Malore Maradona e dito medio / “Sono state dette tante bugie, sono più vivo che mai”

- Matteo Fantozzi

Malore Maradona e dito medio, dopo lo show durante Nigeria-Argentina il Pibe de Oro torna a parlare e a raccontare la sua versione anche si quanto accaduto durante l’intervallo del match.

maradona_dito
Malore Maradona e dito medio

Dopo la gara Nigeria Argentina si è continuato a parlare sì del gestaccio di Diego Maradona ma soprattutto del suo stato di salute dopo il malore accusato all’intervallo. E’ stato lo stesso Pibe de Oro a raccontare la sua condizione fisica, spiegando: “Voglio far sapere a tutto il mondo che io sono più vivo che mai. Purtroppo non posso rendere buone quelle che sono persone mediocri. Io in ambulanza? Sono state dette molte bugie. Purtroppo sul web si è innescato un giro di falsità senza senso sul mio conto”. Parole importanti che ci rassicurano sulla sua condizione fisica, anche se c’è da dire che i dubbi leciti rimangono su cosa sia accaduto a Diego Maradona nell’intervallo di Nigeria Argentina. Ovviamente i medici non hanno avuto la possibilità di raccontare molto anche per il diritto alla privacy.

LO SHOW DURANTE NIGERIA ARGENTINA

Diego Maradona è riuscito a far tornare a parlare di sé anche se non volontariamente. Durante la gara Nigeria-Argentina è stato più interessante il suo show sugli spalti che il gioco della squadra di Jorge Sampaoli nonostante la vittoria che ha garantito l’accesso agli ottavi di finale del Mondiale 2018. Il Pibe de Oro prima ha esultato quasi in crisi mistica al gol di Lionel Messi poi nell’intervallo ha accusato un malore. Soccorso dai medici presenti sul posto è riuscito a tornare in tribuna tranquillamente nella ripresa. Fino a che il gol di Marcos Rojo nel finale l’ha fatto scatenare davvero, fino a qui niente di anormale se non fosse poi per quei due diti medi tirati fuori anche se non sappiamo in direzione di chi. Un gesto che ha fatto il giro del mondo e che di certo non ha fatto fare bella figura, per l’ennesima volta, a Diego Maradona.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori