DIRETTA/ Argentina Islanda (risultato finale 1-1) streaming video Mediaset: debutto da incubo per Lionel Messi

- Claudio Franceschini

Diretta Argentina Islanda, info streaming video e tv: probabili formazioni, quote, orario e risultato live. Prima giornata del gruppo D: ai Mondiali 2018 arriva l’esordio dell’Albiceleste

Meza_Messi_Argentina_Haiti_lapresse_2018
Diretta Nigeria Argentina, Mondiali 2018 gruppo D (Foto LaPresse)

DIRETTA ARGENTINA ISLANDA (RISULTATO 1-1): GIORNATA DA INCUBO PER MESSI

Comincia malissimo l’avventura ai Mondiali dell’Argentina. L’Islanda porta a casa un pareggio preziosissimo grazie ad una partita praticamente perfetta in fase difensiva. La squadra di Sampaoli si affida alle giocate dei singoli, ma va a sbattere sul muro eretto dai vichinghi. Eppure la gara era partita nel migliore dei modi per i sudamericani, con la rete spettacolare di Aguero in girata. Il pareggio islandese si concretizza con la giocata sotto porta di Finnbogason. Poi il rigore fallito da Messi nella ripresa ed una serie di punizioni calciate in barriera. Miracoloso Halldorsson con almeno un paio di interventi decisivi. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono) ARGENTINA ISLANDA, DIRETTA LIVE – STREAMING MEDIASET ITALIA 1

MESSI FALLISCE UN RIGORE

Siamo negli ultimi minuti di Argentina Islanda e Lionel Messi ha da poco fallito un calcio di rigore. Grande parata dagli undici metri da parte di Halldorsson, che ha intercetatto e respinto la conclusione poco angolata della Pulce. Al sessantaseiesimo Lionel Messi cerca di riscattare il penalty fallito con un tiro da fuori, che finisce alto. Al settantatreesimo ancora Messi ci prova di potenza su punizione, ma colpisce in pieno la traversa. La Nazionale sudamericana insiste e preme sull’acceleratore. Ottima prova dell’Islanda che difende con intensità e aggressività. Coperti tutti gli spazi in fase difensiva, l’Argentina si gioca anche la carta Gonzalo Higuain, che ora è pronto a fare il suo ingresso in campo. Finale tutto da vivere, punteggio fermo sull’uno a uno. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono) 

DENTRO BANEGA

E’ ricominciato da dieci minuti il match tra Argentina Islanda, col risultato sempre fermo sull’uno a uno. La nazionale sudamericana ha subito provato ad imprimere ritmo alla manovra offensiva ma gli islandesi hanno contenuto compatti. Primo squillo dopo tre giri di lancetta per Otamendi, il cui colpo di testa finisce alto sopra la traversa. Al cinquantesimo ribaltone di fronte con un pericolo dentro l’area argentina: Bjarnason cerca ma non trova Finnbogason per pochissimo. Poco dopo si concretizza la prima sostituzione sudamericana, con Bangea che prende il posto di Biglia. Vediamo se cambierà qualcosa nel copione della partita con questo primo cambio. Gara sempre molto intensa ed equilibrata. Pareggio giusto. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono) 

SIGURDSSON PERICOLOSO

Finisce uno a uno il primo tempo tra Argentina Islanda. Risultato giusto perchè gli islandesi hanno creato molto, nonostante la differenza tecnica con Messi e compagni. Per l’albiceleste apre le danze Aguero con una sassata violentissima da dentro l’area. Poi la risposta di Finnbogason, il quale spinge in rete da pochi passi dopo una disattenzione difensiva dell’Argentina. Dalla mezzora in avanti, sono i sudamericani a fare la partita e a spingere. L’Islanda pensa soprattutto a difendersi ma al quarantaquattresimo si affaccia in attacco con una conclusione pericolosa di Sigurdsson, su cui Caballero risponde presente. Squadre negli spogliatoi per l’intervallo. Tra poco si riparte. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)  

FINNBOGASON RISPONDE AD AGUERO

Argentina e Islanda ferme sull’uno a uno dopo trenta minuti di gioco. Sudamericani in vantaggio attorno al diciottesimo, grazie ad una splendida giocata di Aguero, che riceve palla dentro l’area da rigore e con una sassata violentissima mette sotto l’incrocio dei pali. Sembra mettersi male per l’Islanda, che però ha subito l’occasione di pareggiare i conti in una mischia pericolosa, dove Caballero è incerto. Sugli sviluppi della stessa azione ci pensa Finnbogason ad infilare in porta con un tiro dalla distanza ravvicinata, firmando il pareggio degli islandesi. L’Argentina si riaffaccia in avanti attorno al venottesimo, questa volta con un colpo di testa di Otamendi sull’angolo di Di Maria, Halldorsson para sicuro. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono) 

PARTENZA FALLOSA

Dieci minuti dal fischio di inizio e sempre zero a zero tra Argentina Islanda. Partenza molto fallosa da parte degli islandesi che non stanno tirando indietro la gamba. Al minuto 2 Arnason entra irregolare su Tagliafico. Conquista una punizione l’Argentina, ma nulla di fatto. Al quarto prova a colpire Otamendi in mischia, ma la sfera rotola oltre la linea di fondo. Sudamericani che si rendono pericolosi all’ottavo minuto, sempre sugli sviluppi di una punizione battuta da Lionel Messi, che pesca Tagliafico, il cui colpo di testa termina fuori di un soffio. L’Islanda risponde in contropiede con Gunnarsson che non trova lo specchio della porta da posizione comunque defilata. Ancora nessun gol, ma bella partenza. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

FORMAZIONI UFFICIALI!

Finalmente Argentina Islanda può prendere il via: dopo aver parlato di come la Seleccion si è qualificata ai Mondiali 2018, dobbiamo ricordare che gli islandesi hanno ottenuto il pass alla loro prima Coppa del Mondo grazie alla vittoria del girone I. I punti sono stati 22: 7 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte con 16 gol realizzati (miglior attacco nel raggruppamento) e 7 subiti. Il lungo inseguimento alla Croazia si è infine concretizzato grazie ad un 3-0 in Turchia mentre i balcanici pareggiavano in casa contro la Finlandia, beffati al 90’ da un gol di Soiri; all’ultima giornata il 2-0 al Kosovo ha ufficializzato la partecipazione degli scandinavi alla fase finale. Cannoniere della nazionale è stato Gylfi Sigurdsson con 4 gol, seguito dai 3 di Alfred Finnbogason; adesso l’Islanda ci crede davvero, e vuole iniziare alla grande contro l’Argentina. Ci riuscirà? Staremo a vedere: ecco le formazioni ufficiali, alla Otkrytie Arena è tutto pronto e Argentina Islanda comincia! ARGENTINA (4-2-3-1): Caballero; Tagliafico, Otamendi, Rojo, Salvio; Mascherano, Biglia; Di Maria, Messi, Meza; Aguero. Allenatore: Jorge Sampaoli. ISLANDA (4-4-1-1): Halldorsson; Saevarsson, R.Sigurdsson, Arnason, Magnuson; J.Gudmundsson, Bjarnason, G.Sigurdsson, Gunnarsson; Halfredsson; Finnbogason. Allenatore: Heimir Hallgrimsson. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Come tutte le partite dei Mondiali 2018, anche Argentina Islanda è in diretta tv sui canali Mediaset e in questo caso sarà visibile su Canale 5, dunque per tutti gli appassionati sarà possibile assistere a questa partita anche in diretta streaming video grazie al sito Video Mediaset, naturalmente usufruendo di dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. Ricordiamo anche il sito ufficiale www.fifa.com, che ha una sezione dedicata alla Coppa del Mondo sulla quale potrete trovare tutte le informazioni utili sulle due nazionali che si sfidano oggi.

LA STRADA VERSO I MONDIALI DI RUSSIA

Prima di dare il via ad Argentina Islanda, dobbiamo ricordare in che modo l’Argentina si è qualificata ai Mondiali 2018: già ai tempi del Maradona CT l’Albiceleste aveva rischiato parecchio, questa volta il rischio è stato anche maggiore. Nel girone unico della CONMEBOL l’Argentina ha ottenuto il terzo posto, ma con soli due punti in più rispetto a Perù (qualificato attraverso lo spareggio) e Cile (clamorosamente eliminato); ha vinto 7 partite con altrettanti pareggi e 4 sconfitte, riuscendo alla fine a prendersi il pass con il 3-1 all’Ecuador (tripletta di Leo Messi) dopo aver pareggiato contro Uruguay, Venezuela e Perù. Clamorosamente i gol segnati sono stati appena 19: peggio solo la Bolivia, lo stesso numero di Venezuela e Paraguay, una carestia offensiva pazzesca se consideriamo i nomi presenti tra i convocabili e il fatto che più di un terzo del fatturato (7 gol) lo ha realizzato interamente Messi, autentico salvatore della patria. (agg. di Claudio Franceschini)

LO STADIO

Argentina Islanda si giocherà alla Otkrytie Arena: non l’unico impianto nuovo in Russia, che in vista dei Mondiali ha costruito e investito sugli stadi. Questa arena si trova a Tusino, anticamente un villaggio a Nord di Mosca ma poi diventato a tutti gli effetti parte della città; ha una capienza di 45000 posti a sedere ed è stato inaugurato nel settembre 2014. Da allora ci gioca lo Spartak Mosca, che in precedenza non aveva mai avuto un impianto che potesse dire “suo” (era di fatto ospite in vari stadi, tra cui il Luzniki) e che lo scorso anno ha vinto la Premier League russa agli ordini di Massimo Carrera e poi ha disputato tre partite della Champions League; la Otkrytie Arena ha già ospitato quattro gare della Confederations Cup tra cui la finale per il terzo posto tra Portogallo e Messico, ai Mondiali 2018 sarà invece il teatro di altre tre partite della prima fase (ci giocherà anche il Brasile contro la Serbia) e poi un ottavo di finale, quello che almeno secondo pronostico dovrebbe far incrociare Belgio o Polonia con Inghilterra o Belgio. (agg. di Claudio Franceschini)

I NUMERI 10

Argentina Islanda sarà anche una bella sfida tra i due numeri 10: da una parte Leo Messi, dall’altra Gylfi Sigurdsson. Naturalmente l’ago della bilancia è del tutto spostato dalla parte della Pulce: per lui si tratta del quarto Mondiale, il primo è arrivato quando aveva 19 anni e, oggi che ne ha 31 anni, il capitano della Seleccion deve dimostrare che i numeri messi insieme con il Barcellona (552 gol in 637 partite, valanghe di trofei e cinque Palloni d’Oro) possono essere replicati “in proporzione” in nazionale, perchè tutti si aspettano più o meno a ragione che Messi possa fare quanto fatto da Maradona nel 1986. Avrà dunque tanta pressione su di sè il calciatore del Barcellona; ne avrà di meno Sigurdsson che però è il leader tecnico dell’Islanda. Ovviamente primo Mondiale per lui; 57 presenze e 19 gol con la nazionale, gioca in Inghilterra da ormai nove anni ed è stato per due stagioni protagonista nel Tottenham, prima di passare allo Swansea (a dire il vero un ritorno) ed essere poi venduto all’Everton. Centrocampista centrale in grado di agire anche da trequartista, a lui saranno chiesti i gol per provare a superare un girone difficilissimo. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Argentina Islanda viene diretta dall’arbitro polacco Szymon Marciniak: prima giornata nel gruppo D ai Mondiali 2018, si gioca alle ore 15:00 italiane di sabato 16 giugno presso la Otkrytie Arena di Mosca. Si tratta di un girone piuttosto complesso: insieme a queste due nazionali infatti sono presenti Croazia e Nigeria. Chiaramente l’Albiceleste e i balcanici partono con un vantaggio non da poco, ma le avversarie non sono certo delle squadre materasso e anzi possono dare parecchio fastidio sulla partita singola, il che porterebbe a complicare i piani per la qualificazione. Non solo: siccome questo girone incrocia con quello della Francia, l’Argentina corre il rischio di dover sfidare i Bleus già agli ottavi di finale. L’Islanda ci proverà, forte dell’entusiasmo per i quarti raggiunti agli Europei; già solo passare il girone sarebbe un grande risultato.

RISULTATI E PRECEDENTI

L’Argentina insegue un titolo Mondiale che manca ormai da 32 anni: esaurita l’epopea di Diego Maradona la Seleccion ha faticato parecchio per riaffermarsi, ma quattro anni fa è arrivata nuovamente in finale. Ha perso contro la Germania ai tempi supplementari, e a complemento della sconfitta sono arrivati i flop nelle finali di Coppa America, entrambe perse contro il Cile. Leo Messi arriva in Russia a 31 anni: potrebbe essere per lui l’ultima occasione al massimo del potenziale, l’attaccante del Barcellona deve dimostrare di poter guidare la sua nazionale alla vittoria ma l’enorme fatica con cui l’Argentina si è qualificata alla fase finale non depone certo a favore del gruppo di Jorge Sampaoli. L’Islanda invece sogna: fino a due anni fa non aveva mai giocato un grande torneo internazionale, poi è arrivato un Europeo onorato nel migliore dei modi con il raggiungimento dei quarti e, poco dopo, la qualificazione al primo Mondiale di sempre permettendosi addirittura di vincere il girone, strappandolo dalle mani di quella Croazia che ritrova in questo gruppo. Per gli scandinavi il compito è arduo, ma l’Islanda ha già mostrato il suo spirito combattivo ed eliminato l’Inghilterra: vuole far vedere ancora una volta di saper andare al di là dei propri limiti.

PROBABILI FORMAZIONI ARGENTINA ISLANDA

E’ il 4-2-3-1 il modulo di riferimento di Sampaoli: in porta Caballero – clamorosa esclusione per Romero, titolare nel 2014 e nelle ultime due edizioni di Coppa America – Fazio e Otamendi centrali difensivi con Mercado e Tagliafico che sugli esterni sembrano avere vantaggio su Salvio e Rojo, che può anche fare il centrale. La mediana dovrebbe essere composta dall’eterno Mascherano e da Lucas Biglia, con Lo Celso pronto a sostituire il centrocampista del Milan; Messi agirà come trequartista centrale, a destra senza l’infortunato Lanzini si sposta Di Maria, con Dybala e Marcos Acuna che si giocano il posto dall’altra parte (favorito il giocatore dello Sporting Lisbona), ballottaggio Aguero-Higuain per il ruolo di prima punta. Formazione praticamente fatta per l’Islanda: Halldorsson tra i pali, Saevarsson (o Eyjolfsson che ha preso minuti) e Skulason terzini con Arnason e Ragnar Sigurdsson al centro, in mediana invece ecco Gylfi Sigurdsson insieme a capitan Gunnarsson mentre sulle corsie dovrebbero agire Johann Gudmundsson e Birkir Bjarnason. La coppia offensiva sarà composta da Finnbogason e Sigurdarson.

QUOTE E PRONOSTICO

Naturalmente l’Argentina parte come chiara favorita per la vittoria, e a conferma di ciò arriva il dettaglio delle quote Snai: l’agenzia di scommesse ci dice che il segno 1 per l’affermazione della Seleccion vale 1,28 mentre siamo già a un valore di 13,00 posto sul segno 2, quello da giocare se pensate che l’Islanda abbia l’occasione di fare il colpo. Il pareggio è indicato dal segno X e, se le cose dovessero andare in questo modo, il vostro guadagno sulla partita sarebbe di 5,00 volte la somma che avrete investito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori