CLASSIFICA GIRO D’ITALIA 2018 / Maglia rosa e altre graduatorie: Dennis resta leader, sale Yates! (4^ tappa)

- Mauro Mantegazza

Classifica Giro dItalia 2018: la maglia rosa e le altre graduatorie. Rohan Dennis sempre leader, dopo la quarta tappa Catania-Caltagirone l’australiano si conferma davanti a Dumoulin

ciclismo Bernocchi
Diretta Coppa Bernocchi 2019 (LaPresse - immagine di repertorio)

Rohan Dennis conferma la maglia rosa anche dopo la quarta tappa del Giro dItalia 2018: laustraliano del BMC Racing Team resta davanti con un vantaggio di 1 secondo sul campione in carica Tom Dumoulin, Non cambia granchè la classifica generale della corsa a tappe, ma ci sono alcune modifiche sostanziali: la più importante riguarda Tim Wellens, che grazie alla vittoria della quarta tappa si porta in quarta posizione con un ritardo di 19 secondi dal leader. Rohan ha anche un vantaggio di 17 secondi su Simon Yates, il britannico della Mitchelton-Scott che scala tre posizioni; scendono dunque sia José Gonçalves che Alex Dowsett, entrambi escono dalla Top Ten a favore dello stesso Wellens e di Thibaut Pinot, che anche nella seconda e terza settimana potrà essere una minaccia nelle prime posizioni e che si porta in ottava posizione con un ritardo di 34 secondi. Entra anche Patrick Konrad, austriaco della Bora-Hansgrohe; è nono e di fatto sostituisce Tony Martin. Guadagna due posizioni Domenico Pozzovivo, che adesso è settimo; il suo distacco però rimane di 28 secondi, anzi si è alzato di 4 secondi quello dal podio. (agg. di Claudio Franceschini)

CLASSIFICA MAGLIA ROSA GIRO D’ITALIA 2018

LE PAROLE DI ROHAN DENNIS

Rohan Dennis è la maglia rosa del Giro dItalia 2018 dopo le tre tappe che abbiamo vissuto in Israele. Il primato in classifica generale ha naturalmente acceso i riflettori sul corridore australiano della Bmc, che tutti conosciamo come eccellente cronoman e pistard, ma il cui valore nelle grandi corse a tappe è ancora tutto da verificare, perché sulla distanza delle tre settimane e in particolare sulle grandi salite Dennis non è mai riuscito a ben figurare fino ad oggi. Il primo ad essere curioso di scoprire quali potrebbero essere i propri limiti è lo stesso Rohan Dennis, che infatti ha rilasciato in tal senso dichiarazioni molto interessanti al termine della tappa di Eilat: Con allenatore e team abbiamo concordato un piano quadriennale. In questo Giro correrò tutte le tappe fino a Roma come se fossi in lotta per la vittoria indipendentemente dalla classifica, anche se fossi a unora dalla maglia rosa. Lobiettivo è analizzare le prestazioni, capire le possibilità e le debolezze. Sarà uno snodo fondamentale per la carriera. Idee chiare, nel frattempo però Dennis cercherà di tenere la maglia rosa il più a lungo possibile, superando dunque indenne le insidie delle tappe in Sicilia. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ELIA VIVIANI IN FUGA

Elia Viviani non è abituato ad andare in fuga, perché conquista le sue vittorie in volata, tuttavia lo sprinter veronese della Quick-Step Floors è senza dubbio già in fuga nella classifica a punti del Giro dItalia 2018, che vede Viviani in maglia ciclamino con un margine di vantaggio già notevolissimo sui principali inseguitori, che sono naturalmente gli sprinter che il campione olimpico dellomnium su pista ha battuto in volata sia a Tel Aviv sia ad Eilat. In totale Elia Viviani, grazie anche ai piazzamenti nei vari traguardi volanti, ha già accumulato ben 130 punti in questa particolare classifica, mentre in seconda posizione troviamo Sacha Modolo con 55 punti, appena davanti a Jakub Mareczko che è invece terzo a quota 53. Dunque il veneto della Education First-Drapac e il bresciano della Wilier Triestina-Selle Italia messi insieme non hanno i punti di Viviani, il che ben racconta il margine di vantaggio che Elia ha già saputo costruire in due sole tappe adatte ai velocisti. Quarto posto per lirlandese Sam Bennett con 50 punti, da segnalare anche il quinto posto del canadese Guillaume Boivin, in fuga sia sabato sia domenica, che grazie ai traguardi volanti ha accumulato ben 48 punti. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA MAGLIA ROSA

La classifica del Giro dItalia 2018 vedrà anche oggi Rohan Dennis in maglia rosa. Domenica infatti lultima delle tre tappe israeliane non ha fatto registrare sostanziali novità nelle prime posizioni della classifica generale, che vede sempre il corridore australiano della Bmc davanti a Tom Dumoulin per un solo secondo, grazie ai 3 di abbuono conquistati a un traguardo volante nella tappa di Tel Aviv dopo che lolandese aveva vinto la cronometro di Gerusalemme per 2 su Dennis. Da segnalare solamente che ha perso 31 il belga Victor Campenaerts, che di conseguenza è sceso dal terzo al quindicesimo posto, per il resto i distacchi sono rimasti immutati per tutti i big, con Simon Yates e Domenico Pozzovivo che sono per ora gli altri nomi di spicco presenti fra i primi dieci fra coloro che hanno ambizioni di essere protagonisti nella classifica finale di questo Giro dItalia numero 101, domenica 27 maggio a Roma.

CLASSIFICA GIRO DITALIA 2018: LE INSIDIE IN SICILIA

Da oggi, con la quarta tappa Catania-Caltagirone, avranno inizio tre giorni decisamente interessanti in Sicilia, perché oggi e poi anche domani nella Agrigento-Santa Ninfa vivremo due tappe ricche di saliscendi, con pochissima pianura e che saranno infiammate da impegnativi strappi nel finale, dove magari potrebbero muoversi anche i big a caccia di secondi comunque preziosi in classifica, abbuoni compresi. Big che saranno poi sicuramente protagonisti assoluti giovedì nella sesta tappa, perché la Caltanissetta-Etna ci riserverà il primo arrivo in salita di questo Giro dItalia, tra laltro scalando il vulcano da un versante inedito che si annuncia più impegnativo. Ecco dunque che lattesa di tifosi e appassionati è davvero grande, perché nei prossimi tre giorni inizieremo a capire quali potrebbero essere i rapporti di forza fra i protagonisti più attesi di questa Corsa Rosa.

LE ALTRE CLASSIFICHE

Iniziano naturalmente ad assumere un volto più significativo anche le altre graduatorie del Giro dItalia, in particolare la classifica a punti, che grazie a due volate vinte in Israele vede già un dominatore in maglia ciclamino. Ci riferiamo naturalmente ad Elia Viviani, che ha vinto sia a Tel Aviv sia ad Eilat: di conseguenza il campione olimpico dellOmnium è al comando già con un ottimo margine sui primi inseguitori, che sono Sacha Modolo e Jakub Mareczko. Cè gloria per la Quick-Step Floors anche nella classifica dei giovani: in maglia bianca cè sempre il tedesco Maximilian Schachmann, con 8 di vantaggio su Valerio Conti in virtù del distacco fra i due maturato nella cronometro di Gerusalemme. Infine, Enrico Barbin della Bardiani-Csf indosserà anche oggi la maglia azzurra della classifica Gpm, avendo vinto sabato il primo Gran Premio della Montagna di questo Giro dItalia e poi arrivando secondo domenica sul Gpm della frazione che ha affrontato il deserto del Negev. Qui però naturalmente le gerarchie sono ancora fragili, i due Gpm previsti oggi potrebbero già portare grandi novità.

CLASSIFICA GENERALE GIRO DITALIA 2018

1 Rohan Dennis (Aus) 14h23’08”

2 Tom Dumoulin (Ned) +1”

3 Simon Yates (Gbr) +17”

4 Tim Wellens (Bel) +19”

5 Pello Bilbao Lopez De Armentia (Esp) +25”

6 Maximilian Schachmann (Ger) +28”

7 Domenico Pozzovivo (Ita) +28”

8 Thibaut Pinot (Fra) +34”

9 Patrick Konrad (Aut) +35”

10 Carlos Betancur (Col) +35”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori