Diretta/ Atp Madrid 2018, Djokovic Nishikori (7-5 6-4) info streaming video e tv live: il serbo al 2^ turno!

- Claudio Franceschini

Diretta Atp Madrid, info streaming video e tv: prosegue il torneo di tennis sulla terra rossa della capitale spagnola. Novak Djokovic elimina Kei Nishikori, vince anche Maria Sharapova

Sharapova_Stoccarda_lapresse_2017
Diretta Atp Madrid 2018: secondo turno per Maria Sharapova (Foto LaPresse)

E tornato il Novak Djokovic dei tempi migliori? Lo scopriremo forse nei prossimi turni del Madrid Open 2018, ma intanto quello che abbiamo visto tende verso questa ipotesi: il serbo ha superato in due ore (14 secondi in meno, tecnicamente) Kei Nishikori con il risultato di 7-5 6-4, guadagnando laccesso al secondo turno dove sfiderà uno tra Daniil Medvedev e Kyle Edmund. La vittoria sul giapponese è importante e significativa non tanto per il livello dellavversario, un ex Top Ten e finalista Slam che aveva mostrato ottimi progressi a Montecarlo (dove aveva raggiunto la finale): è più che altro il modo in cui Djokovic lha ottenuta, cioè centrando il break nel primo game disponibile per chiudere in ciascun set, lasciando con un palmo di naso il povero giapponese. Nole dunque prosegue la sua corsa verso il terzo titolo di Madrid, mentre si è qualificato anche Mikhail Kukushkin che ha schiantato per 6-3 6-2 la wild card Roberto Carballes Baena e andando a incrociare Kevin Anderson. Nel torneo femminile Caroline Wozniacki ha sofferto molto, ma alla fine ha battuto Ashleigh Barty con il risultato di 6-2 4-6 6-4, rimanendo in campo oltre due ore: per la danese, numero 2 del seeding, il prossimo ostacolo è lolandese Kiki Bertens, che ieri ha superato Sara Errani senza troppi problemi e oggi si è ripetuta con un 6-1 6-4 su Anastasija Sevastova, testa di serie numero 15 ma non al livello della scorsa stagione. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE IL TORNEO ATP MADRID

Gli appuntamenti con la diretta tv del Mutua Madrid Open sono due: il torneo maschile è sui canali del satellite, dunque Sky Sport 2 e Sky Sport 3 con approfondimenti da studio e focus sui match principali. Le partite femminili invece si potranno seguire sulla web-tv federale Super Tennis, aperta a tutti (canale 64 del telecomando) e raggiungibile anche attraverso il numero 224 del decoder satellitare. Ricordiamo ovviamente lopzione della diretta streaming video: nel primo caso attivando lapplicazione Sky Go su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone, nel secondo sul sito www.supertennis.tv. Il portale ufficiale del torneo è www.madrid-open.com; disponibili gli account ufficiali sui social network, in particolare facebook.com/mutuamadridopen e, su Twitter, @MutuaMadridOpen.

DJOKOVIC IN CAMPO CONTRO NISHIKORI

Novak Djokovic si prende il primo set nel suo esordio al Madrid Open 2018: contro Kei Nishikori è 7-5 dopo unora e 7 minuti. Basta la durata per farci capire quanto il match sia combattuto e durissimo: i due tennisti non si stanno risparmiando e Djokovic è riuscito soltanto nel game di chiusura, il dodicesimo, a prendersi il vantaggio decisivo sul giapponese, potendo anche iniziare al servizio il secondo parziale. Nel frattempo Federico Delbonis, arrivato dalle qualificazioni, ha fatto fuori Mischa Zverev per 6-1 2-6 7-6, con un tie break vinto per 8-6 nel set decisivo; vittoria netta per Kiki Bertens che ha eliminato in due set una Anastasija Sevastova in calo e adesso aspetta la vincente tra Ashleigh Barty e Caroline Wozniacki, con la danese che aveva in mano il match ma si è fatto sorprendere perdendo il secondo set, e adesso rischia davvero grosso. Maria Sharapova giocherà invece il terzo turno contro Kristina Mladenovic, e sarà un impegno tosto: la francese alla fine è riuscita a ottenere la vittoria in tre set contro Shuai Zhang che, ricordiamo, al primo turno aveva fatto fuori la campionessa di Indian Wells Naomi Osaka. (agg. di Claudio Franceschini)

SHARAPOVA AGLI OTTAVI

Una dominante Maria Sharapova vola al terzo turno del Madrid Open 2018: la russa impiega poco più di unora e mezza per liberarsi di Irina-Camelia Begu con il risultato di 7-5 6-1. Primo parziale molto combattuto e nel quale la Sharapova ha anche dovuto recuperare un break di svantaggio, ma nel secondo la russa ha preso il largo e ha meritatamente guadagnato gli ottavi di finale. Appare decisamente in forma Masha, ma dovrà attendere impegni più probanti: agli ottavi eventualmente la russa andrebbe a incrociare una tra Shuai Zhang e Kristina Mladenovic, che sono in campo in questo momento con la francese in vantaggio di un break nel terzo set. In campo maschile nel frattempo si è qualificato in 74 minuti Milos Raonic, che ha schiantato per 6-3 6-2 il qualificato argentino Nicolas Kicker; pass per il secondo turno anche per Diego Schwartzman, autore di un 6-1 6-3 su Adrian Mannarino e in costante crescita (qui è la testa di serie numero 13) e per Damir Dzumhur, che ha eliminato laltro francese Julien Benneteau con il risultato di 6-4 6-2, impiegando appena 66 minuti. Adesso sul campo centrale è arrivato il momento di Novak Djokovic: il serbo fa il suo esordio nel torneo di Madrid, che ha vinto nel 2011 e nel 2016, affrontando linsidiosissimo Kei Nishikori in un match tra due giocatori che stanno cercando di tornare agli antichi splendori. (agg. di Claudio Franceschini)

SHARAPOVA IN CAMPO

E arrivato il momento di Maria Sharapova al Madrid Open 2018: come già detto la russa se la vede con Irina-Camelia Begu nel secondo turno, e dunque ha unaltra rumena sul cammino dopo aver giocato contro Mihaela Buzarnescu. Ricordiamo che lo scorso anno la Sharapova, appena rientrata sul circuito Wta dopo la squalifica di un anno e mezzo per doping, era stata eliminata da Eugenie Bouchard; la quale in questo momento sta vivendo un periodo poco felice in una carriera ancora breve ma già fatta di grandi ascese e vertiginosi picchi (occupa la 118esima posizione del ranking, è stata numero 7 giocando la finale a Wimbledon e il Master di fine anno). Nel frattempo Petra Martic sta mostrando a tutti perchè è una giocatrice in grande crescita, con splendida rimonta sulla numero 7 del seeding Caroline Garcia: la francese ha vinto il primo set ma non è riuscita a sfruttare il break di vantaggio nel secondo e adesso rischia. Altri due francesi invece si sono dati battaglia sul Manolo Santana: il derby tra Lucas Pouille e Benoit Paire si è risolto con la vittoria di questultimo per 6-2 6-3, e dunque è anche un upset visto che Pouille era la testa di serie numero 15 del tabellone. (agg. di Claudio Franceschini)

PARTITE AL VIA

Prende il via unaltra giornata al Madrid Open 2018: dopo lantipasto della domenica – le vittorie di Richard Gasquet e Denis Shapovalov – anche il torneo maschile entra nel vivo, con il derby francese tra Lucas Pouille e Benoit Paire sul campo centrale. Occhi puntati poi su Maria Sharapova che, superato il primo turno di slancio, se la vede con Irina-Camelia Begu – seconda rumena in fila dopo la vittoria su Mihaela Buzarnescu – mentre a seguire avremo lesordio per Novak Djokovic, decisamente sfortunato nel pescare quel Kei Nishikori che ha giocato la finale a Montecarlo. Avremo poi il derby spagnolo tra Pablo Andujar e Feliciano Lopez e, a chiudere il programma sul Manolo Santana, ecco la grande sfida Wta tra Victoria Azarenka e Karolina Pliskova, quasi una finale anticipata al netto delle condizioni della bielorussa. Sul campo Arantxa Sanchez si parte con Caroline Garcia-Petra Martic, mentre già come secondo match ci sarà Milos Raonic a sfidare largentino Nicolas Kicker; dovremo aspettare domani per lesordio di Fabio Fognini, impegnato contro Leonardo Mayer, e così anche Paolo Lorenzi che ha pescato male nel sorteggio, e dovrà vedersela contro linsidiosissimo spagnolo Fernando Verdasco. Adesso parola ai campi: finalmente al Madrid Open 2018 si torna a giocare! (agg. di Claudio Franceschini)

FOCUS SU ZVEREV

Alexander Zverev si presenterà al torneo Atp Madrid 2018 come uno dei protagonisti più attesi di questo Masters 1000, anche perché il giovane tedesco ci arriva sull’onda del successo conquistato ieri nella finale del torneo di Monaco di Baviera, nel quale il padrone di casa ha battuto in un derby tedesco Philipp Kohlschreiber in due set con il punteggio di 6-3 6-3. Per Zverev è il settimo successo in carriera in un torneo del circuito maggiore Atp, un segnale di ottima forma sulla terra rossa, amnche se a Madrid e poi anche a Roma (dove l’anno scorso vinse) e soprattutto al Roland Garros il livello sarà ancora più alto, a cominciare dalla presenza di un certo Rafa Nadal. Per Zverev a Monaco è stato un bis, visto che aveva vinto anche l’anno scorso il torneo bavarese: un motivo in più per considerarlo una delle stelle di Madrid. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE GIORNATA

Il grande tennis non si ferma mai: il torneo Atp Madrid 2018 prosegue nella giornata di lunedì 7 maggio, con inizio delle partite alle ore 11:00. Abbiamo di fatto archiviato il primo turno Wta e ci lanciamo dunque nel secondo, mentre per quanto riguarda il tabellone Atp prosegue lo stesso primo turno, che era cominciato ieri con alcuni match che però non hanno visti impegnati i grandi protagonisti, intesi come teste di serie e favoriti per la vittoria. Nonostante si giochi sulla distanza di una settimana siamo ancora allinizio del percorso: per arrivare al titolo bisognerà vincere sei match e, visto che i bye riguardano solo le prime otto teste di serie del torneo maschile (non esistono invece in quello femminile), le insidie si nascondono dappertutto, anche e soprattutto nella prima parte di questo torneo.

IL PROGRAMMA DI LUNEDì 7 MAGGIO

Oggi dunque vivremo lesordio di alcuni giocatori da tenere particolarmente docchio: per esempio Fabio Fognini, che si trova sulla sua superficie favorita ma deve fare i conti con una condizione ancora non ottimale, e arriva da un torneo di Montecarlo nel quale non ha brillato (anzi: è stato eliminato subito). Il sanremese incrocia la racchetta con Leonardo Mayer, argentino che è sempre temibile: dal punto di vista del talento non ci sono confronti e Fognini è decisamente superiore, ma il gaucho ha dimostrato nel corso della carriera di avere la garra tipica dei suoi connazionali, che gli ha permesso per esempio di vincere da protagonista la Coppa Davis del 2016. Un avversario ostico, sicuramente da temere; in campo troveremo anche Novak Djokovic, che ha dato risposte confortanti a Montecarlo dimostrando di poter raggiungere una forma accettabile dopo un inizio pessimo di 2018.

Il serbo però ha pescato davvero male: il sorteggio lha accoppiato a Kei Nishikori che, oltre a essere un ex Top Ten e un finalista Slam, sulla terra si trova a suo agio tanto da aver giocato la finale proprio a Madrid ed essere reduce dal match per il titolo nel Principato. Anche il giapponese è stato fuori a lungo e ha impiegato un po di tempo per tornare; adesso però sembra aver raggiunto un livello utile per giocarsela. Da quella parte di tabellone incrocia anche Milos Raonic, altro giocatore che purtroppo ha dovuto fare i conti con vari acciacchi che ne hanno minato la classifica; e poi cè Paolo Lorenzi, che paga sempre dazio alla sorte e infatti se la dovrà vedere con lesperto spagnolo Fernando Verdasco, uno che quando si gioca su questa superficie è sempre una minaccia costante e ha tutto per arrivare in fondo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori