Matt Cappotelli è morto / Il wrestling piange la scomparsa del 38enne per cancro al cervello

- Matteo Fantozzi

Matt Cappotelli è morto, il wrestling piange la scomparsa del trentottenne che da anni ormai lottava con un terribile tumore al cervello. Il ricordo di John Morrison e The Miz.

wrestler
Matt Cappottelli è morto

Matt Cappotelli è morto, ha perso la sua lotta contro un cancro al cervello con il quale combatteva da circa dieci anni. La notizia è stata riportata da sua moglie Lindsay tramite la sua pagina Facebook e in poco tempo è diventata virale sui social network soprattutto in America dove il ragazzo nutre un numero importante di fan. Sono moltissimi i colleghi che già hanno voluto ricordarlo e che l’hanno descritto come avversario leale e amico al di fuori del ring, tra questi ci sono anche John Morrison e The Miz che hanno speso per lui parole davvero significative. Morrison ha anche rivelato che in passato era pronto a entrare in scena in un tag team proprio con Cappotelli e che tutto saltò a causa proprio di questa tragica malattia che aveva colpito l’ormai scomparso wrestler.

STORIA E CARRIERA DEL WRESTLER SCOMPARSO

Prima di scendere nei dettagli della tragica morte a soli 38 anni di Matthew Lee Cappotelli è interessante andare a rileggere la sua storia. The Flava, così era chiamato nel wrestling, era nato a Caledonia il 12 novembre del 1979. Si fa notare già nel 2003 per la vittoria della terza edizione di Tough Enough un reality show organizzato direttamente dalla WWE (World Wrestling Entertainment). Grazie a questo successo si guadagna un contratto per la stessa WWE. Viene successivamente inviato alla Ohio Valley Wrestling dove inizia ad allenarsi ad alti livelli e dove forma un tag-team con Johnny Jeter. Nel 2005 arriva un grande successo, la vittoria dei pesi massimi della OVW sconfiggendo proprio quello che era il suo ex compagno di squadra. Nel 2006 passa nel roster principale prima della brutta notizia che gli costerà la vita, la diagnosi di un tumore al cervello.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori