Hierro nuovo allenatore della Spagna/ Lopetegui esonerato, le parole del nuovo ct (Mondiali Russia 2018)

Lopetegui esonerato, Hierro il nuovo allenatore della Spagna. La federcalcio affida al direttore tecnico la panchina della nazionale ai Mondiali di Russia 2018.

13.06.2018 - Michela Colombo
julen_lopetegui_ct_spagna_nazionale_2018
Julen Lopetegui (LaPresse)

Hierro è il nuovo ct della Spagna e pronto a scendere in campo per sostituire l’esonerato Lopetegui. L’ex colonna del Real Madrid ha parlato in conferenza stampa per raccontare le sue sensazioni. Il tecnico ha sottolineato: “Non cambiano i nostri obiettivi, chiedo solo fiducia agli spagnoli perché il gruppo è buono e ha le idee chiare”. Ha poi fatto delle precisazioni su quella che sarà la formazione pronta a scendere in campo: “Non voglio fare nessun cambiamento, nessuno stravolgimento. In questa squadra non c’è nulla da ritoccare. Siamo venuti per fare un grande Mondiale e il nostro obiettivo non cambia”. Su Lopetegui non ha voluto parlare, ma ha espresso comunque le sue emozioni: “Si tratta di un’opportunità per me unica e che accetto con grande voglia e forza. Agli spagnoli dico di avere grande fiducia perché siamo un ottimo gruppo“. Ora l’obiettivo è quello di raggiungere grandi risultati, provando a dare una sterzata per andare a distogliere l’attenzione su un cambiamento difficile da capire con queste tempistiche. (agg. di Matteo Fantozzi)

UN RISCHIO CALCOLATO?

La Spagna ha esonerato il suo commissario tecnico Lopetegui, passando lo scettro di commissario tecnico a Fernando Hierro ex difensore del Real Madrid e delle stesse Furie Rosse. Si tratta però di un rischio enorme che potrebbe portare la Federazione a pentirsi amaramente di quanto scelto. Se infatti il tecnico dovesse fallire si andrebbe a rischiare una serie di ripercussioni clamorose. Lo stesso Hierro rischia di bruciarsi una possibile carriera da allenatore, perché in caso di brutte figure a Russia 2018 potrebbe anche essere etichettato come quello del disastro spagnolo. Certo però se la Spagna dovesse arrivare in fondo e fare un buon Mondiale la scelta potrebbe essere meritevole soprattutto per il grande coraggio provato nella scelta di un allenatore giovane e inesperto. La sfida è partita, vedremo domani cosa accadrà in campo. (agg. di Matteo Fantozzi)

ECCO COSA CAMBIER IN CAMPO

Hierro è il nuovo commissario tecnico della nazionale spagnola e la guiderà a sorpresa nell’avventura ai Mondiali 2018 in Russia. Per lui è la seconda esperienza da allenatore dopo che aveva guidato il Real Oviedo due stagioni fa. La scelta è stata fatta in base al curriculum di un calciatore che della Nazionale è stato anche capitano, realizzando un record importante di reti nelle sue 89 presenze, ben 29 sono infatti i gol tantissimi per un difensore. Sarà importante ora capire come giocherà il tecnico che punterà ovviamente sulla personalità dei calciatori più importanti come Sergio Ramos, ma non disdegnerà l’impiego di giovani di talento come Thiago Alcantara e Monreal, oltre a quella di calciatori ormai pronti a diventare leader incontrastati come Saul Niguez. La sensazione è che arrivato in fretta e furia continuerà con ogni probabilità il lavoro fatto dal suo predecessore senza aver il tempo di effettuare degli stravolgimenti. (agg. di Matteo Fantozzi)

ESONERATO LOPETEGUI

La notizia dellesonero di Lopetegui e il contemporaneo annuncio di Fernando Hierro come nuovo allenatore della Spagna, a meno di 24 dal avvio dei Mondiali di Russia 2018, di certo ha spaccato in due la tifoseria della Roja. Questi ultimi aggiornamenti che arrivano da Krasnodar, dove la Roja è in ritiro prima della competizione iridata, di certo sono difficili da digerire, in primis proprio allo spogliatoio iberico che sulle prime si era mosso per convincere la federcalcio a mantenere Lopetegui in panchina. Purtroppo le mosse di Rubiales sono andate verso unaltra direzione, ma in conferenza stampa lo stesso presidente della Rfef aveva assicurato alla stampa che il gruppo era rimasto compatto. A cercare di pacificare gli animi poi ci si è messo poco fa anche il capitano alla Spagna, Sergio Ramos, che con un significativo Tweet sul suo profilo ufficiale ha invitato allunità sotto i colori della nazionale. Nel messaggio, posto sotto a una foto del simbolo della nazionale stampato sulla maglia per i Mondiali di russia 2018 si legge: Siamo la Selecciòn, rappresentiamo un simbolo, i colori, una passione, un paese. La nostra responsabilità e il nostro impegno sono con voi e per voi. Ieri, oggi e domani, insieme: #VamosEspaña”.

HIERRO IL NUOVO CT

Visti anche i tempi davvero ristretti, la federcalcio iberica non ci ha messo molto ad annunciare il nuovo allenatore della Spagna, dopo limprovviso esonero di Lopetegui. Come abbiamo già avuto modo di ripetere diverse volte, il prossimo appuntamento della Roja è da qui a 48 ore e sarebbe il match con il Portogallo, prima sfida del girone di Mondiali 2018. Attraverso quindi un tweet pubblicato sul profilo ufficiale, la federazione spagnola ha annunciato che sarà Fernando Hierro il nuovo allenatore della Spagna: lex direttore tecnico quindi occuperà la panchina maggiore nei prossimi mondiali. Come previsto si è optato per una soluzione interna, con il preciso scopo di turbare il meno possibile il già tesissimo clima negli spogliatoi: Hierro era già a Krasnodar alla corte di Lopetegui. Volendo tracciare un breve profilo del personaggio ricordiamo che Hierro fu un notissimo giocatore del Real Madrid (di cui fu anche capitano per 6 anni): da tecnico, prima dell’incarico della nazionale spagnola, si ricordano nel suo palmares la panchina da vice di Ancelotti sempre al Real nel 2014-2015.

PROBABILE LA SOLUZIONE INTERNA PER IL NUOVO CT

Esonerato Lopetegui dalla panchina iberica, è caccia aperta al nuovo allenatore della Spagna a poco più di 48 ore dalla partita di esordio della Roja contro il Portogallo per i Mondiali di Russia 2018. Interpretando le ultime parole del presidente della federcalcio spagnola, intervenuto poco fa in conferenza stampa per dare la notizia shock , lipotesi più probabile è quella di una soluzione interna che non turbi eccessivamente lo spogliatoio in questo momento così delicato. Lo stesso Rubiales ha infatti affermato: Non sappiamo ancora niente, faremo una comunicazione nelle prossime ore. Quello che è sicuro è che cambieremo il meno possibile. Lintenzione in ogni caso è quella di muovere le acque il meno possibile. Pare quindi che lo staff tecnico già presente a Krasnodar, sede del ritiro della nazionale spagnola per i Mondiali 2018 verrà quindi confermato, ma rimane il mistero di chi occuperà la panchina principale. Tra i nomi più in voga ora ecco quello di Fernando Hierro, in coppa con Celader, due ex giocatori del Real Madrid che fanno già parte dello staff della nazionale spagnola.

RUBIALES DATO UN MESSAGGIO FORTE

Dietro allesonero del Lopetegui dalla panchina della nazionale della Spagna due giorni dai Mondiali 2018 di Russia pare che vi sia non tanto un problema di sostanza quanto un problema di forma. Come abbiamo già detto alla federcalcio spagnola non è andata già lannuncio del passaggio dello stesso ct basco alla panchina del Real Madrid nella prossima stagione, notizia cui, secondo le ultime parole in conferenza stampa dello stesso presidente Rubiales, la presidenza sarebbe stata tenuta alloscuro cinque minuti prima della comunicazione ufficiale. Secondo proprio le dichiarazioni dello stesso Rubiales: La federcalcio era totalmente all’oscuro di quanto stava succedendo e quindi non possiamo lasciar passare questa cosa. Lopetegui è un professionista impeccabile, ma la forma con cui vengono fatte le cose è importante”. Lo stesso numero 1 della rfef ha poi aggiunto: Era necessario mandare un messaggio chiaro per tutti coloro che lavorano nella federazione calcistica spagnola: ci sono dei modi di agire e vanno rispettati. Sarà una mossa suicida quella della nazionale spagnola a poche ore dallinizio di un mondiale che avrebbe visto gli iberici da protagonisti assoluti?. Di certo la rfef non avrà motlo tempo ora per torvare un sostituto di Lopetegui: è probabile quindi che per il nuovo allenatore della Spagna si opti per una soluzione interna.

LOPETEGUI ESONERATO

Yule Lopetegui non sarà più il ct della Spagna: questo è l’annuncio schock del presidente della federcalcio spagnola che arriva dalla conferenza stampa a Krasnodar, sede del ritiro della Roja per i prossimi Mondiali 2018 di Russia. La notizia di certo spiazza tutti tifosi e non solo: rinunciare al proprio commissario tecnico a 48 ore dal match di esordio della competizione iridata non è certo cosa che capita tutti i giorni. A rendere poi tale annuncio ancora più sconcertante è che proprio in queste ultime ore erano filtrati dallo spogliatoio spagnolo segnali incoraggianti sulla permanenza dello stesso Lopetegui alla panchina della nazionale spagnola. Pare infatti che gli stessi giocatori erano scesi in prima linea a favore del tecnico basco e per placare gli animi della federazione. Eppure il passaggio annunciato con troppo anticipo dello stesso Lopetegui al Real Madrid non è andato giù alla federcalcio spagnola, che ha dichiarato di non aver gradito di non essere stata preventivamente consultata a proposito. Non è comunque impossibile che dietro all’annuncio dell’esonero di Lopetegui vi sia anche qualche altro problema ancora non noto. Nel frattempo lo stesso presidente Rubiales ha affermato in conferenza stampa: Obbligati ad esonerarlo. Deve essere un messaggio chiaro per tutti i lavoratori della federazione. La forma con cui si fanno le cose è importante. Quale sarà quindi il futuro della Spagna in questi mondiali 2018?

TRA POCO LA CONFERENZA STAMPA

Siamo in attesa di conoscere il futuro del ct della Spagna Lopetegui: a minuti infatti è attesa una conferenza stampa (visibile sui profili social della federazione nazionale) a cui avrebbe presenziare sia il tecnico della Roja che il presidente della federcalcio spagnola Rubiales. La presenza di entrambi i protagonisti di questa vicenda è però ben dubbia: di certo però non potrà mancare lallenatore del Real madrid nella prossima stagione, che potrebbe quindi essere costretto a spiegare da solo alla stampa il clima ben teso che si respira in queste ore a Krasnodar, sede del ritiro della formazione iberica. Già nella giornata di ieri dopo tutto la federcalcio spagnola aveva annunciato il disimpegno del ct Lopetegui una volta terminata la partecipazione della Spagna ai Mondiali di Russia 2018, ma sono attesi importanti aggiornamenti oggi su tale vicenda. Nel frattempo in serata ieri Rubiales ai giornalisti che lo avevano accolto a Kransnodar aveva dichiarato a denti stretti: Prenderemo la decisione più conveniente per la Nazionale. Quello che posso dire è che faremo le cose con responsabilità”. Nel caso in cui il numero 1 della federcalcio spagnola dovesse presentarsi oggi in conferenza stampa la situazione potrebbe rivelarsi davvero esplosiva: Lopetegui è a rischio allesordio di Russia 2018?.

IL CT RISCHIA LA PANCHINA?

Terremoto in casa Spagna a 24 ore della partita inaugurale dei Mondiali di calcio 2018 in Russia: Lopetegui potrebbe non essere più il ct della nazionale iberica e solo nelle prossime ore la federcalcio spagnola prenderà una posizione in merito a tale situazione. La notizia arriva questa mattina dal ritiro della Roja a Krasnodar e il clima non potrebbe essere più teso nella cittadina russa: secondo i media spagnoli infatti pare che il presidente della federcalcio Rubiales abbia davvero mal digerito lannuncio che sarà Lopetegui l’allenatore del Real Madrid nella prossima stagione (dopo il clamoroso addio di pochi giorni fa di Zinedine Zidane). Ecco quindi che ieri sera, il neoeletto presidente federale è approdato nella cittadina russa, sede del ritiro della nazionale spagnola, davvero scuro in volto e costantemente attaccato al telefono: ai cronisti presenti avrebbe detto che non era il momento giusto per parlare e che prenderà una decisione per per il bene della Spagna.

IL TEMPISMO E IL TRADIMENTO

Di certo il tempismo non aiuta a placare gli animi: già venerdì 15 giugno la Spagna dovrà scendere in campo per il primo match del girone B con il Portogallo e una nazionale senza tecnico a poche ore di tale appuntamento sarebbe di certo una situazione ben nefasta, specie per una formazione, come la Roja che ha serie ambizioni per il titolo iridato 2018. Tempismo a parte va anche detto che la delusione dello stesso Presidente federale Rubiales è ben spiegabile: giusto due settimane fa vi era trovato laccorso con lo stesso Lopetegui per un rinnovo sulla panchina della nazionale spagnola fino al 2020. Ieri poi lannuncio del passaggio al Real Madrid: lidea del tradimento aleggia quindi sul ritiro russo della Roja. Oggi comunque sono attesi aggiornamenti consistenti su tale impasse in casa Spagna: a breve potrebbe venir convocata una conferenza stampa nella mattina italiana per chiarire di fronte alla stampa che sta accadendo tra Lopetegui e la federazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori