SENTENZA UEFA FAIR PLAY FINANZIARIO/ Inter male, Roma bene: il Psg vende e rinuncia a Buffon?

- Davide Giancristofaro Alberti

Sentenze Uefa fair play finanziario: Inter male, ancora nel settlement, promossa invece la Roma, a cui basterà una cessione per sistemare definitivamente i conti

suning_inter_lapresse_2017
Il presidente dell'Inter, Suning - LaPresse

La sentenza della Uefa sul fair play finanziario sicuramente potrebbe spostare anche il calciomercato e non solo quello italiano. L’Inter è in difficoltà, la Roma sembra aver superato i problemi in questione, mentre quello con la posizione più delicata è il Paris Saint German. I transalpini potrebbero anche avere delle difficoltà ad acquistare Gianluigi Buffon. Il portiere sembrava pronto a continuare a giocare per provare una nuova esperienza e raggiungere magari quella tanto sognata Champions League che non ha mai vinto nella sua carriera. Una situazione quella del fairplay che non è facile da gestire e che in molte squadre potrebbero pagare a caro prezzo. Come sottolineato in Italia l’Inter rimane la squadra con più difficoltà e il rischio che la prossima stagione possa iniziare con qualche deficit dovuto al calciomercato. La probabile soluzione potrebbe arrivare poi dall’eventuale cessione di Mauro Icardi. (agg. di Matteo Fantozzi)

CHIUSO IL SETTLEMENT AGREEMENT

La Uefa ha comunicato le sentenze circa il fair play finanziario, riguardanti la Roma e lInter. Sono ok i conti giallorossi, come riportato da La Gazzetta dello Sport, che tramite una sola cessione, molto probabilmente un big a centrocampo fra Nainggolan e Strootman, dovrebbe rientrare nei parametri. La cosa importante è che la commissione Uefa ha chiuso il settlement agreement, e di conseguenza, dopo tre anni di regime mercantile ridotto, la società giallorossa potrà ora tornare a respirare, senza sottostare ad ogni chiusura di bilancio alle rigide direttive del fair play. Sia chiaro, non significa che da ora in avanti si potrà spendere e spandere, ma Monchi avrà sicuramente più libertà di movimento nelle sessioni di mercato. Una notizia senza dubbio positiva per la Lupa, che era già riuscita nellimpresa di raggiungere le semifinali di Champions League, nonostante investimenti non proprio esaltanti durante le ultime due campagne acquisti estive.

ANCORA PROBLEMI PER LINTER

Ancora problemi invece per lInter, che rimane nel settlement, sotto stretta osservazione, visto che non ha soddisfatto completamente le richieste della federazione calcistica europea. In vista della prossima stagione, quella del grande ritorno in Champions League, la compagine di corso Vittorio Emanuele avrà restrizione sportive oltre che finanziarie. Le entrare dovranno quindi compensare le uscite degli ultimi due anni del mercato, pareggiando i conti. Se lInter vorrà acquisire nuovi giocatori, sarà quindi obbligata a cedere per finanziarsi. Infine, breve accenno al PSG, le cui operazioni degli ultimi tre anni, comprese quelle clamorose di Neymar e MBappe sono state dichiarate regolari, ma la società parigina dovrà vendere per 60 milioni di euro entro il 30 di questo mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori