limite di cartellini gialli e dunque è squalificato. Il suo sostituto naturale è Montolivo e dunque sarà lui a prendere il posto dellargentino al centro della linea mediana del Milan; per il resto laltra sostituzione che il tecnico rossonero potrebbe operare è quella che riguarda lattacco, con Cutrone che è pronto a riprendersi la maglia di prima punta a scapito di André Silva e con largo vantaggio anche su Kalinic, che continua a non convincere. Qui però ci si ferma con le novità: la squadra rimane la stessa perchè anche allAllianz Stadium il Milan non ha demeritato. Spazio dunque a Bonucci e Alessio Romagnoli a protezione di Gigio Donnarumma, con Calabria e Ricardo Rodriguez che agiranno ancora sulle fasce; le due mezzali saranno Kessie e Bonaventura – questultimo appare leggermente in calo e ha bisogno di ritrovare la condizione, ma dovrebbe giocare a scapito di Locatelli – mentre nel tridente offensivo ad accompagnare Cutrone saranno come sempre Suso e Calhanoglu, con il turco che forse oggi è il calciatore più in forma di tutta la rosa.

LE CERTEZZE DI SPALLETTI

Se Gattuso non ha dubbi, Gennaro Gattuso ha addirittura certezze granitiche: il tecnico toscano dispone lInter secondo il 4-2-3-1 e con la squadra che ha ripreso vigore in classifica. Non cambia alcunchè: Brozovic sta ritrovando continuità e verrà messo in campo al fianco di Gagliardini, anche lui in un ottimo momento di forma. Ci sarà allora unaltra panchina per Borja Valero, che sta pagando il calo di condizione; sulla trequarti Rafinha sarà titolare, con Candreva in vantaggio su Karamoh e Perisic che, tornato a segnare, non ha assolutamente rivali per la maglia di esterno sinistro così come non ne ha Mauro Icardi da prima punta. In difesa poi Spalletti ha cambiato ben poco anche in periodi in cui le cose non andavano così bene, e dunque non ci sono ragioni per farlo oggi: Miranda e Skriniar formano la coppia centrale, Joao Cancelo (altro giocatore che ha nettamente migliorato il suo rendimento) sarà a destra con DAmbrosio confermato (su Dalbert) come terzino sinistro, in porta Samir Handanovic che non ha subito gol nelle ultime quattro partite e vuole continuare in questo modo.

MILAN (4-3-3): 99 G. Donnarumma; 2 Calabria, 19 Bonucci, 13 A. Romagnoli, 68 Ri. Rodriguez; 79 Kessié, 18 Montolivo, 5 Bonaventura; 8 Suso, 63 Cutrone, 10 Calhanoglu.

A disposizione: 30 Storari, 90 An. Donnarumma, 15 Gustavo Gomez, 22 Musacchio, 17 C. Zapata, 31 Antonelli, 73 Locatelli, 4 José Mauri, 11 Borini, 7 Kalinic, 9 André Silva

Allenatore: Gennaro Gattuso.

Squalificati: Lucas Biglia.

Indisponibili: Abate

 

INTER (4-2-3-1): 1 Handanovic; 7 Joao Cancelo, 37 Skriniar, 25 Miranda, 33 DAmbrosio; 77 Brozovic, 5 Gagliardini; 87 Candreva, 8 Rafinha, 44 Perisic; 9 Icardi.

A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 21 Santon, 2 Lisandro Lopez, 29 Dalbert, 20 Borja Valero, 11 Vecino, 17 Karamoh, 23 Eder, 99 Pinamonti

Allenatore: Luciano Spalletti.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Ranocchia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori