BALOTELLI CAPITANO DELLA NAZIONALE? / La risposta di Salvini: serve umiltà, non sociologia

- Claudio Franceschini

Mario Balotelli è stato interpellato circa la possibilità di indossare la fascia di capitano della Nazionale: l’attaccante ha detto di non pensarci, dicendo però che sarebbe un bel segnale

italia_nazionale_calcio_balotelli_lapresse_2018_insigne
Mario Balotelli dopo il gol contro l'Arabia Saudita (Foto LaPresse)

Leventualità che Mario Balotelli possa indossare la fascia di capitano dellItalia ha già creato reazioni positive o negative. Chiaramente non poteva mancare la domanda posta a Matteo Salvini, che da segretario della Lega ha sempre fatto della lotta allimmigrazione incontrollata uno dei suoi cavalli di battaglia: SuperMario ha abilmente glissato sul riferimento al nuovo Ministro degli Interni nel modo in cui abbiamo già raccontato, mentre lo stesso Salvini non si è tirato indietro e, intervistato dai microfoni di Rtl 102.5, ha voluto dire la sua sullargomento. Il capitano deve giocare bene a calcio ed essere rappresentativo ha detto, aggiungendo dunque che la sua speranza è che lallenatore in questo caso Roberto Mancini lo scelga non per motivi sociologici o filosofici ma soltanto perché si tratta di una persona che fa spogliatoio, è umile e gioca bene. Non si tratta certo di un parere contrario alleventuale nomina di Balotelli come capitano della Nazionale, ma nemmeno ovviamente unapertura totale come quella lanciata dal segretario reggente del Partito Democratico, Maurizio Martina, che su Radio 24 si è detto favorevole e ha aggiunto avercene di voci come la sua, se un calciatore bravo e riconosciuto come Balotelli riflette sullItalia non guasta mai. (agg. di Claudio Franceschini)

BALOTELLI CAPITANO DELLA NAZIONALE?

Mario Balotelli capitano della Nazionale? Può succedere, anzi: è unipotesi che si era ventilata già quando lattaccante del Nizza era stato convocato da Roberto Mancini per il ciclo di tre amichevoli dellItalia. SuperMario non ha perso loccasione per lanciare un messaggio: a precisa domanda sulleventualità di indossare la fascia, ha risposto che effettivamente per lui non cambierebbe più di tanto. Sono in questa Nazionale per fare gol e non per fare il capitano. Tuttavia, Balotelli ha anche detto che eventualmente sarebbe un bel segnale: non per lui ma per gli immigrati africani. Anchio sono originario dellAfrica e sicuramente sarebbe un bel messaggio. Lattaccante ha poi approfondito il discorso: il quale è inevitabilmente caduto sul razzismo, definito troppo complicato, e allora ha preferito parlare di persone che non capiscano, invocando unapertura da parte dellItalia come già accaduto in altri Paesi. E ora di svegliarsi: un messaggio indirizzato a tanti, soprattutto alla classe dirigente? Quando farò il politico potrò rispondere: queste le parole di Balotelli riguardo leventuale preoccupazione circa il nuovo governo che vede la Lega al comando e il suo segretario Matteo Salvini ministro dellInterno.

BALOTELLI E LA NAZIONALE

Mario Balotelli è tornato in Nazionale dopo quattro anni: lultima partita giocata era stata quella ai Mondiali brasiliani contro lUruguay. Eliminazione al primo turno, dimissioni di Cesare Prandelli e addio allazzurro anche per il giocatore, mai più convocato dai due CT che si sono succeduti in panchina. Roberto Mancini lo ha invece richiamato: Balotelli ha risposto presente e ha impiegato pochi minuti per timbrare il cartellino nel 2-1 allArabia Saudita, ritrovando la rete con lItalia (la quattordicesima personale) e lanciando un forte messaggio circa la paternità della maglia numero 9. I gol sono il mio compito racconta ancora, nellintervista riportata da La Repubblica; un attaccante dovrebbe fare quelli, ma io voglio anche fare gruppo e questo è sicuramente un bel gruppo. SuperMario ha abilmente dribblato le domande sul passato e su un eventuale ostracismo nei suoi confronti; oggi non sarà in campo contro lOlanda ma a San Gallo ha ricevuto una grande accoglienza. Ho sempre saputo che cè chi mi vuole bene e chi non me ne vuole, ma è così per tutti: io ringrazio le prime, mi sono sempre concentrato su di loro e continuerò a farlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori