CRISTIANO RONALDO, JUVENTUS: NIENTE FESTA ALL’ALLIANZ STADIUM/ Ultime notizie, è a Torino? No è il sosia

Cristiano Ronaldo alla Juventus ultime notizie, dalla presentazione all’esordio in bianconero. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla trattativa del secolo

12.07.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
ronaldo_juventus_ufficiale
Cristiano Ronaldo è della Juventus

Cristiano Ronaldo è a Torino? No è un sosia. Stamattina grande scompiglio di fronte all’Allianz Stadium quando un ragazzo con il cappellino e gli occhiali da sole è stato scambiato per Cristiano Ronaldo. Si chiama Gianfranco Sanguinetti e abita a Chiavari e ora tutti parlano di lui per la somiglianza con il calciatore portoghese che ha fatto scalpore sul calciomercato passando dal Real Madrid alla Juventus. Ha trentacinque anni e fa il trainer, tutti lo chiamano Ronnie per la somiglianza con l’ex numero sette dei blancos. Il ragazzo ha spiegato, come riportato da La Repubblica nella versione online: “È stato divertente. Mi sono prestato a decine di foto. La gente mi guardava, incuriosità. Io abbozzavo un sorriso e poi parlavo in spagnolo. Mi viene naturale, sono nato in Cile.” Bisognerà aspettare lunedì prossimo quando il vero Cristiano Ronaldo sarà a Torino per la presentazione e le foto di rito. (agg. di Matteo Fantozzi)

IN CITTÀ SARA DELIRIO

Niente da fare, la tanto attesa presentazione in pompa magna di Cristiano Ronaldo all’Allianz Stadium, non ci sarà. La Juventus ha dovuto fare un passo indietro per questioni di sicurezza (a dir la verità, non ancora chiare), annullando così il mega evento. Siamo comunque certi che lunedì in quel di Torino sarà una caccia a Ronaldo fra i tifosi bianconeri e gli addetti ai lavori. I supporters della Vecchia Signora non vedono infatti l’ora di vedere dal vivo il proprio beniamino, e già dallo sbarco previsto in Piemonte, molto probabilmente nella serata di domenica, saranno in centinaia ad attendere CR7 all’aeroporto. Il fiume di gente si ritroverà quindi il giorno dopo sul presto, per attendere l’asso portoghese a Vinovo per le rituali visite mediche, e riuscire magari a rubare qualche foto o addirittura un autografo alla stella lusitana. Insomma, niente festa ufficiale, ma per i tifosi sarà comunque un grande evento. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

LE PAROLE DEL QUESTORE DI TORINO

Nessun bagno di folla per la presentazione di Cristiano Ronaldo come nuovo calciatore della Juventus. Il fuoriclasse portoghese, prelevato dal Real Madrid in quella che è stata definita l’operazione del secolo, verrà presentato attraverso una semplice conferenza stampa, senza evento all’Allianz Stadium. Intervistato dal Corriere di Torino, il Questore di Torino Francesco Messina ha assicurato che saranno “garantiti i dovuti servizi di sicurezza e ordine pubblico”. Messina, tifoso della Juventus, ha aggiunto che “verranno gestiti a seconda del tipo di impegno della società, con cui c’è un’interlocuzione, non ancora perfezionata dal punto di vista tecnico. Sono molto contento che Ronaldo approdi nella nostra città perché sono di fede juventina e lui è un professionista e un top player”. Sulla festa, invece, ha aggiunto: “non abbiamo indicazioni sulla festa le cose che leggiamo ci sembrano strane conoscendo lo stile Juve e dato il dialogo costante che abbiamo con la società”. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

BRINDISI CON MAMMA DOLORES

La mamma, si sa, è sempre la mamma, e Cristiano Ronaldo non fa eccezione. Prima di aprire un nuovo, importante capitolo della sua vita da campionissimo, Cr7 ha postato sui social una foto in cui ha mostrato un brindisi proprio con l’amata madre, figura centrale della sua carriera, quando l’ha sostenuto al momento di crescere e diventare il calciatore che è oggi. La signora Dolores Aveiro ha postato su Instagram una foto con il figlio e ha scritto: «Tutto il meglio per la tua nuova avventura». Un augurio doveroso con Cr7 che cercherà la straordinaria impresa: dopo aver vinto Premier League e Liga Spagnola e la Champions League sia con la maglia del Manchester United, sia con la maglia del Real Madrid (quattro volte!) ora proverà a ripetere l’impresa in Italia, in Serie A, e in Europa con la maglia della Juventus. (agg. di Fabio Belli)

Tudo de bom na tua nova etapa??

Un post condiviso da Maria Dolores (@doloresaveiroofficial) in data: Lug 12, 2018 at 10:25 PDT

PARLA VALENTINO ROSSI

Anche Valentino Rossi si è soffermato a sottolineare la portata dell’acquisto di Cristiano Ronaldo alla Juventus, che ha fatto felici i bianconeri ma fa tremare tutti gli altri. Il pilota di MotoGp è un noto tifoso nerazzurro, sottolineando a Sky Sport: “E’ una cosa bellissima per il calcio l’arrivo di Cristiano Ronaldo, vorrei andarlo a vedere in un Inter-Juventus. Per un non juventino però non è una bella notizia”. Il rischio è quello che la Juventus possa monpolizzare ulteriormente il calcio italiano che negli ultimi sette anni ha visto sempre lo stesso ritornello. Nonostante questo c’è da sottolineare anche come l’acquisto di un calciatore così importante possa giovare al movimento calcistico italiano creando competizione e obbligando le altre squadre ad andare a fare acquisti altrettanto importanti. Staremo a vedere cosa ci offrirà il calciomercato con diverse alternative che sono già state citate negli ultimi giorni. (agg. di Matteo Fantozzi)

DISAPPUNTO PRESSO I TIFOSI DELLA JUVENTUS

Grande disappunto presso i tifosi della Juventus per la scelta della società di non organizzare alcun evento all’Allianz Stadium per la presentazione di Cristiano Ronaldo, in programma lunedì 16 luglio 2018. Negli ultimi minuti si stanno rincorrendo diverse indiscrezioni sui motivi legati alla decisione del club bianconero: solo vox populi, sia chiaro, in attesa della comunicazione ufficiale del club. Il primo, come vi abbiamo raccontato, è legato alla volontà della Juventus di non voler fare favoritismi o show speciali per un calciatore, con Cr7 che verrebbe presentato come tutti gli altri nuovi acquisti. Un’altra voce, invece, vede protagonista lo stesso CR7, che umilmente avrebbe chiesto alcuna sorta di spettacolo per la presentazione al popolo juventino. L’ultima, citata anche da Sportitalia, chiama in causa la Procura di Torino e il no all’organizzazione della festa. Attese conferme o smentite… (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

SOLO UNA CONFERENZA STAMPA: PERCHE’?

Cristiano Ronaldo, la Juventus ha deciso: niente festa all’Allianz Stadium per la sua presentazione. Il fuoriclasse portoghese, prelevato dal Real Madrid per 100 milioni di euro, sarà presentato in via ‘classica’: conferenza stampa allo Stadium. Sui social i tifosi bianconeri hanno manifestato delusione per la scelta del club: “Non fare una presentazione aperta al pubblico e in grande stile per @Cristiano è ASSURDO e INCONCEPIBILE. Si perde un’occasione unica, sarebbe stata una gioia per noi e per lui oltre che un evento planetario. @juventusfc non mi capacito dell’errore”, “Prendere il N. 1 del calcio mondiale e non dedicargli una presentazione degna della suo nome delimita il confine tra ciò che si è e quello che si ambisce ad essere (un top club mondiale). Immaginate come sarebbe stato presentato a Barcellona o MU fossero stati al posto nostro”, “Questi hanno preso uno dei due migliori calciatori del mondo e non lo accolgono manco come si deve Capito dove sei andato? @cristiano”. Ma perchè il club ha deciso così? Non sono stati rivelati dettagli a riguardo, ma probabilmente per evitare dei favoritismi all’interno della formazione di Massimiliano Allegri. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

CLUB RINUNCIA ALL’EVENTO

Se festa sarà, non verrà celebrata all’Allianz Stadium. La Juventus non ha organizzato nessun evento per Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese sbarcherà lunedì a Torino: si sottoporrà alle visite mediche, risponderà alle domande dei giornalisti allo Stadium, ma non abbraccerà i tifosi all’interno come si era pensato inizialmente. Niente festa, nonostante i tifosi fossero pronti ad accaparrarsi i biglietti. L’idea era sul tavolo ma non è avanzata all’ultimo step a causa di alcune difficoltà pratiche. E stamattina è stato comunicato a tutte le parti organizzative esterne al club di fare una retromarcia. Quindi, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, porte chiuse all’Allianz. Nei giorni scorsi anche la Questura ha seguito il caso da vicino, attivandosi nell’eventualità di un maxi evento, ovviamente a pagamento, all’interno dello stadio. Dalla Juventus hanno fatto sapere che la decisione non è legata all’ordine pubblico e le stesse forze dell’ordine avevano assicurato di poter “gestire” la sicurezza in una simile occasione senza particolari livelli di criticità. I tifosi dovranno far sentire il loro calore a Caselle, al J Medical e alla Continassa. (agg. di Silvana Palazzo)

LUNEDÌ ALLA PRESENTAZIONE PARLERÀ ITALIANO…

La Juventus ha fatto il colpo del secolo portando in Italia Cristiano Ronaldo, ma il momento più atteso dai tifosi deve ancora arrivare visto che sembrano pronti a partire in massa per accoglierlo quando arriverà in Torino. Lunedì il calciatore sarà presentato come nuovo acquisto della Juventus e a sorpresa potrebbe parlare addirittura in italiano. In conferenza stampa, secondo Sky Sport, proverà già a parlare la nostra lingua, imparata in parte grazie a lunghi dialoghi con Carlo Ancelotti quando era allenatore del Real Madrid. Pare che il calciatore fosse a insistere per farsi parlare in italiano dal tecnico e questo fa pensare come magari fosse già nelle sue idee approdare nel campionato italiano. Cristiano Ronaldo è un calciatore straordinario, ma continua a stupire sempre di più anche quello che fa fuori dal campo dove ha dimostrato di essere altrettanto un top player per personalità e grande spessore intellettuale. (agg. di Matteo Fantozzi)

MAROTTA E IL PARTICOLARE SU CANCELO

Quando la Juventus incontrò Jorge Mendes per trattare Cancelo (poi acquistato ufficialmente), molti organi di informazione sottolinearono come in quell’occasione la Vecchia Signora e il procuratore portoghese, parlarono del futuro di Cristiano Ronaldo. Una notizia che fu accolta con estrema ironia da molti, convinti che CR7 non sarebbe mai potuto sbarcare in Italia, per una questione puramente economica. Eppure, quell’incontro con Mendes, gettò proprio le basi di quella che sarebbe divenuta l’operazione del secolo. Ad ammetterlo è stato l’amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta, che parlando oggi ai microfoni del Corriere della Sera ha detto: «Sono felice, molto felice. È stato un gioco di squadra tra il giocatore e gli azionisti della Juventus. Ronaldo è stato il primo a credere nell’operazione, il primo a lanciare l’idea: ha scelto la Juve, è felicissimo. Quando abbiamo capito che potevamo cogliere l’opportunità, gli azionisti della società hanno accettato di sostenere l’impresa: ecco perché è stato un gioco di squadra. Tutto è partito da una chiacchierata con Jorge Mendes nell’ambito dell’affare Cancelo». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

L’AFFARE DEL SECOLO

Cristiano Ronaldo è un calciatore della Juventus. Da due giorni a questa parte quella che sembrava essere un’idea di mercato clamorosa e poco realizzabile, è divenuta una splendida realtà, mandando in visibilio i tifosi bianconeri. Un affare che non può che far piacere anche agli altri supporters italiani, che fra poco più di un mese potranno godersi le gesta del giocatore più forte del mondo ad ogni weekend. E’ stato ribattezzato l’affare del secolo e il soprannome non potrebbe che essere più azzeccato. Lo sbarco di Ronaldo in bianconero, oltre ad aumentare notevolmente le qualità degli stessi campioni d’Italia, comporterà un indotto non indifferente, non soltanto per la Vecchia Signora.

QUANDO ARRIVERA’ IN ITALIA?

Si pensi ad esempio alle partite del campionato di Serie A, che da ora in avanti diverranno ancora più interessanti quando in campo ci sarà la Juventus: quale tifoso si vorrà perdere l’occasione di vedere dal vivo il miglior calciatore al mondo? Nel frattempo le casacche del numero 7 juventino sono già andate esaurite, e sono molti fra gli addetti ai lavori convinti che basteranno le vendite delle magliette per rientrare dai 112 milioni di euro spesi per acquistare il cartellino del giocatore. Intanto sale altissima l’attesa per lo sbarco ufficiale in Italia di Cristiano Ronaldo, che dovrebbe avvenire indicativamente fra la giornata di sabato e quella di domenica. Attualmente il portoghese si trova in Grecia assieme alla famiglia per godersi gli ultimi giorni delle sue vacanze, e una volta concluse metterà quindi piede nel Bel Paese.

LA PRESENTAZIONE E L’ESORDIO

La cosa certa è che la presentazione ufficiale si terrà lunedì 16 luglio alle ore 21:00 all’Allianz Stadium, un evento memorabile che ovviamente prevederà il tutto esaurito. I biglietti variano dai 5 ai 15 euro, e tenendo conto che lo stadio bianconero ha una capienza di poco superiore ai 41mila e 500 spettatori, ad una media di 10 euro a posto, è facile calcolare l’introito per la sola presentazione: ben 415 mila euro. Per quanto riguarda invece l’esordio ufficiale con la casacca bianconera, bisognerà aspettare ancora qualche settimana. Il 5 agosto si terrà la sfida contro il Real Madrid valevole per l’International Champions Cup, la cosiddetta champions estiva, ma stando ad alcune voci è probabile che CR7 dia forfeit, tenendo conto che si unirà ai nuovi compagni juventini solamente alla fine di questo mese, indicativamente attorno al 30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori