Michelle Alonso, chi è?/ La “Forrest Gump” del nuoto in gara con i normodotati

- Claudio Franceschini

Michelle Alonso, campionessa paralimpica affetta da una disabilità mentale, gareggerà con le nuotatrici normododate in un evento internazionale: una grande conquista per il mondo dello sport

Michelle_Alonso_nuoto_Paralimpiadi_lapresse_2018
Michelle Alonso, nuotatrice paralimpica (Foto LaPresse)

Michelle Alonso scrive la storia del nuoto e non solo: mercoledì e giovedì prendono il via le qualificazioni delTrofeo Internazionale di Nuoto Mare Nostrum, evento organizzato dalla federazione europea, e latleta paralimpica potrà gareggiare con le più forti raniste al mondo. Già: Michelle Alonso, ventiquattrenne di Tenerife che ha una disabilità mentale, alle Paralimpiadi ha vinto due medaglie doro: sui 100 rana è arrivata davanti a tutte a Londra 2012 e si è ripetuta quattro anni più tardi a Rio. Adesso potrà finalmente vedersela con le atlete normodotate: avrà la possibilità di gareggiare al fianco di Yulia Efimova (oro olimpico in carica), di Kanako Watanabe, di Jessica Valls, Katie Melli e tante altre figure importanti nel mondo del nuoto. Un evento che vedrà ai nastri di partenza anche Katinka Hosszu e Katsumi Nakamura, Katinka Hosszu e Mireia Belmonte, Bruno Fratus e Duncan Scott oltre ad altri nomi importanti di tutte le discipline del nuoto. Quando puoi nuotare in un parterre così qualificato sei un po più grande ha detto la Alonso al quotidiano Marca.

LA ALONSO AL FIANCO DELLE GRANDI

Michelle Alonso ha dovuto sudarsi la qualificazione al Mare Nostrum: ha ottenuto il quarantottesimo tempo (su 62) nei 50 e il 45esimo su 56 nei 100 rana. Chiaramente la competitività non può essere da medaglia in questo contesto, ma il fatto che possa gareggiare con le normodotate rimane una grandissima conquista. Lo ha riconosciuto anche il suo allenatore José Luis Guadalupe che, parlando sempre a Marca, ha detto che vedere un campione paralimpico nuotare con i migliori normodotati farà in modo di portare la gente comune più vicina allo sport. Secondo il coach, includere i disabili nel mondo dello sport dovrà diventare un fatto concreto e la presenza di Michelle a questo evento internazionale sarà davvero importante per sensibilizzare sullargomento. Per quanto riguarda la nuotatrice spagnola, levento non sarà solo una passerella: per lei si avvicina il grande appuntamento delle Paralimpiadi Europee, in programma tra il 13 e il 19 agosto a Dublino, e dunque questi giorni di gare le serviranno per allenarsi e arrivare al meglio a questa kermesse nella quale sarà una delle atlete da battere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori