Addio a “Forza Milan” / Dopo 55 anni chiude il mensile ufficiale del club rossonero

- Matteo Fantozzi

Addio a “Forza Milan”: dopo 55 anni di pubblicazioni chiude il mensile ufficiale della squadra rossonera. I tifosi meneghini incassano un altro ko alla fine di un’annata da dimenticare.

Bonucci_Borini_Montolivo_Milan_lapresse_2017
Addio a "Forza Milan" - La Presse

La rivista ufficiale del club rossonero “Forza Milan” chiude e apre una riflessione decisamente importante. Davvero il giornalismo cartaceo sta morendo? Difficile capire come gli approfondimenti dei mensili siano ormai considerati da molti superati per l’avvento di internet e per un’informazione che non si nutre più di appuntamenti fissi, ma di messaggi che già dopo un’ora diventano effimeri e superati. E’ per questo che le vendite in edicola vanno sempre peggio e che le riviste vengono sempre meno acquistate da un pubblico più abituato a sfogliare un tablet che una rivista di carta patinata. Forza Milan saluta con discrezione e lo fa con chi in 55 anni sa di aver costruito una realtà importante, fornendo approfondimenti, reportage e riflessioni legate al mondo di una delle squadre più gloriose del nostro calcio. Il saluto arriva in maniera altrettanto discreta da parte dei tifosi che fino all’ultimo hanno combattuto al fianco di questa realtà sostenendola mese dopo mese.

LA CHIUSURA DOPO 55 ANNI

Il mondo rossonero è stato colpito da un’altra notizia negativa in un’annata totalmente da dimenticare. Il mensile ufficiale del club ‘Forza Milan‘ ha deciso di chiudere i battenti dopo 55 anni passati nelle edicole. La rivista diventa da museo e saluta il mondo del cartaceo dopo anni in cui ha raccontato emozioni, vittorie e passioni. Decide di smettere alla fine di una delle stagioni più negative della storia rossonera e non solo per i pessimi risultati sportivi, ma anche per l’illusione creata da una campagna di calciomercato sontuosa che l’anno scorso aveva portato in rossonero grandi calciatori come Leonardo Bonucci, Lucas Biglia e Hakan Calhanoglu tra gli altri. Il pubblico alza le mani e saluta con un po’ di dispiacere sui social network tra ricordi e mille emozioni che sembrano appartenere a un’epoca remota, ma che in realtà erano legatissime a questo mensile fino appunto a pochi giorni fa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori