Video/ Juventus-Real Madrid (0-3): highlights e gol. Carvajal: Cr7 nella storia (Champions League, quarti)

- Stefano Belli

Video Juventus Real Madrid (0-3): highlights e gol della partita di Champions League che ha visto il trionfo degli uomini di Zidane all’Allianz Stadium di Torino.

Ronaldo_Ramos_Marcelo_Real_lapresse_2017
Real Madrid, Ronaldo: Grazie ai tifosi della Juventus (Foto: LaPresse)

Tra i momenti più emozionati della partita di Champions League tra Juventus e Real Madrid vi è stato senza dubbio il gol segnato da Cristiano Ronaldo. Al 19’ del secondo tempi Cr7 con una mirabolante rovesciata insacca Gigi Buffon che davvero ha potuto fare ben poco per fermare il bomber dei Blancos. Al termine del match ovviamente è questa rete l’immagine impressa nella mente di molti e il giocatore del Real Madrid Carvajal, che ha fornito l’assist, fuori dagli spogliatoi ha dichiarato: “Il mio passaggio era stato buono ma quel che ha fatto Cristiano è incredibile. Il suo gol resterà nella storia, non ci sono parole. Credo che l’applauso dei tifosi avversari la dica tutta”. Strabiliati dall’impresa del portoghese tutto l’Allianz Stadium si era alzato in piedi per applaudire il talento dello stesso Cristiano Ronaldo. (agg Michela Colombo)

 

ALLEGRI: RISULTATO BUGIARDO

Risultato amaro per la Vecchia Signora quello immediato ieri in casa: il match di Champions League è infatti terminato per 3-0 a favore del Real madrid, che quindi può andare con fiducia al prossimo match di ritorno. Chi non sorride invece il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri, il quale però al termine del match ha dichiarato: “ stasera dopo tre minuti potevamo comportarci meglio dopo aver subito il primo gol, ma dopo la squadra ha fatto una partita matura, fisica e tecnica, con una buona tecnica. Poi dopo abbiamo avuto occasioni per fare gol ma loro sono stati bravi: il calcio è anche questo. Mi spiace molto per i ragazzi perchè il 3-0 sicuramente, visto il campo, li penalizza un po’ troppo”. Di certo ora la strada verso il passaggio del turno dei bianconeri è tutto in salita. (agg Michela Colombo)

 

IL MATCH ALLO STADIUM

Da quando gioca allo Stadium la Juventus non aveva mai perso 0-3, è successo nel match valevole per l’andata dei quarti di Champions League 2017-18 contro il Real Madrid trascinato da un super Cristiano Ronaldo, autore di una doppietta: il secondo gol è già entrato di diritto nella storia del calcio, una rovesciata con stacco da terra impressionante, impossibile per i difensori bianconeri contenerlo e ai tifosi della vecchia Signora non è rimasto altro che applaudirlo, un gesto tecnico simile vale da solo il prezzo del biglietto anche se con ogni probabilità ha compromesso definitivamente le chance di qualificazione per la squadra di Allegri. A dieci mesi dalla finalissima di Cardiff la Juve viene nuovamente ridimensionata dai blancos che in Europa dimostrano di essere ancora gli uomini da battere sebbene quest’anno nella Liga spagnola il Real Madrid non sia mai riuscito a tenere il passo del Barcellona, ormai non è più un’utopia per la compagine di Zidane il terzo trionfo consecutivo in Champions. Per Cristiano Ronaldo la Juventus rappresenta uno dei suoi bersagli preferiti: 7 gol nelle 5 partite disputate contro i bianconeri, quelli segnati complessivamente ormai abbiamo smesso di contarli. A 33 anni il portoghese è ancora uno dei calciatori più forti in circolazione, sulla cresta dell’onda da più di un decennio, è da considerare tra i più grandi di tutti i tempi e non sfigurerebbe affatto in un confronto con Maradona e Pelé, come sostenuto dallo stesso Buffon nel dopo gara. L’avventura in Europa sembra dunque giunta ai titoli di coda per la Juve, molto difficile che al Santiago Bernabeu i bianconeri riescano a ribaltare lo 0-3 dell’andata, a meno che Zidane non sbatta la testa a poche ore dal fischio d’inizio e decida di schierare i pulcini. Allegri in particolare è stato “tradito” da Paulo Dybala: nella serata in cui la Joya era chiamato a fare la differenza contro le grandi star del calcio internazionale, il numero 10 ha invece deluso facendosi espellere per somma di ammonizioni, accusando un crollo nervoso che gli ha fatto perdere la testa e lo ha portato ad abbandonare il timone della nave proprio mentre stava per colare a picco. Pesantissimi anche gli errori di altri uomini chiave come Chiellini e Barzagli che non ne hanno azzeccata una. In casa Juve forse devono cominciare a pensare a svecchiare la difesa: Benatia e Rugani sono un buonissimo punto di partenza, se Howedes smettesse di recitare la parte l’oggetto misterioso potrebbe essere un buon rincalzo anche in vista della prossima stagione.

LE DICHIARAZIONI

Al termine della gara il portiere della Juventus, Gigi Buffon, ci ha messo la faccia davanti alle telecamere di Premium Sport: “Cristiano Ronaldo ha confermato stasera di essere un calciatore di caratura mondiale, il suo valore va equiparato a Maradona e Pelé per come incide nei successi delle squadre dove gioca. Quando devi vedertela contro grandissimi campioni l’errore è sempre dietro l’angolo e ci può stare qualche sbavatura in più del solito, se in 10 anni di carriera segni 500 gol ci sarà un motivo. Dispiace rendersi conto che probabilmente non andremo avanti ed è un rammarico grande, ma è anche vero che quando incontri avversari più forti devi prendere atto della loro superiorità e fargli i complimenti”.

Le parole di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, nel dopo-gara: “Quando giochi contro campioni del calibro di Cristiano Ronaldo devi essere fortunato se vuoi cavartela e sperare che siano in giornata no. Stasera invece il portoghese ha tirato fuori dal suo repertorio i suoi pezzi più pergiati, inoltre tutti gli episodi sono stati a nostro sfavore e gli avversari sono stati bravissimi a punirci ogni volta che ne hanno avuto l’occasione. Sullo 0-2 era fondamentale limitare i danni e tenere aperto anche un piccolo spiraglio per il ritorno, il terzo gol di Marcelo non ci voleva proprio. La cosa importante è ripartire e tornare a concentrarci il più in fretta possibile sul campionato”.

Il commento di Zinedine Zidane, allenatore del Real Madrid: “A giudicare dal risultato direi che la squadra stasera è stata perfetta. Non è facile segnare 3 gol alla Juventus in casa sua, ci sono stati alcuni momenti in cui anche i bianconeri potevano farci male e invece non ci sono riusciti, credo che la differenza stasera sia nel fatto che invece noi abbiamo saputo sfruttare meglio le occasioni. Cristiano Ronaldo ha dimostrato ancora una volta di essere il più forte calciatore al mondo, la sua fame di vittorie non ha eguali. Anche se nei novanta minuti ha commesso un paio di errori…”

JUVENTUS-REAL  MADRID, GOL E HIGHLIGHTS: IL VIDEO



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori