Goetze delusione Mondiale / Non convocato dalla Germania salta anche il banchetto nuziale?

- Matteo Fantozzi

Goetze delusione Mondiale, l’attaccante non è stato convocato dalla Germania e rischia di saltare anche il banchetto nuziale programmato tre giorni dopo la finale della competizione.

Inghilterra_Germania_bandiere_lapresse_2017
Goetze delusione Mondiale - La Presse

Per Mario Goetze oltre il danno potrebbe arrivare anche la beffa. Il calciatore tedesco infatti salterà il Mondiale, ma potrebbe avere anche dei problemi per il banchetto di nozze che aveva organizzato per tre giorni dopo la finale della competizione. Lui e la sua Ann-Kathrin Broemmel si aspettavano di vivere un’estate del tutto diversa, rovinata in parte dalla mancata convocazione per il Mondiale in Russia. Il calciatore e la splendida ragazza si erano sposati lo scorso 7 maggio in grande segreto, con anche i compagni di squadra che erano stati tenuti all’oscuro. In prima pagina c’era il Mondiale e alle nozze i due avevano voluto solo i testimoni per poi festeggiare dopo il Mondiale. Il loro amore va a gonfie vele ovviamente, ma non è da escludere che anche il banchetto di nozze a questo punto possa diventare un dubbio.

QUANTA DELUSIONE PER IL CALCIATORE

Aveva chiuso il Mondiale 2014 tra gli applausi, per un gol di testa nei tempi supplementari di Germania Argentina che lo aveva portato sul tetto del mondo. Oggi però Mario Goetze non può essere felice come quattro anni fa, perché al Mondiale in Russia che inizierà oggi non ci sarà. Non è stato infatti convocato dai Low che ha deciso di puntare su calciatori più in forma di lui. Cercato con insistenza dalla Juventus questi quattro anni per Mario Goetze non sono stati il massimo soprattutto dal punto di vista della forma, tanto che per rilanciarsi è stato costretto a tornare al Borussia Dortmund. L’ultima presenza con la maglia della Germania risale a un ingresso in campo all’ora di gioco di un’amichevole pareggiata 2-2 contro la Francia. Da quel momento in poi l’oblio e quel Mondiale 2014 in Brasile che sembra lontano molto più di quattro anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori