Probabili formazioni/ Russia Arabia Saudita: il grande assente. Quote, novità live (Mondiali 2018)

Probabili formazioni Russia Arabia Saudita: le quote e le novità live sugli schieramenti delle due nazionali che giocano la partita inaugurale dei Mondiali 2018, valida per il gruppo A

14.06.2018 - Claudio Franceschini
Dzagoev_Casemiro_Russia_Brasile_lapresse_2018
Probabili formazioni Russia Arabia Saudita, Mondiali 2018 gruppo A (Foto

Il grande assente nelle probabili formazioni di Russia Arabia Saudita, e in generale al Mondiale 2018, è naturalmente Aleksandr Kokorin, attaccante dello Zenit San Pietroburgo. Dick Advocaat lo aveva portato agli Europei 2012, Fabio Capello ne aveva fatto il suo attaccante di punta ai Mondiali in Brasile (gol contro lAlgeria) e agli Europei aveva giocato da titolare le tre partite del girone. Ai Mondiali sarebbe stato un elemento importante, potendo sfruttare la sua duttilità che lo rende calciatore importante anche come esterno offensivo; tuttavia a metà marzo, nel corso di una partita di campionato contro il Rostov, si è rotto il legamento crociato del ginocchio. Aveva segnato 19 gol in 35 gare stagionali; la sua assenza è una tegola pesante per Stanislav Cherchesov, che perde un attaccante in grado di segnare 12 gol con la nazionale russa e che sarebbe stato unottima alternativa ai già citati Smolov e Dzyuba, ma anche un potenziale titolare al posto di Samedov o Golovin come esterno offensivo. (agg. di Claudio Franceschini)

IL CAPITANO

Russia Arabia Saudita inizia tra poco; leggendo le probabili formazioni scopriamo che il capitano della nazionale di casa è Igor Akinfeev. Portiere di 32 anni, è considerato da tempo tra i migliori in Europa: ha dedicato la sua intera carriera al Cska Mosca, eppure non sempre in nazionale è stato titolare. Esordio nel lontano 2004 in una sconfitta contro la Norvegia, da allora le sue presenze sono state 106; ha giocato da titolare gli Europei 2008 e 2016 e i Mondiali di quattro anni fa in Brasile, ma nel mezzo aveva perso il posto a favore di Vyacheslav Malafeev, che oggi si è ritirato ed era il portiere degli Europei 2012, e del ventottenne Yuri Lodygin che era stato lanciato da Fabio Capello e sembrava poter essere il nuovo estremo difensore della Russia, ma ha perso progressivamente smalto e non è stato nemmeno convocato per questo Mondiale. Oggi gioca nello Zenit San Pietroburgo, ma in questa stagione è stato lasciato in panchina in ben 18 delle 29 partite di campionato perchè Roberto Mancini gli ha costantemente preferito Andrey Lunev, che infatti sarà il secondo portiere della nazionale che ospita il Mondiale. (agg. di Claudio Franceschini)

BALLOTTAGGIO IN ATTACCO

Abbiamo detto nelle probabili formazioni di Russia Arabia Saudita che alcune scelte di Stanislav Cherchesov non sono certe: in un Mondiale si cerca di sfruttare la totalità della rosa alla ricerca della formula perfetta, soprattutto nel primo turno e in vista della seconda fase. Nello specifico il CT della nazionale padrona di casa deve ancora sciogliere il nodo legato alla prima punta: nellultima amichevole la maglia è stata assegnata a Fedor Smolov, attaccante del Krasnodar, ma chiaramente è pronto a giocarsela anche Artem Dzyuba. Il ventinovenne era esploso nelle qualificazioni agli Europei 2016 segnando 8 gol, tra cui un poker al Lichtenstein; tuttavia da allora non ha sempre mantenuto le attese, nel 2017 non ha mai giocato con la sua nazionale e nello Zenit ha segnato 41 gol in tre stagioni, che non sono pochi ma forse nemmeno il numero che la squadra di San Pietroburgo si aspettava. Rispetto a lui, Smolov ha due anni in meno e arriva da una stagione con 14 reti in campionato; a conti fatti, il titolare inizialmente dovrebbe essere lui. (agg. di Claudio Franceschini)

IL PROTAGONISTA

Leggendo le probabili formazioni di Russia Arabia Saudita, non dobbiamo che rinnovare i gradi del protagonista ad Alan Dzagoev: classe 90, questo trequartista che sa anche giocare come esterno (o mezzala) è il principale talento di una generazione che si pensava potesse esplodere sulla scena internazionale, e che invece non è mai riuscita a raccogliere. Agli Europei 2012 Dzagoev era partito con il botto: tre gol nelle prime due partite, ma la strada della Russia si era esaurita in fretta e così era successo anche al Mondiale di quattro anni fa, nonostante la presenza in panchina di Fabio Capello. Dzagoev, che gioca nel Cska Mosca praticamente da sempre (ha concluso la sua undicesima stagione), condivide nei fatti lo stesso destino della sua nazionale: è un calciatore che potrebbe diventare tra i migliori in Europa nel suo ruolo, eppure non è mai riuscito a fare il salto di qualità. Ci riuscirà nel Mondiale che la Russia gioca in casa? (agg. di Claudio Franceschini)

LE ULTIME NOTIZIE

Russia Arabia Saudita inaugura e apre i Mondiali 2018: siamo allo stadio Luzniki di Mosca e, alle ore 17.00 italiane di giovedì 14 giugno, si gioca la partita del gruppo A. Per la quarta edizione consecutiva la partita inaugurale spetta alla nazione ospitante e non più al campione del mondo in carica; dunque la Russia apre un cammino che tutti i tifosi si aspettino possa portare come minimo agli ottavi di finale, mentre per lArabia Saudita il discorso è più complicato anche se questo traguardo era stato centrato nemmeno troppo tempo fa. Nel girone sono presenti anche Uruguay ed Egitto che si sfideranno venerdì; andiamo ora a vedere in che modo i due CT potrebbero disporre le loro nazionali sul terreno di gioco a poche ore dal calcio dinizio, andando ad analizzare in maniera più approfondita le probabili formazioni di Russia Arabia Saudita.

QUOTE E PRONOSTICO

Russia fortemente favorita dal pronostico della vigilia: in particolare lagenzia di scommesse Snai ci dice che il segno 1 per la vittoria della nazionale di casa vale 1,43 contro il 9,00 che accompagna il segno 2, valevole ovviamente per laffermazione dellArabia Saudita. Scommettendo sul pareggio con questo bookmaker (utilizzando ovviamente il segno X) il vostro guadagno sulla partita inaugurale dei Mondiali 2018 sarebbe di 4,525 volte la cifra che avrete deciso di investire.

PROBABILI FORMAZIONI RUSSIA ARABIA SAUDITA

LE SCELTE DI CHERCHESOV

Stanislav Cherchesov gioca con il 4-2-3-1: ci sono alcuni punti fermi nella nazionale russa, mentre altre scelte sono ancora da capire e ufficializzare. In porta capitan Akinfeev, a fare coppia centrale in mezzo alla difesa sono Kutepov e Ignashevich; dovrebbero essere fissati gli esterni bassi con Smolnikov e il veterano Zhirkov, ma già in mezzo è difficile capire chi giocherà. Al momento Anton Miranchuk e Kuzyaev sembrano i favoriti naturali, ma va considerato ad esempio Erokhin che potrebbe essere una soluzione utile per aumentare la trazione offensiva. Sulla linea delle mezzepunte si muove Dzagoev allennesima chiamata, con Samedov e Golovin in vantaggio per una maglia sugli esterni; da tenere in considerazione anche Cheryshev, che dovrebbe accomodarsi in panchina forse insieme a Dzyuba, perchè come prima punta la maglia da titolare dovrebbe essere affidata a Smolov.

GLI 11 DI PIZZI

La formazione che Juan Antonio Pizzi sceglierà per lesordio dellArabia Saudita dovrebbe essere, ragionevolmente, quella che si è vista sei giorni fa contro la Germania e che ha fatto unottima figura: in porta Al-Muaiouf, al centro Osama e Omar Hawsawi che hanno stesso cognome e condividono la leadership del reparto arretrato, che si completa con Al-Shahrani e Al-Harbi sulle corsie. Cè un giocatore che fa da ideale schermo alla difesa: dovrebbe trattarsi di Ateef, che verrà coadiuvato da Al-Faraj e Al-Jassim che oscillano tra la linea di mezzepunte e il ruolo di interni, formando una sorta di 4-3-3 lasciando i due esterni alti (Al-Shehri e Al-Dawsari) a dare supporto allattaccante centrale. Per quanto riguarda questa posizione, la maglia dovrebbe essere di Al-Muwallad che è in ballottaggio con Al-Sahlawi.

 

IL TABELLINO

RUSSIA (4-2-3-1): 1 Akinfeev; 23 Smolnikov, 3 Kutepov, 4 Ignashevich, 18 Zhirkov; 7 Kuzyaev, 16 An. Miranchuk; 19 Samedov, 9 Dzagoev, 17 Golovin; 10 Smolov

A disposizione: 20 Gabulov, 12 Lunev, 2 Mario Fernandes, 14 Granat, 5 Semenov, 13 Kudryashov, 8 Gazinskiy, 11 Zobnin, 21 Erokhin, 15 Al. Miranchuk, 6 Cheryshev, 22 Dzyuba

Allenatore: Stanislav Cherchesov

 

ARABIA SAUDITA (4-1-4-1): 1 Al-Muaiouf; 13 Al-Shahrani, 3 Os. Hawsawi, 5 Om. Hawsawi, 2 Al-Harbi; 14 Ateef; 8 Al-Shehri, 7 Al-Faraj, 17 Al-Jassim, 29 Al-Dawsari; 19 Al-Muwallad

A disposizione: 21 Al-Mosailem, 22 Al-Owais, 6 Al-Burayk, 26 Al-Boleahi, 23 M. Hawsawi, 15 Al-Khaibari, 16 Al-Moghawi, 12 Kanno, 9 Bahbir, 10 Al-Sahlawi, 20 Asiri

Allenatore: Juan Antonio Pizzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori