CLASSIFICA TOUR DE FRANCE 2018/ Geraint Thomas conserva la maglia gialla: Froome sempre secondo (13^ tappa)

- Michela Colombo

Classifica Tour de France 2018: la maglia gialla è sempre di Geraint Thomas! Ecco le altre graduatorie prima della 13^ tappa Bours d’Oisans-Valence.

peter sagan Tour de France
Classifica Tour de France 2019: Peter Sagan (LaPresse)

L’arrivo della 13^ tappa del Tour de france 2018 non ha modificato poi tanto la classifica generale: ecco quindi che anche a Valence è sempre Geraint Thomas a conservare l’iconica maglia gialla da leader della corsa. Alle spalle dell’inglese ecco ancora una volta il compagno di squadra Chris Froome, con un gap di un minuto e 39 secondi: terzo gradino del podio sempre peer Tom Dumoulin, con +1.50” sullo stesso Thomas. Nessuna novità anche scorrendo la classifica generale: sempre quarto Roglic, con Bardet quindi (ovviamente manca Nibali che si è ritirato). A chiudere la top troviamo nuovamente Mikel Landa, Kruijskwijk, Quintana, Martin e Fulgsang: va detto però che l’alfiere della Astana registra ora un distacco di 5 minuti e 45 secondi di Geraint Thomas, leader.

OCCHIO A SAGAN

Vista la natura della 13^ tappa del Tour de France 2018 ecco che oggi saranno le ruote veloci e i protagonisti della classifica a punti a stare sotto i riflettori. Qui però, a circa metà della corsa la gara appare già ben chiesa a favore di Peter Sagan, già leader da tempo con la maglia verde. Il dominio ai traguardi veloci del campione del mondo è stato noto: sono infatti già 399 i punti ottenuti dallo slovacco, che ieri ha pure perso il primo avversario. Si è infatti ritirato dalla corsa Fernando Gaviria, tra i vincitori delle prime frazioni e fino a ieri secondo classificato nella graduatoria a punti. Ora tornivamo Alexander Kristoff al secondo gradino, ma il norvegese vanta appena 129 punti fino alla 13^ frazione della Grande Boucle. Terzo gradino per Arnaud Demare a quota 106 punti e quarto per Degenkolb, ottimo nelle prime tappe del Tour de France 2018: quinto piazzamento infine per un italiano ovvero Andrea Pasqualon che con la Wanty ha finora raccolto 82 punti.

NIBALI COSTRETTO AL RITIRO

In vista della 13^ tappa del Tour de France 2018 è proprio il caso di dire per Vincenzo Nibali la famosa frase “oltre al danno pure la beffa”, visto quanto è successo ieri in strada e oggi alla classifica generale del Tour de France 2018. Lo squalo infatti proprio mentre tentava l’attacco decisivo all’Alpe D’Huez è stato toccato alla spalla e in seguito alla caduta l’alfiere della Bahrain non solo ha perso parecchio tempo ma ha pure riportato una grave frattura. Nibali però sul momento non si era pianto addosso e tornato subito in sella era uscito ad subito a rientrare e ad arrivare al traguardo con pochissimo distacco dal vincitore Geraint Thomas. Arrivato al traguardo però ecco risolto il mistero: lo squalo era stato infatti colpito da una moto della gendarmeria francese, intenta a salvaguardare la sicurezza degli stessi corridoi. Il fatto è clamoroso ma purtroppo però non è nell’incidente la beffa clamorosa. Nonostante il ricorso presentato dalla stessa Bahrain infatti la giuria del Tour ha deciso di confermare i 13 secondi di gap dello stesso Nibali, rifiutando quindi di restituire i secondi perduti dallo stesso alfiere italiano in seguito allo scontro, dove non vi era alcuna colpa del siciliano. La polemiche però ora sono inutili visto che Nibali in seguito alla frattura ha dovuto dare forfait nella tarda serata di ieri: il Tour de france come la sua prima classifica, ha perso un grande protagonista.

LA MAGLIA GIALLA

Nuovo appuntamento con il Tour de France 2018 e con le classifiche che stanno caratterizzando questa accesissima edizione: vediamo allora che sta accadendo alla nelle varie graduatorie alla vigilia della 13^ tappa, tutta dedicata alle ruote veloci. Prima di dare il via alla corsa a Bourg d’Oisans infatti dobbiamo ricordare che al termine del complicato tratto di ieri è sempre Geraint Thomas a vestire la maglia gialla da leader. L’inglese vanta oggi un crono genarle di 49H24’43”, ma soprattutto ancora un congruo vantaggio rispetto al suo primo avversario, ovvero il connazionale e compagno di squadra Chris Froome. Il keniota bianco infatti registrando una bella prova ieri ha portato a 1’39 il suo distacco da Thomas, appena più ampio dopo l’arrivo di ieri: terzo gradino del podio sempre per Tom Dumoulin, ora a + 1’50” dalla maglia gialla. Inalterate di fatto le altre posizioni ma non i distacchi pesantemente rimaneggiati: quarto e quinto ecco Nibali e Roglic, con a seguito Bardet, Landa, Kruijskwijk, Quintana e Martin, questo decimo a +5’11” da Thomas. 

LE ALTRE GRADUATORIE

Ovviamente non possiamo non ricordare poi anche le altre graduatorie che stanno caratterizzando il Tour de France 2018 in primis della a punti, oggi particolarmente sotto i riflettori, vista la natura della frazione. Qui infatti il leader più che indiscusso rimane Peter Sagan che con 339 punti , ha ora strada libera fino a Parigi. Al secondo posto dopo tuto troviamo Kristoff a quota appena 129 punti con Demare terzo a 106 punti finora ottenuti. Parecchi scossoni invece ha ricevuto la classifica dedicata agli scalatori: qui la maglia a pois rimane però sempre sulle spalle di Julian Alaphilippe, sia pure questo fermo a quota 84 punti. A podio dopo le alpi anche Barguil e Pauwels, appena distanti. A chiudere ecco la classifica dedicata ai giovani: qui il leader con la maglia bianca è anche oggi il francese Pierre Latour: dietro lui spazio a Guillaume Martin e Gomez, questi però vantano un distacco rispettivamente di 1’5” e 4’41”

LA CLASSIFICA GENERALE TOUR DE FRANCE

1 THOMAS Geraint TEAM SKY 53h10’38”

2 FROOME Christopher TEAM SKY +01’39”

3 DUMOULIN Tom TEAM SUNWEB +01’50”

4 ROGLIC Primoz  TEAM LOTTO NL – JUMBO +02’46”

5 BARDET Romain  AG2R LA MONDIALE +03’07”

6 LANDA MEANA Mikel  MOVISTAR TEAM + 03’13”

7 KRUIJSWIJK Steven  TEAM LOTTO NL – JUMBO +03’43”

8 QUINTANA ROJAS Nairo Alexander  MOVISTAR TEAM +04’13”

9 MARTIN Daniel  UAE TEAM EMIRATES +05’11”

10 FUGLSANG Jakob  ASTANA PRO TEAM +05’45”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori