Caduta Nibali, qual è la causa?/ Video, Tour de France 2018: ufficiale il ritiro

Caduta Nibali video. Lo squalo si ritira dal Tour de France 2018: confermata la frattura alla decima vertebra, il siciliano è costretto a tornare a casa.

19.07.2018 - Silvana Palazzo
caduta_nibali_tour_de_france
La caduta di Nibali al Tour de France 2018

Emergono nuovi dettagli sulla caduta di Vincenzo Nibali al Tour de France 2018, con il ciclista italiano costretto a ritirarsi dalla competizione: gli accertamenti strumentali hanno confermato la frattura vertebrale. Un video che circola su Twitter, pubblicato da Diego Alvarez, mostra che a fare cadere il corridore nostrano sembrerebbe un tifoso. Non dunque una moto della Gendarmerie come affermato in un primo momento da Nibali, ma un contatto con una persona presente per assistere alla gara. Angelo Zomegnan, intervenuto a Tutti Convocati, ha sottolineato: “”Se chi dovrebbe organizzare il Tour de France prende sottogamba certe cose poi succedono casi come quello di Nibali, anche alla tappa arrivata a Roubaix si sono viste cose eclatanti. Se cose come quelle viste al Tour de France succedessero a un trofeo amatoriali crollerebbe al mondo, ma qui è il Tour e nessuno dice nulla. Una salita come l’Alpe d’Huez andrebbe transennata tutta per 13 KM, non negli ultimi 4 come è successo ieri. E’ un costo ridicolo per l’organizzazione”. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

CONFERMATA LA FRATTURA VERTEBRALE

Bruttissime notizie ci giungono dal Tour de France 2018: Vincenzo Nibali si è dovuto ritirare dalla grande corsa a tappe francese, in seguito ad alcuni controlli medici effettuati ieri notte a Grenoble che hanno evidenziato una frattura della decima vertebra, molto dolorosa e con conseguenti difficoltà respiratorie. si chiude qui quindi l’avventura dello squalo alla Grande Boucle: fatale quindi la caduta a venuta a circa una decina di km dall’arrivo della frazione di ieri all’Alpe D’Huez, dove a quanto pare è stato un tifoso a colpirlo inavvertitamente. A comunicare l’esito infausto dei primi controlli e l’addio ufficiale al Tuo de France 2018 è stato lo stesso cibali tramite un Tweet sul suo profilo ufficiale, dove si legge: “Ciao Ragazzi sono di ritorno in hotel, purtroppo l’esito del referto medico non è buono, mi è stata confermata la frattura alla vertebra, domani tornerò a casa per un periodo di recupero. Grazie per tutto il vostro affetto dimostrato nei miei confronti! Alla prossima?”. (agg Michela Colombo)

I PRIMI CONTROLLI MEDICI

Stava percorrendo la salita finale della dodicesima tappa del Tour de France, con arrivo sull’Alpe d’Huez, quando Vincenzo Nibali è caduto. La dinamica non è molto chiara, ma è probabile che la causa sia imputabile ad una moto dell’organizzazione, come ha dichiarato lo stesso ciclista quando è arrivato al traguardo con tredici secondi di ritardo. «Mi ha toccato una delle due moto della polizia che erano al nostro fianco. È colpa loro». Il problema è che ora il Tour de France è a rischio per Nibali: sottoposto a visita e radiografia, il ciclista potrebbe aver riportato una frattura vertebrale. È questo – come riportato dal Corriere della Sera – il sospetto dei medici di Grenoble, dove è stato portato in ambulanza perché non era disponibile un elicottero. I big della corsa – come Froome, Thomas e Dumoulin – avevano deciso di attenderlo dopo la caduta, ma il francese Bardet ha rotto il patto e attaccando, aprendo così la bagarre. Niente fair play dunque. Clicca qui per il video della caduta.

CADUTA NIBALI, SOSPETTA FRATTURA VERTEBRALE

Mancavano quattro chilometri al traguardo quando Vincenzo Nibali è stato buttato a terra. Ora per lo Squalo si teme il ritiro dal Tour de France: i primi esami eseguiti nella clinica mobile a ridosso della linea d’arrivo non sono stati confortanti. La responsabilità della caduta è stata di una moto della polizia, anche se la tv francese non ha mandato le immagini dell’accaduto. Grandissimo lo Squalo comunque: non ha perso la calma e si è messo all’inseguimento, infatti al traguardo il ritardo è stato solo di 13 secondi. Dopo l’antidoping, e mentre la dirigenza del team si recava dalla giuria per fare reclamo, Nibali ha spiegato l’accaduto: «Eravamo in mezzo alle moto. In quel punto la strada si stringeva molto, c0erano due moto della polizia, Froome ha accelerato e io che stavo bene l’ho seguito. Di colpo c’è stato un rallentamento e io sono andato giù». Il ciclista non ha smesso di crederci, ma non recrimina: «Sono cose che possono succedere quando c’è tanta gente, tanto pubblico».

I commenti dei lettori