Probabili formazioni / Brasile Svizzera: quote, le novità live. Gabriel Jesus e il numero 9 (Mondiali 2018)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Brasile Svizzera: le quote e le ultime novità live sugli schieramenti delle due squadre. Tite ha già scelto i suoi undici ma ha dovuto rinunciare a Dani Alves 

Brasile_schierato_lapresse_2018
Probabili formazioni Brasile Svizzera, Mondiali 2018 gruppo A (Foto

Nelle probabili formazioni di Brasile Svizzera, a ricoprire il ruolo di prima punta verdeoro è Gabriel Jesus: lattaccante del Manchester City è il titolare al centro del tridente di Tite ed è riuscito a confermare il posto nonostante il serio infortunio che aveva subito a stagione in corso. Un compito, quello del numero 9 brasiliano, che può essere ingrato: non sempre nella storia dei Mondiali questa maglia ha portato fortuna a chi lha indossata. Sicuramente Ronaldo è il calciatore che ha meglio onorato la numero 9: tre edizioni con 15 gol e un titolo (laltro, nel 1994, è arrivato senza che giocasse e quando aveva il numero 20). Dopo di lui Luis Fabiano e Fred hanno fallito lappuntamento; prima ancora era stato Zinho a vestire la 9, Antonio Careca lo aveva fatto nel 1986 e 1990 lasciando personalmente il segno, ma in edizioni poco fortunate per il Brasile. Così come nel 1982, quando Serginho era parso poco in linea con il Futebol Bailado di Socrates, Falcao, Zico e gli altri compagni; nel 1970 il numero 9 era invece Tostao, che però era di fatto uno dei cinque 10 presenti in campo come già ricordato. Da che parte della storia si metterà dunque Gabriel Jesus? (agg. di Claudio Franceschini)

LA TRADIZIONE VERDEORO

Le probabili formazioni di Brasile Svizzera sono note, e sono anche tanti i giocatori che conosciamo per la loro militanza nel campionato italiano. Nella Seleçao ne sono rimasti tre: il portiere Alisson – che però presto potrebbe passare al Real Madrid – il difensore centrale Joao Miranda e Douglas Costa, mentre nel passato avevamo avuto Thiago Silva e Marquinhos (oltre a Dani Alves, che ci sarebbe stato se non si fosse infortunato). La Svizzera schiera invece Ricardo Rodriguez, Valon Behrami, Blerim Dzemaili e Remo Freuler; erano passati dallItalia Xherdan Shaqiri, Gelson Fernandes e Haris Seferovic. Caso curioso quello di Stephan Lichtsteiner: allepoca delle convocazioni il campionato rossocrociato era ancora un calciatore della Juventus, ma da qualche settimana aveva annunciato laddio al termine della stagione. Prima del termine della stagione ha trovato laccordo con lArsenal, che lo ha presentato ufficialmente: dunque anche il terzino scudetto, uno dei cinque giocatori ad aver vinto i sette scudetti consecutivi con i bianconeri, ha lasciato lItalia dopo un totale di dieci stagioni (ci sono infatti anche le tre disputate con la maglia della Lazio). (agg. di Claudio Franceschini)

LA TRADIZIONE VERDEORO

Come abbiamo visto nelle probabili formazioni di Brasile Svizzera, Philippe Coutinho giocherà come interno di centrocampo: una soluzione già inaugurata da Ernesto Valverde nel Barcellona, ma che soprattutto non è nuova nella storia della Seleçao. Già nel 1982 si era vista una nazionale con uno straordinario concentrato di talento offensivo, che aveva dovuto adattare alcuni dei suoi calciatori; lesempio più celebre però è quello di Messico 1970, un Mondiale non a caso dominato dal Brasile che in finale aveva battuto lItalia con un netto 4-1. La Seleçao di allora era passata alla storia come quella dei cinque numeri 10: in campo contemporaneamente cerano Pelé (Santos), Rivelino (Corinthians), Tostao (Cruzeiro), Gerson (Sao Paulo) e Jairzinho (Botafogo). Il modulo era una sorta di 4-2-4, con Jairzinho e Rivelino larghi sulle corsie esterne, Pelé e Tostao come centravanti e Gerson piazzato al fianco di Clodoaldo, altro giocatore dalle spiccate qualità offensive che si prestava a fare da playmaker basso. Quella formula funzionò alla perfezione, non così i famosi quattro del 2006 (Kakà, Ronaldinho, Ronaldo e Adriano) che furono eliminati ai quarti dalla Francia. (agg. di Claudio Franceschini)

IL GRANDE ASSENTE

Dani Alves è il grande assente nelle probabili formazioni di Brasile Svizzera: una sfortuna enorme per il terzino destro che, infortunatosi circa un mese fa, ha dovuto dire addio al suo terzo Mondiale. Presente sia nel 2010 che nelledizione casalinga, Dani Alves è il giocatore che ha vinto più trofei al mondo: ben 23 con il Barcellona ma anche 5 con il Siviglia, 4 con il Psg, 2 con la Juventus e 2 anche con il Bahia, oltre alla Coppa America, il Mondiale Under 20 e due Confederations Cup con il Brasile. Purtroppo però rischia seriamente di chiudere la carriera senza una Coppa del Mondo: nel 2022 avrà 39 anni ed è difficile pensarlo nella rosa della Seleçao, se non addirittura in attività con qualche squadra di club. In Sudafrica il Brasile era stato eliminato ai quarti, sconfitto dallOlanda; quattro anni fa, ricordiamo bene, il grande sogno di vincere il Mondiale in casa si era interrotto dopo linfortunio di Neymar (nei quarti, contro la Colombia) e con il pesantissimo 1-7 incassato dalla Germania in semifinale (la sconfitta più ampia nella storia della nazionale sudamericana), e ledizione si era poi conclusa con il quarto posto, vista la sconfitta contro lOlanda nella finale di consolazione. (agg. di Claudio Franceschini)

INFO E ORARIO

Brasile Svizzera si gioca alla Rostov Arena, con calcio dinizio alle ore 20.00 (italiane) di domenica 17 giugno: cè grande attesa ai Mondiali 2018 per lesordio della Seleçao che, inserita nel gruppo E (dove sono presenti anche Serbia e Costa Rica), è la chiara favorita per la vittoria del titolo anche se deve scrollarsi di dosso quanto accaduto quattro anni fa, ovvero il ben noto flop casalingo e soprattutto il pesantissimo 1-7 nella semifinale contro la Germania. Almeno sulla carta, la partita contro la Svizzera dovrebbe essere quella che determinerà il primo posto nel girone; le due nazionali appaiono infatti superiori alla concorrenza ma i rossocrociati, pensando più avanti, avranno poi bisogno di fare leventuale salto di qualità. Intanto andiamo a vedere in che modo le due formazioni potrebbero disporsi sul terreno di gioco di Rostov, analizzando in maniera più approfondita le probabili formazioni di Brasile Svizzera.

QUOTE E PRONOSTICO

Brasile chiaramente favorito per questa partita: il segno 1, secondo le quote dellagenzia di scommesse Snai, vale 1,40 contro il valore di 8,50 sul segno 2, che è quello da giocare in caso di affermazione della Svizzera. Per quanto riguarda invece il pareggio, questa eventualità è indicata dal segno X e, se la partita dovesse andare in questo modo, il vostro guadagno con la scommessa sarebbe di 4,50 volte la cifra che avrete deciso di mettere sul piatto.

PROBABILI FORMAZIONI BRASILE SVIZZERA

GLI 11 DI TITE

 Il Commissario Tecnico Tite ha ben pochi dubbi circa la sua formazione: è un 4-3-3 nel quale Thiago Silva e Miranda si schierano davanti ad Alisson, mentre Danilo e Marcelo sono i due laterali che, come nella migliore tradizione dei verdeoro, garantiscono più che altro grande spinta in fase offensiva. A centrocampo la trazione è decisamente anteriore: Casemiro è il giocatore che dà equilibrio a un reparto nel quale giocano come mezzali i due calciatori del Barcellona, vale a dire Paulinho e Coutinho che sarebbe un trequartista, ma viene adattato da interno. Nel tridente offensivo cè enorme qualità: intanto Neymar, che ha agganciato Romario a quota 55 tra i marcatori del Brasile. Poi Willian, favorito per agire come esterno destro, e infine Gabriel Jesus che sarà la prima punta. Difficile che ci si possa scostare da questo undici anche perchè, storicamente, il Brasile ha raramente operato variazioni sul tema a Mondiale in corso preferendo avere una formazione scelta e selezionata in anticipo.

LE SCELTE DI PETKOVIC

Anche Vladimir Petkovic dovrebbe aver scelto la sua squadra: si gioca con il 4-2-3-1 e sono Granit Xhaka e Behrami a posizionarsi davanti alla difesa per creare gioco ma soprattutto provare a spezzare quello avversario. Lichtsteiner e Ricardo Rodriguez non hanno rivali come terzini, Schar e Akanji invece sono i due centrali ma almeno il secondo potrebbe essere messo in discussione dallesperienza di Djourou che rappresenta una valida alternativa. In porta il vero ballottaggio: Sommer appare comunque favorito su Burki. Nel reparto offensivo è testa a testa tra Freuler e Dzemaili per occupare la posizione centrale sulla trequarti, con Shaqiri e Embolo che saranno i due esterni; la prima punta dovrebbe essere Seferovic, ma ci sono Gavranovic e Drmic che hanno ottimi argomenti per provare a entrare in gioco e, magari allultimo, modificare le scelte del Commissario Tecnico per questa partita e per il prosieguo dei Mondiali.

IL TABELLINO

BRASILE (4-3-3): 1 Alisson; 14 Danilo, 2 Thiago Silva, 3 Miranda, 12 Marcelo; 15 Paulinho, 5 Casemiro, 11 Coutinho; 19 Willian, 9 Gabriel Jesus, 10 Neymar

A disposizione: 23 Ederson, 16 Cassio, 22 Fagner, 4 Geromel, 13 Marquinhos, 6 Filipe Luis, 17 Fernandinho, 18 Fred, 8 Renato Augusto, 7 Douglas Costa, 20 Firmino, 21 Taison

Allenatore: Tite

 

SVIZZERA (4-2-3-1): 1 Sommer; 2 Lichtsteiner, 22 Schar, 5 Akanji, 13 Ri. Rodriguez; 10 G. Xhaka, 11 Behrami; 23 Shaqiri, 8 Freuler, 7 Embolo; 9 Seferovic

A disposizione: 21 Burki, 12 Mvogo, 4 Elvedi, 6 M. Lang, 20 Djourou, 3 Moubandje, 16 Gelson Fernandes, 17 Zakaria, 15 Dzemaili, 14 Zuber, 19 Drmic, 18 Gavranovic

Allenatore: Vladimir Petkovic

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori