Pagelle / Udinese Inter: Fantacalcio, i voti della partita. Perisic scatenato (Serie A 36^ giornata)

- Matteo Fantozzi

Pagelle Udinese Inter (0-4): Fantacalcio, i voti della partita di Serie A per la 36^ giornata. I protagonisti, i migliori e i peggiori al Friuli (oggi 6 maggio)

luciano_spalletti_lapresse_2017
Avversario Inter, Spalletti - La Presse

Ivan Perisic risulta essere uno dei migliori nelle nostre pagelle di Udinese Inter: il croato oggi non ha segnato nel 4-0 nerazzurro alla Dacia Arena, ma è stato devastante soprattutto nel primo tempo. Per due volte Danilo gli ha negato la rete respingendo sulla riga di porta; Perisic avrebbe sicuramente meritato di segnare, ma va bene anche così e il suo 7 in pagella è pienamente meritato. Ancora una volta dunque il numero 44 si è dimostrato un grande elemento per la squadra di Luciano Spalletti: capace di andare in doppia cifra di reti in Serie A, anche sabato scorso contro la Juventus aveva determinato l’autorete di Barzagli per il momentaneo vantaggio dell’Inter ma poi aveva “disubbidito” a Luciano Spalletti, diciamo così, costringendo il tecnico toscano a togliere dal campo Mauro Icardi per inserire Santon. Pericis dunque torna a essere importante: il poker dell’Inter avvicina la squadra alla Champions League, ma dipenderà come sappiamo dai risultati delle due squadre romane. (agg. di Claudio Franceschini)

LE PAGELLE DI UDINESE INTER

Il secondo tempo inizia con una grande occasione per Kevin Lasagna che calcia in diagonale e non inquadra la porta per pochissimo. I nerazzurri tentano giustamente di addormentare la partita, forti del 3-0 acquisito nel primo tempo. Arriva poi il rosso a Seko Fofana, che calpesta la caviglia di Ivan Perisic ricordando molto l’episodio che una settimana fa aveva portato all’espulsione di Matias Vecino contro la Juventus. L’arbitro Mazzoleni ricorre al Var per prendere una decisione giusta. Al minuto 70 arriva il quarto gol che porta la firma di Borja Valero. I nerazzurri portano a casa tre punti meritati. Questi permettono di mettere grandissima pressione sulle spalle della Roma e della Lazio impegnate rispettivamente in trasferta contro il Cagliari e in casa con l’Atalanta. Invece per i friulani è un ko pesante anche se dietro ci sono ancora molte squadre a dividerla da una possibile retrocessione.

UDINESE

Bizarri 5: parte con qualche errore sul quale Danilo mette una pezza, ma poi è bravo in due-tre occasioni a dire di no ai nerazzurri. Commette però due gravi topiche subendo due reti identiche alla fine della prima frazione di gioco su Rafinha e Icardi che segnano sul suo palo;
Samir 5: spaesato sbaglia tantissimi palloni e in marcatura oggi compie diversi disastri;
Danilo 6: grande prova nel primo tempo quando per due volte salva sulla linea un gol fatto di Ivan Perisic. Commette anche lui i suoi errori, ma dietro è l’unico a salvarsi;
Larsen 5.5: pronti via bene su Icardi, poi però sparisce dai radar;
Widmer 5: soffre sulla corsia destra dove Perisic è davvero scatenato;
Balic 6: tra i migliori dei suoi questo giovane talentuoso che però davvero può poco;
Behrami 5: soffre al centro del campo dove non riesce mai a dettare i tempi sovrastato da Brozovic e Borja Valero. Spreca malamente poi quando si era 0-1 una palla che gli avrebbe consentito di riportare i suoi in partita; (74′ Jankto sv)
Fofana 4: sbadato e poco attento nella prima frazione di gioco, viene espulso pronti via nella ripresa per un fallo inutile quanto brutto su Perisic;
Adnan 5: soffre tantissimo nel primo tempo soprattutto lo scontro con Candreva e Cancelo che davvero lo fanno impazzire;
De Paul 5: è vero che è l’unico ad accendere la partita dei padroni di casa con due splendidi assist per Lasagna, così come il fatto che non riesce mai ad entrare in partita se non per dei lampi improvvisi. Il centrocampo soffre la sua posizione sempre un po’ più avanti di quello che dovrebbe. Esce dopo il rosso a Fofana per gli equilibri del centrocampo di Tudor. (50′ Barak 6): porta corsa e sostanza al centrocampo, ma entra a partita compromessa; Lasagna 5.5: ha due grandi occasioni, calcia in diagonale fuori senza trovare la porta. Per il resto davvero poco. (79′ Perica sv)

All.Tudor 4.5: compie una scelta imprudente quando nella ripresa, a gara ancora aperta, alza la squadra. Prende così due gol sul finire di primo tempo e getta al vento un possibile pareggio;

INTER

Handanovic 6.5: deve compiere una sola grande parata, ma è proprio in questo che si vedono i campioni. Decisivo chiude la porta in faccia a Lasagna quando si era ancora 0-1;
Cancelo 6.5: prestazione in crescendo come quelle dell’ultimo periodo, sulla corsia sta diventando una garanzia; Skriniar 5.5: rischia tantissimo nel primo tempo, e col risultato ancora in bilico, di regalare un rigore agli avversari ma come contro la Juventus viene graziato ancora. Disattento, sembra aver un po’ mollato di testa; Ranocchia 7: sa di dover giocare all’ultimo minuto per il ko di Miranda in allenamento. Gioca una partita precisa e di grande impostazione tecnica, segnando anche di testa il gol che sblocca la partita;
Dalbert 6.5: torna in campo dopo tantissimo tempo e combina cose egregie anche se i compiti oggi non sono complicatissimi. Esce dopo settanta minuti stremato e con i crampi; (69′ Santon sv)
Brozovic 6.5: alterna cose molto buone ad altre che lo sono meno, ma la prestazione è sempre molto incoraggiante;
Borja Valero 6: alla fine è il gol a salvare l’ennesima partita anonima dello spagnolo, anche oggi sottotono come è apparso da quando è arrivato in nerazzurro;
Candreva 6.5: buon primo tempo dove è frizzante e sfiora diverse volte il gol, crolla nella ripresa anche per il fatto che la gara è praticamente decisa; (79′ Karamoh sv)
Rafinha 6.5: segna il primo gol della sua carriera in Serie A, gioca per la squadra ma sa pungere e soprattutto sa quando farlo. Nella ripresa cala vistosamente; (83′ Eder sv)
Perisic 7: nel primo tempo è scatenato, due volte Danilo gli dice di no salvando sulla linea. Nella ripresa come tutta la squadra rallenta la freccia sulla sinistra;
Icardi 6.5: parte addormentato, tanto che lo anticipa addirittura Larsen che di certo non ha le sue capacità aeree. Nel finale della prima frazione però segna il gol che chiude la partita. Gioca per la squadra anche nella ripresa;

All.Spalletti 6.5: scelte tutte giuste, bravissimo anche a rilanciare giocatori poco utilizzati come Dalbert nella giornata giusta.

VOTO UDINESE 4 – squadra completamente spaesata e con pochissime idee, non riesce a trovare nemmeno la rete della bandiera e l’espulsione di Fofana non c’entra;

VOTO INTER 8 – Nerazzurri al limite della perfezione se si escludono dieci minuti nella prima frazione quando ha rischiato seriamente di subire un pari che avrebbe cambiato la partita;

VOTO MAZZOLENI 8 – Nel primo tempo Lasagna chiede un rigore per una possibile spinta di Skriniar, bravissimo l’arbitro a lasciar correre senza nemmeno chiedere il silent check. Ottima scelta quando nella ripresa decide di andare al Var per poi espellere Fofana. Partita perfetta.

LA PRIMA FRAZIONE DI GIOCO

Pronti via parte subito forte la squadra di Luciano Spalletti. Prima è bravo Larsen ad anticipare Icardi (6) che stava per colpire a botta sicura, poi invece Danilo (6.5) salva sulla linea un colpo di testa di Perisic che aveva sorpreso Bizzarri. Il portiere bianconero è subito dopo nuovamente protagonista, bella parata su un cross deviato da Antonio Candreva (6). Andrea Ranocchia (6.5) sblocca la partita al minuto 13 grazie a un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Palla dentro per Icardi che viene anticipato da Bizzarri in uscita, a porta vuota calcia Perisic che trova però ancora una volta sulla linea Danilo. Ci prova poi due volte da fuori Candreva senza grandissima fortuna. L’esterno ha poi una grandissima occasione dentro l’area di rigore, ma svirgola scivolando. Strepitosa parata di Handanovic che dice no a Lasagna bravo a sfruttare un’incertezza della difesa nerazzurra. Tira da lontano Brozovic su punizione, ancora Bizzarri a dire di no all’Inter. Nel finale arrivano i gol di Rafinha e Icardi, che nello stesso modo beffano Bizzarri.

I VOTI DEL PRIMO TEMPO

VOTO UDINESE 4: i friulani giocano praticamente 10 minuti e dimostrando di poterlo fare alla pari, per i restanti 35 però la squadra non riesce ad azzeccarne una. MIGLIORE UDINESE: DANILO 6.5 – Due volte nel primo tempo il capitano della squadra friulana dice di no a Perisic, salvando sulla linea. Se la sua squadra è ancora a galla il merito è tutto suo. PEGGIORE UDINESE: DE PAUL 5 – Il centrocampo soffre la rapidità dei nerazzurri e la colpa è anche sua che non riesce mai a fare da collante con l’attacco come spesso gli riesce bene. Prestazione fino a questo momento negativa. VOTO INTER 7 – partenza incredibile con gol fulmineo, bella partita giocata dai ragazzi di Spalletti che calano per dieci minuti ma riescono a non subire il pari per poi dilagare; MIGLIORE INTER: PERISIC 7: scatenato sulla corsia mancina il croato salta l’uomo sempre con grande rapidità. E’ bravo a colpire due volte a rete e sarebbero stati altrettanti gol se non ci fosse stato in entrambi i casi Danilo a dire di no sulla linea. Si guadagna il calcio d’angolo che porta al gol di Ranocchia; PEGGIORE INTER: BORJA VALERO 5 – il nerazzurro è un oggetto misterioso, non più il grandissimo centrocampista visto a Firenze ma una pedina di difficile collocazione. Anche oggi svagato per ora nonostante la buona prova dei suoi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori